Tu di lu cori sì la calamita, la mia palora non si cancia e muta; ti l'hè juratu e ti saroggiu zzita, Chista mè porta ppi l'autri è chiujuta: Cala li manu si mi voi pi zzita, l'ura di stari 'nzemi 'un è vinuta: si cchiù mi tocchi, comu Gammazita, mi vidi 'ntra lu puzzu sippilluta.

Poesia popolare anonima catanese

Un amore non ricambiato

Il racconto risale al periodo della dominazione angioina in Sicilia. Parla di una giovane donna, di nome Gammazita, e di un soldato francese che si innamorò perdutamente di lei. La ragazza, tuttavia, non ricambiava questo forte amore. Un giorno, prima del suo matrimonio, mentre la giovane si recava al pozzo per prendere l’acqua, venne aggredita dal disperato amante. Gammazita, piuttosto che concedersi così al soldato, senza via di fuga, preferì gettarsi nel pozzo. Si racconta che la sciagurata morte della ragazza e la sua grande virtù destò negli abitanti di Catania profonda commozione. Le macchie rosse, dovute ai depositi di ferro, che si formano nel pozzo, si dice siano le tracce di sangue di Gammazita.

Versioni successive della leggenda

La leggenda, di per sé scarna, fu successivamente arricchita. Si racconta, infatti, che donna Macalda Scaletta, una bellissima vedova, attirasse a sé tutta l’attenzione dei soldati francesi e non di Catania. La donna, però, era innamorato del giovane Giordano, che però non ricambia, dato che amava la giovane Gammazita.

Così donna Macalda si accordò con un soldato francese per farla fuori, così da avere Giordano tutto per sé. Il piano non andò come previsto, e la fanciulla riuscì a liberarsi dalla stretta del soldato. Non vedendo come scappare, però, scelse di buttarsi nel pozzo per non infangare il suo onore. Una volta appresa la notizia, Giordano, accecato dal dolore e dalla disperazione, pugnalò a morte l'aguzzino della sua amata.

Il pozzo di Gammazita

Ad oggi è possibile visitare il pozzo della leggenda. Si trova vicino nei pressi del Castello Ursino ed è visitabile grazie all'associazione Gammazita, che da tempo lavora per la sua valorizzazione. 

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti