L’Italia è un paese meraviglioso che oltre a possedere città d’arte, monumenti e una natura straordinaria tra fiumi, laghi e montagne presenta anche una risorsa inestimabile: il Mediterraneo.

20210705130656mar della campania.jpg

Il mar mediterraneo infatti circonda quasi completamente penisola e le sue isole per oltre 7000 km di costa dalle forme più varie e dagli ecosistemi più disparati. A questa bellezza corrisponde una certa delicatezza di un ambiente che va assolutamente tutelato. Esplorare, conoscere e immergersi (anche letteralmente) in un tesoro marino come questo è sicuramente uno dei passi da fare per proteggere la natura e il nostro pianeta.

Il Mediterraneo: il mare con tanti “mari” al suo interno, tutti da conoscere e scoprire

20210705133720cinque terre boat.jpg

Quello che noi conosciamo come Mediterraneo e che associamo immediatamente all’Italia non bagna esclusivamente il bel Paese ma anzi può essere considerato tranquillamente capace di unire Europa, Africa e Asia in un’area che è stata fondamentale per lo sviluppo e per i commerci delle popolazioni più antiche.

Soffermandoci però esclusivamente sull’Italia ci accorgiamo che a seconda della posizione geografica in cui ci troviamo questo mare può assumere diverse denominazioni. Partendo quindi da Est e dai confini francesi troviamo il Mar Ligure su cui si affacciano le celebri cinque terre, Monterosso, Portovenere e Palmaria ma anche le grandi città di Genova e La Spezia fino alle coste della Toscana.

Dalle coste sud dell’isola d’Elba, spettacolare isola dell’arcipelago toscano si inizia a parlare di Mar Tirreno, così chiamato per i “Tirreni” che erano tutte le popolazioni non greche (etruschi in particolare) come venivano chiamati dagli autori dell’antichità come Esiodo o Strabone. Sulla costa Tirrenica che si estende dalla Toscana fino al Nord della Sicilia troviamo: coste rocciose e frastagliate ma anche spiagge larghe e sabbiose. Una immensa diversità che cambia da Regione a Regione, da Provincia a Provincia. Tra le città più interessanti da scoprire sul Tirreno sicuramente Napoli, con la sua storia millenaria e le vicine Sorrento, Amalfi, Positano, Salerno oltre che le isole di Capri, Ischia e Procida fino alle città archeologiche di Pompei ed Ercolano.

Ma le meraviglie del Tirreno sono appena cominciate: dal sud della Toscana fino alle città di Palermo e Cefalù, da Trapani alle Isole Egadi, poi ancora le calorose isole Eolie come Vulcano, Lipari, Salina, Filicudi e Alicudi fino alle coste calabresi e a gioielli come San Nicola Arcella, dove si trova la spiaggia dell’Arco Magno, e Tropea, la perla azzurra della Calabria.

Proprio qui in Calabria il Mediterraneo si perde in una fresca stretta di mano: quello tra lo stesso Tirreno e lo Ionio attraverso lo stretto di Messina, e non solo, esso poi bagna le coste siciliane, calabresi, pugliesi e della Basilicata. Dall’antica città di Crotone passando per Metaponto, Taranto, Gallipoli ed il Salento fino alla città di Santa Maria di Leuca, limite convenzionale tra lo Ionio e l’Adriatico, altro grande “mare dipendente” dell’enorme distesa d’acqua che è il mediterraneo.

La costa Adriatica rispetto alle altre e quella più bassa e sabbiosa, caratterizzata per la maggior parte da spiagge larghe e mare poco generalmente poco profondo. Puglia, Molise, Abbruzzo, Marche, Emilia-Romagna, Veneto e Friuli sono le sette regioni italiane bagnate dall’Adriatico con tantissime città costiere e luoghi spettacolari tutti da esplorare.

Dal Gargano con Vieste a Lignano Sabbiadoro, passando per Termoli; dalle piccole isole tremiti fino a Pescara o ancora risalendo affacciandosi su San Benedetto del Tronto, Ancona, Rimini e i suoi mille divertimenti fino ad arrivare a Venezia: capitale internazionale dell’arte e bagnata dalla laguna che è figlia di quest’adriatico tutto da vivere. 

Sostenibilità ambientale e impegno per la flora e la fauna marina

20210705143149tour in barca.jpg

Il piccolo excursus prova a illustrare le mille meraviglie delle nostre coste, con città d’arte, spiagge bianche fino a costoloni granitici a picco sul mare. Conoscere per imparare ma ancora di più, conoscere per proteggere. L’impegno da parte di tutti, visitatori e operatori del mare è sempre più quello di coniugare la qualità del viaggio alla sostenibilità ambientale come fa anche la piattaforma di esperienze e tour marittimi online You Know, da cui è possibile prenotare escursioni private e di gruppo in Italia e all’estero.

Quest'ultimo è un progetto online veramente interessante che ti permette di vivere esperienze uniche e facilita di parecchio le modalità di prenotazione. Tanti i partner e le figure professionali coinvolte che ti accompagneranno in giornate di mare con la massima attenzione e competenza. Inoltre è possibile anche noleggiare delle imbarcazioni privatamente e per più giorni con uno skipper sempre a tua completa disposizione. Un sogno che diventa realtà tingendosi del blu del mare.

Su di loro si è espresso anche Atex (Associazione Turismo Extralberghiero) che ha premiato l’impegno di questa azienda nella segnalazione alle autorità competenti della presenza di tartarughe sia in acqua che nelle nidificazioni costiere. Essere "Sentinelle delle tartarughe" significa che tutti iniziano ad essere attenti al nostro mare e a chi ci abita. Chiunque può contribuire alla causa segnalando la presenza di tartarughe marine al personale preparato che a sua volta contatterà la guardia costiera. Difendere il pianeta non è il tema del futuro, ma quello del presente. Salvare il mare e approfondire la sua conoscenza è un modo meraviglioso per amarlo e attaversarlo.

PRENOTA IL TUO TOUR NEL MEDITERRANEO

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti