Halloween è diventato un appuntamento fisso anche nel Bel Paese, dove non mancano tante proposte a tema. C’è chi la critica e chi la ama, ma in Italia di tradizioni legate al Giorno dei Morti (2 novembre) ce ne sono sempre state…

Halloween in Italia: un prodotto di esportazione?

Quando in Italia dici Halloween c’è ancora chi storce il naso e ha da ridire sul fatto che si stia dando spazio a un prodotto e a una festività che in realtà non ci appartiene. Ma siamo davvero certi di questo?

Tutti sappiamo che si tratta di una festa americana di tradizione irlandese e risalente all’epoca celtica. Ma c’è una buona probabilità che Halloween in Italia esistesse già in tempi preistorici, prima addirittura dell’esistenza dei Celti.

Alcuni esperti di tradizioni popolari affermano infatti che Halloween in Italia già esisteva ma con un nome diverso. Si trattava di una antichissima festa agro-pastorale chiamata Dodekaemeron (12 giorni) e che segnava la fine delle attività agricole e l’inizio della stagione fredda che rappresentava anche la stagione dei morti. Un periodo di dodici giorni, a cavallo tra la fine di ottobre e l’inizio novembre, in cui si credeva che i morti potessero tornare nel mondo dei vivi.

Inoltre, c’è una storiella che gira per le strade di Little Italy a New York e che vede contendersi il simbolismo della festa fra due prodotti della terra: la zucca e la rapa. Utilizzare la zucca per Halloween è stata un’idea di un emigrante italiano che la suggerì agli emigranti irlandesi che continuavano a festeggiare intagliando le rape: le zucche erano molto più semplici da intagliare ed inoltre erano ricche di semi, carichi di simbolismo e che rappresentano la vita che rinasce dopo la morte e la fine della stagione fredda!

Detto questo, ha senso festeggiare Halloween in Italia? Se la vostra risposta è sì, ecco le idee “più terrificanti” scelte per voi da Visit Italy!

Ora tu, se lo vuoi, canta la ballata della zucca con noi!

Nightmare Before Christmas

10. Alla ricerca dei mostri nel Parco di Bomarzo (Lazio)

20211018131432Livioandronico2013-Monster_in_Parco_dei_Mostri_(Bomarzo).jpg

Il Parco di Bomarzo o Sacro Bosco di Bomarzo è un parco naturale in provincia di Viterbo, anche conosciuto come il Parco dei Mostri. All’interno ci sono grandi sculture in pietra raffiguranti mostri, animali mitologici e divinità: un percorso per immergersi totalmente nella magia.

Una sorta di labirinto unico al mondo, nel quale provare a svelare simboli e misteri del parco, ancora oggi sconosciuti. L’idea perfetta per festeggiare Halloween in Italia con i bambini!

9. Visita ai castelli infestati delle Langhe (Piemonte)

20211018144038420px-Castello_Serralunga_d’Alba-Rufus46.jpg

Un’altra meta perfetta dove festeggiare Halloween in Italia sono le Langhe piemontesi. Una zona collinare che in autunno dà il meglio di se, grazie ai magnifici colori dei vigneti e che in questo periodo si carica anche di un fascino misterioso che riporta alla luce antiche leggende e credenze.

Infatti, nelle Langhe pare si aggirino le Masche, le streghe piemontesi dispettose e vendicative che si divertono a spaventare i contadini della zona ancora oggi. Non sono malvagie, ma meglio non farle arrabbiare!

Nelle Langhe ci sono anche magnifici castelli che si dice essere infestati dai fantasmi. È il caso del Castello dei Conti Roero di Monticello d’Alba: si racconta che al suo interno si aggiri il fantasma di Chiara, una giovane donna disperata per la morte del suo sposo, ucciso proprio durante le nozze. Qui generalmente la sera di Halloween viene organizzata una visita guidata decisamente dark!

8. Festa delle Streghe di Corinaldo (Marche)

20211018151741Corinaldo, Marche, Italy by Gianni Del Bufalo.jpg

A Corinaldo è un borgo medievale ricco di suggestioni storiche e tradizioni dell’entroterra di Ancona. Qui si celebra la festa di Halloween più amata delle Marche: dal 1998 ha luogo La Festa delle Streghe. Un evento per grandi e piccini, ricco di stand e attrazioni a tema, come la Torre delle Trasformazioni e il Tunnel della Paura.

Evento nell’evento è il concorso di Miss Strega con il quale si elegge la Strega del Terzo Millennio. Chiunque vi può prendere parte…uomini inclusi!

7. Fucacoste e Cocce priatorije a Orsara di Puglia (Puglia)

20211018154013Orsara di Puglia.jpg

Nel borgo di Orsara di Puglia, in provincia di Foggia, ha luogo una sorta di “Contro-Halloween”, perché non si svolge il 31 ottobre ma nella giornata e per tutta la notte del 1° novembre, il Giorno di Ognissanti. Si tratta dell’antichissima ricorrenza di Fucacoste e Cocce priatorije (Falò e teste del purgatorio), durante la quale va in scena un’usanza peculiare e antichissima: la condivisione del cibo per strada accanto al fuoco. Ogni famiglia del posto organizza un falò e un banchetto da condividere con parenti e amici.

A rappresentazione delle teste del purgatorio, le strade del centro sono decorate con centinaia di zucche intagliate in modo da raffigurare sembianze umane e accogliere al loro interno dei lumini. Un evento coinvolgete e suggestivo, dove però non troverete nessuna strega né tanto meno mostri che vi chiedono “dolcetto o scherzetto”: i Fucacoste sono un momento di condivisione e di ricordo dedicato ai defunti.

L’alternativa giusta per chi non ama particolarmente Halloween!

6. La discesa verso l'abisso nel Pozzo di San Patrizio (Umbria)

20211018161155Pozzo_di_San_Patrizio,_Orvieto_(TR)_-_panoramio_Fabio Poggi.jpg

A Orvieto c’è un luogo molto suggestivo che è il Pozzo di San Patrizio, dedicato proprio al famoso santo irlandese. Esso fu costruito durante il Rinascimento e secondo la leggenda, rappresentava la discesa negli Inferi. All’epoca della costruzione il pozzo era chiamato “Pozzo della Rocca”, perché progettato per uso combinato con la rocca fortificata della Fortezza dell’Albornoz.

Assume l’attuale nome durante l’Ottocento per simboleggiare il percorso spirituale dell’animo umano. Infatti, la leggenda del santo irlandese narra che San Patrizio fosse il custode di una grotta senza fondo – il pozzo appunto – dove i fedeli si convincevano delle atrocità delle pene dell’Inferno. Solo chi fosse riuscito a raggiungere il fondo, superando una serie di avversità, avrebbe ottenuto la remissione dei peccati e l’accesso al Paradiso.

Oggi il pozzo ha perso questa sua funzione primaria trasformandosi in una delle migliori attrazioni di Orvieto. Quindi perché non scegliere di visitarlo proprio nel giorno di Halloween e rafforzare il legame tra Italia e Irlanda?!

5. Castello di Scipione a lume di candela (Emilia-Romagna)

20211018164241Scipione_Castello-CarloPalmieri36.jpg

Il Castello di Scipione, noto anche come Castello Pallavicino, è un maniero medievale che sorge nella piccola frazione di Scipione Castello nel comune di Salsomaggiore Terme, in provincia di Parma.

Ogni anno in occasione della Notte di Halloween si svolge una suggestiva visita a lume di candela. Una visita guidata durante la quale scoprirete e incontrerete personaggi misteriosi provenienti dal lontano Medioevo: fantasmi e giochi di luce a tempo di musica.

Per l’occasione, eccezionalmente aperti al pubblico: la prigione quattrocentesca e la porta segreta del Salotto del Diavolo. Non mancheranno inoltre decorazioni con zucche intagliate!

4. Il Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano (Toscana)

20211018170222Borgo a Mozzano (Lucca) - Ponte del Diavolo della Maddalena.jpg

Siamo in Toscana e a Lucca tutti gli amanti dei fumetti sanno di sicuro che durante questo weekend si svolge il Lucca Comics, la fiera del fumetto più importante d’Italia e d’Europa. Se i mostri e gli evil villains del mondo comics e manga non vi bastano e vi sentite dei veri Ghostbusters, continuate a leggere perché abbiamo la giusta idea per voi!

Non lontano da Lucca c’è Borgo a Mozzano, piccolo centro della Valle del Serchio, vera capitale toscana di Halloween. Il paese è celebre per il Ponte del Diavolo, caratterizzato da arcate asimmetriche. Dal 1993 il paese ospita Halloween Celebration, una serie di eventi a tema che culminano nella notte del 31 ottobre. Ogni anno si torna a rivivere la leggenda di Lucinda, nobildonna lucchese che sacrificava i propri amanti al diavolo per essere eternamente giovane e bella. E ancora, non mancheranno zombie parade, giochi di ruolo a tema vampiri e tante altre attività così spaventose da essere sconsigliate ai bambini.

3. Consonno: la Las Vegas fantasma della Brianza (Lombardia)

20211018173447Alessandro Fazzini-Consonno_autunno.jpg

Ecco un posto che sembra uscito direttamente dalla penna di Stephen King e che, con molta probabilità, i fan di Stranger Things adoreranno!

Siamo a Consonno, nella Brianza lombarda e qui si trova un “non-luogo” abbandonato e decisamente inquietante: la Las Vegas fantasma d’Italia. Un progetto ambizioso iniziato sul finire degli anni ’60 con l’obiettivo di trasformare una tranquilla cittadina in un posto ludico e consumistico che però non è mai decollato perché la forza di Madre Natura l’ha sventrato diverse volte, fino a portarlo al completo abbandono.

Consonno oggi è un assurdo insieme di edifici abbandonati e kitsch: piramidi, pagode, torri in finto stile medievale e ancora i resti del casinò, dell’hotel e del luna park che lo componevano. Ad accogliervi ancora l’insegna d’ingresso con su scritto “A Consonno è sempre festa!”. Decisamente una festa da brividi!

2. Napoli: I segreti e i misteri del sottosuolo...e non solo (Campania)

20211018175751Chiesa_di_Santa_Maria_la_Nova_(Napoli)_-_Chiostro_piccolo_Mentnafunangann.JPG

Sarà forse per la forte superstizione che caratterizza il popolo napoletano, ma Napoli è sicuramente una città fortemente esoterica che vale la pena di visitare anche in occasione di Halloween! Stregonerie, luoghi infestati, umide catacombe e necropoli sconsacrate. I segreti più occulti della città attendono solo di essere svelati nella notte più spaventosa dell’anno.

Già la sola visita al Cimitero delle Fontanelle con tutti i suoi teschi (“capuzzelle”) regala la giusta atmosfera spaventosa e mistica. Che cosa dire poi del suo Museo delle Torture, la più suggestiva esposizione di strumenti di tortura del Sud Italia.

Gira e scopri il bellissimo ed elegantissimo quartiere Posillipo e va sulle tracce dei suoi misteri e fantasmi: il palazzo sul mare e il fantasma di Donn’Anna Carafa, Palazzo degli Spiriti a Marechiaro, la villa maledetta sull’isola di Gaiola…

Ultimo, ma non per importanza, a Napoli vi è sotterrato il vampiro più famoso del mondo: il Conte Dracula! La tomba si trova all’interno del prezioso Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova, precisamente nel Chiostro Minore di san Giacomo della Marca. Inoltre, lo stesso autore irlandese Bram Stoker visse a Napoli nel 1875.

1. Venezia: il palazzo di Ca' Dario, le leggende di Cannaregio e l'Isola di Poveglia (Veneto)

20211018184006Palazzo_Dario_Iain99.jpg

Venezia, anche a causa della sua ricca storia e speciale atmosfera, è probabilmente la città italiana con più segreti. Il solo sestiere di Cannaregio nasconde incredibili leggende di fantasmi e storie di delitti misteriosi tutti da scoprire.

Celebre è anche il segreto che gira attorno a Ca’ Dario, splendido palazzo che affaccia sul Canal Grande con una peculiarità: tutti i suoi proprietari e affittuari sembrano destinati a morire per una morte violenta o improvvisa. Fra le ultime vittime, il finanziere Raul Gardini e il bassista dei Who John Entwistle.

Ci sono poi tante leggende e misteri, tramandate di generazione in generazione, che riguardano la città di Venezia, come nelle zone di Rialto e Castello.

Nella Laguna vi è poi l’inquietante Isola di Poveglia che pare sia completamente infestata dai fantasmi (addirittura si parla di 160.000 anime). Su quest’isola, infatti, durante la peste venivano lasciati gli appestati e i cadaveri. Qui poi nel Novecento fu eretto un manicomio, nel quale si dice che un medico torturasse e conducesse esperimenti sui pazienti, finché un giorno morì cadendo dalla finestra del campanile. Incidente, vendetta o il potere degli spiriti?

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti