Casale Monferrato, in Piemonte, è una cittadina a misura d'uomo con un'atmosfera romantica che solo i piccoli centri sono in grado di regalare. Un tour tra arte, cultura, storia, natura ed eccellenze enogastronomiche.

Casale Monferrato, il territorio e la storia

20210821210127monferrato 1.jpg

Il Monferrato è un territorio storico-geografico del Piemonte caratterizzato da un paesaggio pressoché collinare, compreso essenzialmente tra le province di Alessandria ed Asti. Esso è suddiviso generalmente in Alto Monferrato, Basso Monferrato e Monferrato Astigiano. Nel Basso Monferrato, detto anche Casalese, troviamo Casale Monferrato uno dei centri più rilevanti di quest’area. Il comune si estende su una superficie pianeggiante ai piedi delle colline del Monferrato (celebre regione vitivinicola), di cui è tra l’altro considerato la capitale storica. Attraversato dal fiume Po e dai canali Lanza e Mellana, di portata chiaramente inferiore, il comune di Casale Monferrato ha un’altitudine che oscilla tra i 96 metri s.l.m. raggiunti nel punto minimo, i 116 metri del centro abitato ed i 299 metri s.l.m. registrati nel punto massimo.

La sua importanza è dovuta al suo privilegiato status di municipium romano. Da allora in poi, la località assunse una certa valenza nell’intero circondario. Seppur dopo un periodo di decadenza riconducibile alle invasioni barbariche, Casale Monferrato conobbe un prospero rinnovamento tra il XV ed il XVI secolo per opera dell’ultima dinastia bizantina, i Paleologi. Si assistette, dunque, ad un rinascimento politico, religioso e culturale. Successivamente al Trattato di Cateau-Cambrésis del 1559, passò sotto il dominio dei Gonzaga che la fortificarono e la resero una delle città-fortezza più grandi e prestigiose d’Europa. Tutto il Seicento fu segnato dagli assedi spagnoli e francesi. Grazie all’influenza barocca, vennero edificati eleganti chiese e palazzi che ancora oggi possiamo ammirare. Durante il Risorgimento, Casale Monferrato rappresentò un vero e proprio baluardo contro l’Impero Austriaco. Un viaggio nella storia, ma non solo…


Il Castello di Casale Monferrato

20210821220900Casale_Monferrato-castello1.jpg

Territorio fertile e strategicamente importante, Casale Monferrato è stato un punto di riferimento per molti secoli. Ciò è chiaramente riflesso nel centro storico, nel nucleo urbano e nell’architettura. Trattandosi di una piccola cittadina a misura d’uomo, respirerete l’atmosfera romantica che solo i piccoli i centri sono capaci di offrirci tra antichi palazzi, chiese, portici ed antiche botteghe storiche. Indubbiamente, una volta giunti a Casale, sarà impossibile non notare il Castello dei Paleologi che ancora oggi svetta, maestoso, nella piazza a cui ha dato il nome. A differenza degli altri castelli del Monferrato, che costellano i borghi o che si ergono in cima alle colline, questo di Casale Monferrato appare piuttosto singolare.

La sua struttura possente è tipica delle fortezze nel vero senso del termine. Di forma esagonale asimmetrica, è circondato da un fossato profondo. Attualmente ha mutato la sua funzione originaria divenendo uno spazio che ospita mostre ed esposizioni di ogni genere, centro di aggregazione e con un ruolo culturale notevole per la città. Inoltre, è sede dell’Enoteca Regionale del Monferrato

Il Duomo di Casale Monferrato o Cattedrale di Sant’Evasio

20210821210150duomo di casal monferrato.jpg

Procedendo da Piazza Castello e prendendo via Saffi, si scorge lentamente il Duomo. Noto anche come Cattedrale di Sant’Evasio, poiché dedicato al patrono della città, è un notevole esempio di architettura romanica. Venne consacrato nell’anno 1107, ma da fonti e documenti ufficiale la sua realizzazione è sicuramente precedente all’anno 1000. Nel corso dei secoli ha subito numerosi interventi di ristrutturazione e ricostruzione, ad esempio a seguito della distruzione di uno dei suoi due campanili. Verso la metà del XIX secolo a causa di cedimenti strutturali, l’architetto Alessandro Antonelli (celebre per la Mole di Torino), propose un progetto di demolizione per poi procedere all’edificazione ex novo della cattedrale.

Fortunatamente, l’archeologo Luigi Canina si oppose e intervenne con una significativa opera di restauro che ce l’ha consegnata come la vediamo oggi. Infatti, la sua facciata asimmetrica trova la sua ragione proprio in questo ed è uno degli aspetti che più colpiscono l’occhio del visitatore. Attualmente, la Cattedrale ospita il Museo del Tesoro del Duomo in cui è possibile ammirare numerose opere d’arte di notevole pregio come mosaici, manufatti tessili e di alta oreficeria. 

Piazza Mazzini

202108212212591024px-Piazza_Mazzini,_Casale_Monferrato;_a_winter’s_night_with_statue_of_Carlo_Alberto_and_Torre_civica_(Ian_Spackman_199xB_no10.jpg

Piazza Mazzini è indubbiamente la piazza principale della città. Vi si arriva da Piazza Castello e prendendo via Saffi e, la prima cosa che noterete è la statua equestre in bronzo di Re Carlo Alberto esattamente al centro. Proprio per questo motive la piazza è conosciuta anche con il simpatico soprannome di Piazza del Cavallo.

Il monumento venne costruito per volere dell’amministrazione comunale nel 1838 per aver scelto casale come sede della seconda corte d’appello del Piemonte, nonché per la creazione del primo ponte sul fiume Po. Da questa piazza principale, si diramano quelle che sono considerate vere e proprie arterie cittadine:

  • Via Saffi, dove si trova la Torre Civica
  • Via Roma, via dello shopping
  • Via del Duomo che, come il nome stesso lascia intuire, porta al Duomo
  • Via Lanza, dove si trova la storica fabbrica dei Krumiri, i biscotti tradizionali di Casale Monferrato.


Sinagoga, Musei Ebraici e altri Musei

20210821221451Casale_Monferrato0004.jpg

Edificata nel XVI secolo, ed esattamente nel 1595, la Sinagoga di Casale Monferrato è tra le più belle al mondo. Nel corso degli anni, è stata sottoposta a svariate modifiche, ampliamenti e restauri in linea con le influenze artistico-culturali dei periodi in cui essi hanno avuto luogo. Esternamente può effettivamente sembrare come un normale edificio privo di qualsiasi valore artistico, all’interno rimarrete stupiti dalla bellezza del tempio sacro. La Sinagoga, inoltre, accoglie al suo interno la sede di uno dei musei d’arte e di storia ebraica più importanti di tutta Europa. Gli amanti dell’arte e della cultura non saranno affatto delusi da Casale Moferrato. Infatti, oltre ai siti di interesse la città conserva un notevole patrimonio di opere pittoriche, scultoree e ceramiche visibili presso il Museo Civico e l’annessa Gipsoteca Bistolfi, presso l’ex convento agostiniano di Santa Croce

Eventi

Casale Monferrato è teatro di numerosi eventi e si converte ancor più in meta capace di attirare consistenti flussi turistici. Notevole l’iniziativa “Casale Città Aperta”, volta a promuovere la cultura, i monumenti ed i musei. L’evento si tiene ogni seconda domenica del mese ed il sabato precedente e prevede visite guidate la domenica pomeriggio. In contemporanea, si svolge anche il Mercatino dell’Antiquariato e, il terzo sabato di ogni mese (tranne agosto), vi è il consueto appuntamento con il Paniere, il tradizionale mercatino di prodotti biologici ed artigianali. Nel corso dell’anno altri appuntamenti degni di nota, la Mostra Regionale di San Giuseppe (nel mese di marzo) o Riso&Rose in Monferrato la storica kermesse con un programma fitto di eventi (nel mese di Maggio). Da non perdere, a settembre, la Festa del Vino del Monferrato.

Per ulteriori informazione e dettagli, si consiglia di far riferimento al sito officiale di riferimento.

Gli infernot del Monferrato

20210821222110infernot.jpg

Nella lista delle cose da fare nel Monferrato in un weekend, va assolutamente programmata una visita agli infernot, le tipiche cantine scavate a mano sotto le case in un particolare tipo di roccia. La pietra dei cantoni, tipica della zona del Basso Monferrato, è ideale per la conservazione non solo dei vini ma anche di altri alimenti deperibili. Inoltre, il circuito turistico degli infernot e l’area su cui essi sorgono sono stati inseriti nel Patrimonio Mondiale Unesco con la seguente motivazione: "Una eccezionale testimonianza vivente della tradizione storica della coltivazione della vite, dei processi di vinificazione, di un contesto sociale, rurale e di un tessuto economico basati sulla cultura del vino". Va precisato, tuttavia, che gli infernot dei comuni di Vignale Monferrato, Cella Monte, Ottiglio e Terrugia sono pubblici e quindi facilmente visitabili. Tuttavia, in occasione di particolari eventi culturali ed enogastronomici, facendone richiesta ai proprietari sarà possibile accedere anche ad alcuni private. Sarà un interessante viaggio nel tempo e nella storia alla scoperta di una tradizionale usanza tramandata di generazione in generazione.

Locanda Rossignoli

20210821210537locanda rossignoli.jpg

Nel cuore del centro storico di Casale Monferrato, la Locanda Rossignoli 1913 ci delizia con i migliori piatti tipici della tradizione piemontese e della cucina monferrina. Materie prime ed ingredienti scrupolosamente selezionati, uniti alla maestria e all’esperienza degli chef nel settore della ristorazione soddisferanno ogni palato ed ogni specifica necessità o preferenza. Troverete menu personalizzati e proposte per vegani, vegetariani e menu pensati per celiaci o chi soffre di intolleranze alimentari. Ampia anche la selezione dei vini provenienti dal territorio, il Monferrato, terra particolarmente fertile e ricca di vigneti.

Tra le specialità da provare, gli agnolotti monferrini, un piatto tipico della tradizione contadina piemontese. Pietanza molto saporita e rustica, consistono in pasta fresca fatta in casa e condita con sugo di brasato. Il termine brasare indica la cottura lenta della carne mediante un soffritto con l’aggiunta di vino o brodo e di pomodoro. All’interno di un recipiente chiuso ermeticamente, in genere una casseruola in ghisa, in coccio o acciaio, il vapore che si forma esalterà tutti i sapori. Inoltre, gli amanti della carne potranno gustare un ottimo fritto misto alla piemontese, un succulento bollito o il vitello tonnato. Altra prelibatezza da provare è la battuta di Fassona, una particolare razza bovina molto tenera, delicata, saporita e particolarmente indicata per essere mangiata cruda. Tra le offerte della Locanda Rossignoli imperdibili torte e dolci della casa ed i classici Krumiri piemontesi, deliziosi biscotti originari proprio della zona di Casale Monferrato.

Ma non è tutto. Nelle immediate vicinanze del ristorante, troverete Ca’ del Gine, un’ottima vineria dove passare delle belle serate all’insegna di eccellenti vini locali.


Via Giovanni Lanza, 10, 15033 Casale Monferrato AL

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Unisciti alla Community più Esclusiva di Amanti dell'Italia nel Mondo