Viaggio in Calabria, lungo la Costa degli Dei. Ecco cosa vedere e cosa fare a Tropea come un local

tickets banner

Tropea ti colpisce col candore delle sue spiagge stupefacenti, ti rapisce con i sapori prepotenti della cucina locale e ti stordisce con panorami capolavoro

Il titolo di perla del Tirreno le calza a pennello. 

Qui ti raccontiamo in 10 punti cosa c’è da da fare per vivere una vacanza autentica e dinamica e visitare Tropea come un local.

Cosa fare a Tropea come un local

Cosa fare a Tropea come un local

Ormai onnipresente nelle bucket list dei viaggiatori di mezzo mondo, Tropea è sempre più (la) meta dei desideri per la vacanza estiva dei sogni. Te l'abbiamo anche consigliata tra le 10 destinazioni da non perdere in Italia nel 2024

Tranquilla e ancora non così mainstream, questa cittadina sulla punta dello stivale, sospesa tra le trasparenze di un mare azzurrissimo e il rosso abbagliante delle sue golosità, regge benissimo il confronto con destinazioni universalmente più popolari, affollate e costose.

Noi ti diamo alcune dritte per la serie “dove mi fermo a dormire”, “cosa faccio la sera” e “come ammazzo il tempo” per goderti Tropea come un local

10. Cosa fare a Tropea come un local: passeggiare per il centro

Cosa fare a Tropea come un local: passeggiare per il centro

Girare per il centro storico di Tropea non necessita dell’ausilio di mezzi motorizzati. Preparati piuttosto a lunghe e piacevoli passeggiate intermezzate da pause gastronomiche (anche bizzarre, come scoprirai al punto 6). 

Inizia da Piazza Ercole e dai colorati caffè e negozi di artigianato nei dintorni. Da qui puoi incamminarti lungo il corso principale e farti strada tra gli affollati vicoli lastricati fiancheggiati da palazzi color crema e portali barocchi. 

Al rosso di cipolle e peperoncini, esposti come festoni all’ingresso di alimentari e ristorantini, fa da contrasto l’azzurro del mare che sbuca, talvolta inaspettatamente, dalle terrazze panoramiche che si aprono tra le abitazioni. Se si è fortunati, in alcune giornate si riesce a scorgere la sagoma dello Stromboli. L’affaccio dei Sospiri è il più famoso e fotografato, ma certo non il solo. Questo argomento, però, lo riprendiamo tra un po’.

Entra nel Duomo, visita il Museo Diocesano e fatti stupire dal MuMaT, il Civico Museo del Mare a Palazzo Santa Chiara. 

La sera ti intratterrai fino a tardi sorseggiando un aperitivo o gustando una cena di pesce in uno dei locali tipici di corso Vittorio Emanuele e delle strade e piazzette limitrofe.

La notte in estate è giovanissima e cresce tra i lounge bar del centro e le discoteche della costa. 

9. Soggiornare tra la campagna e il mare

Cosa fare a Tropea come un local. Soggiornare tra la campagna e il mare

L’alloggio perfetto è in una posizione tranquilla e panoramica ma allo stesso tempo ben collegata alle principali attrazioni del posto. Che, in luogo come Tropea, famoso anche e soprattutto per il suo mare straordinario, non può che includere le spiagge più belle e ricercate della Costa degli Dei. 

Opta per un hotel o un b&b del centro storico, oppure per camere e appartamenti a poca distanza, meglio se immersi nella natura, tra la campagna e il mare. 

Un ottimo esempio è il residence Hibiscus Uno. È eccellente per chi cerca un posticino accogliente dove ritagliarsi momenti di meritato relax senza rinunciare alla comodità di un alloggio dove tutto è a distanza di passeggiata. E non serve prendere l’auto per assecondare l’itinerario del giorno. Il centro dista soli cinque minuti a piedi e anche al mare si arriva camminando. 

8. Scalare il Santuario di Santa Maria dell’Isola

Cosa fare a Tropea come un local. Scalare il Santuario di Santa Maria dell’Isola

Lo scorcio che dà sul santuario di Santa Maria dell’Isola è probabilmente il più famoso di Tropea. Raggiungendolo, il grande scoglio di fronte all’abitato su cui svetta maestoso l’edificio religioso simbolo della cittadina, si entra in un quadro vivente.

Il luogo ha un fascino raggiante dettato solo parzialmente dalla bellezza del contesto naturalistico in cui è inserito. La sua storia secolare e le leggende che lo avvolgono sono parte integrante dell’attrattiva che esercita su residenti e turisti. 

La salita serpeggiante è un'esperienza a sé e può essere particolarmente provante se affrontata durante i caldissimi mesi estivi. Ma quando raggiungi la sommità e ti affacci sul parapetto, il panorama ti lascerà senza fiato: le acque turchesi si svelano sotto di te fino a raggiungere il borgo arroccato sulla falesia. 

7. Nuotare con la GoPro

Sognavi i Caraibi ma hai finito col prenotare per la Calabria? Consolati: la candida sabbia della Costa degli Dei non ti farà rimpiangere troppo i panorami tropicali. Qui si aprono alcune delle spiagge più belle d’Italia, con un mare cristallino e trasparente che è irresistibile. Prepara la GoPro e datti all’esplorazione. 

I lidi in prossimità della città si raggiungono attraverso le scalinate che dal borgo portano ai piedi della rupe su cui si staglia Tropea. Ci sono quelle in prossimità del Duomo, di largo Galuppi, largo Villetta e del Convento. 

La spiaggia dell'Isola, incorniciata dalla vegetazione mediterranea e quasi incastonata nella roccia, è il biglietto da visita esemplare per far colpo sui neofiti. 

Le spiagge della Rotonda e del Convento sono tra le più amate e frequentate. La seconda in particolare è un’attrazione immancabile per chi ama fare snorkeling e scoprire calette appartate celate lungo la scogliera. 

Piccola e incantevole, la spiaggia nascosta nella grotta del Palombaro si raggiunge a nuoto o in pedalò costeggiando l’isola Bella, la grande roccia su cui sorge il famoso santuario. Momenti romantici e tuffi spericolati: sta a te decidere come passare il tempo. 

6. Assaggiare il gelato alla cipolla

Cosa fare a Tropea come un local. Assaggiare il gelato alla cipolla

Sei in vacanza a Tropea, è pieno luglio e fa caldo. Molto caldo. Decidi di entrare in una gelateria per rinfrescarti. Mentre sei lì che scegli come assortire il tuo cono o la tua coppetta noti, tra i classici pistacchio, cioccolato e amarena, la targhetta con la dicitura “cipolla di Tropea”. 

È un miraggio dovuto al caldo? Ne hai mangiata così tanta (gratinata, su bruschetta, nella pasta, negli arancini, nell’insalata) che credi di avere le allucinazioni?

La persona al bancone ti rassicura. Sia sulle tue facoltà mentali che sulla bontà dell’insolito gusto gelato. Realizzi allora che la serata ha appena preso una svolta inaspettatamente trasgressiva. Ma come sarà il gelato alla cipolla di Tropea? 

La prima cucchiaiata svela un equilibrio rassicurante tra la dolcezza della cipolla e la freschezza cremosa del composto. Un dessert tranquillo e tutto sommato tradizionale, insomma. Ma aspetta di assaggiare il gelato alla ‘nduja…

5. Attraversare lo scoglio di San Leonardo

È un luogo pieno di suggestioni e con un proprio peculiare magnetismo, in cui l’azzurro del mare si riempie di sfumature cangianti in accordo con i riflessi del sole che filtrano all’interno. 

Lo scoglio di San Leonardo si trova sul lato destro del lido Roccette ed è possibile entrarvi non solo via mare ma anche direttamente dalla spiaggia, attraverso dei gradini scavati nella roccia. 

L’antro a cui si accede è detto grotta delle Sirene, poiché secondo una leggenda le ammalianti creature mitologiche solevano incatenare qui le fanciulle di cui erano gelose. 

La storia racconta una versione meno macabra sul passato di questo scoglio così simile alla formazione rocciosa su cui è stato edificato il santuario di Santa Maria dell’Isola. Un passato che è senz’altro antichissimo, come suggeriscono i vari reperti archeologici rinvenuti.

Un tempo, la grotta veniva utilizzata come riserva per i pescatori. Oggi, grazie alla sua particolare conformazione, è un richiamo per chiunque visiti Tropea. 

4. Fare una scampagnata

Dal verde delle colline al blu intenso del Mar Tirreno. Gli itinerari nella natura calabrese si dipanano in scenari mozzafiato e risvegliano i sensi con l'aria fresca del Mediterraneo.

Un bel trekking da fare nelle vicinanze di Tropea è il Cammino di Ulisse, un percorso nato di recente e che attraversa il paesaggio, a tratti selvaggio, di Caria di Drapia.

Il tragitto si allunga per 12 km, è ben segnalato e presenta alcuni dislivelli. L’arrivo è alla torre Marrana, antica torretta d’avvistamento del comune di Ricadi. Al termine trovai un curioso cartello che invita gli escursionisti a scambiarsi un bacio dinanzi al panorama. 

Un po’ più distante (ma vale pena allungarsi per praticarlo) è il trekking che da Joppolo, altro paese sulla Costa degli Dei, porta alla frazione di Caroniti. Si parte dal lungomare e si attraversano i boschi fino all’altopiano del Poro. 

3. Cercare il panorama perfetto

Il bacio tra lo Stromboli e il sole al tramonto è uno spettacolo esclusivo a cui si può assistere lungo la Costa degli Dei per due volte l’anno, in primavera e in estate.

Li chiamano i tramonti di Ulisse perché perfino l’eroe omerico ne rimase abbagliato e portano con sé un carico di suggestioni da sperimentare in prima persona. L’impatto visivo è mozzafiato.

Il fenomeno, osservabile sempre da punti diversi, si presenta a Tropea tra aprile e maggio e tra agosto e settembre.

Luoghi ideali per vedere il sole calarsi in mare dalla bocca dello Stromboli sono le spiagge lungo la costa tirrenica calabrese, come quelle di Marina dell’Isola e della Rotonda

Splendidi punti di osservazione sono anche la piazzetta del Cannone, largo Duomo, l’affaccio dei Sospiri, largo Galluppi e il belvedere Rico Ripa, nascosto tra due palazzi di largo Magliarese.

2. Partecipare a un evento local

Cosa fare a Tropea come un local. Partecipare a un evento local

Vivi Tropea come un local partecipando agli eventi che la movimentano nel corso dell’anno e che ne riflettono, tra sacro e profano, l’inebriante cultura popolare.

Alla santa patrona, la Madonna di Romania, sono dedicati festeggiamenti che coinvolgono l’intera comunità per due volte l’anno, in marzo e a settembre. E ad agosto si celebra santa Maria dell’Isola: una settimana di appuntamenti che culmina con la processione in mare e lo spettacolo pirotecnico nel giorno di Ferragosto. 

Il 23 marzo di ogni anno si tiene la fiera dell’Annunziata, dove trovare di tutto, dai prodotti tipici ai souvenirs. 

Durante l'estate, il Festival Internazionale del Folklore trasforma strade e piazzette in un vibrante palcoscenico, con gruppi provenienti da tutto il mondo. 

Agli amanti della musica è dedicato il Tropea Blues Festival, le cui note avvolgono il centro storico in un'atmosfera magica. 

Il cartellone degli eventi culturali si completa con il premio internazionale di poesia “Tropea: Onde Mediterranee” e con il Festival di Teatro Contemporaneo.

L’appuntamento che piace ai golosi è la sagra della Cipolla Rossa, con degustazioni, musica e divertimento.

1. Esplorare i dintorni

A breve distanza da Tropea, Capo Vaticano regala panorami unici grazie alle sue scogliere di granito bianco a picco su un mare così cristallino che dal belvedere nei pressi del faro le barche sembrano fluttuare a mezz’aria. 

Le Isole Eolie, facilmente raggiungibili, sono un altro scrigno di meraviglie naturali. Diverse compagnie di navigazione offrono mini crociere in giornata con partenza proprio da Tropea. 

Dirigiti verso nord per visitare una delle mete più amate dai viaggiatori in trasferta in Calabria, Pizzo Calabro. Entra nel castello aragonese, scambia (con un local?) tenere effusioni nel vicolo dei Baci e assaggia la dolce e irresistibile specialità locale, il tartufo

Potrebbe interessarti


Potrebbe interessarti