Se l’Italia fosse una grande casa, la Puglia sarebbe indubbiamente il suo giardino. Decisamente variegato, offre all’ospite una varietà di panorami che spaziano dalle assolate campagne musicate dal frinío delle cicale, al mare di un intenso turchese-blu, ai borghi imbiancati di calce che ricordano la Grecia e l’Oriente.
La provincia di Bari offre una molteplicità di posti da vedere; qui ci soffermeremo in particolare sui borghi della costa sud, ognuno con la sua storia e le sue peculiarità.

Mola di Bari: cosa vedere e come arrivare

A soli 20 km troviamo Mola di Bari, cittadina di circa 25mila abitanti, nota per la sua storica marineria, che vanta il bel castello Angioino, testimonianza della riedificazione della città voluta da Carlo d’Angiò nel 1277. Il castello dà il benvenuto ai turisti giunti da nord e accompagna con lo sguardo il Lungomare Dalmazia, recentemente ristrutturato, piacevole area di passeggio nelle calde serate estive.

Mola è ricca di altri gioielli architettonici, tra i quali la Chiesa Matrice (XIII sec.) dedicata a San Nicola, la Chiesa della Maddalena (1630) che custodisce la statua della Madonna Addolorata, patrona di Mola, la Chiesa della Madonna di Loreto (1587), e, tra gli edifici civili, il teatro dedicato al musicista Niccolò van Westerhout e Palazzo Roberti, noto come ‘palazzo delle 100 stanze’. Tra le particolarità più curiose di Mola, la piazza XX Settembre, circolare, con al centro una bella fontana monumentale: un esempio delle poche piazze in Italia con la fontana al centro. 

Polignano a Mare: spiagge, grotte e altre meraviglie. Ecco cosa vedere

Continuando verso sud - suggeriamo di percorrere la strada complanare per immergersi nel tipico paesaggio della campagna pugliese, tra ulivi, terra rossa e mare - dopo la frazione molese di Cozze, è d’obbligo una capatina nel piccolo borgo di San Vito, dominato dalla omonima abbazia, preludio delle bellezze della vicina Polignano a Mare.

La cittadina che ha dato i natali all’immenso maestro della canzone italiana Domenico Modugno risente delle dominazioni arabe, bizantine, normanne, spagnole; il suo centro storico è un dedalo di viuzze ognuna delle quali offre uno scorcio da fotografare. Polignano è anche, e soprattutto, caratterizzata dalla sua costa frastagliata, che si apre nella meravigliosa e “super-instagrammata” Lama Monachile, la spiaggia tra le rocce bianche e ripide, da qualche anno teatro della famosa competizione di tuffi estremi Red Bull Cliff Diving.

Monopoli: spiagge e matrimoni lussuosi

La romantica Polignano lascia il passo a Monopoli, tra le cittadine pugliesi più gettonate dai turisti negli ultimi anni. E come resistere infatti alle sue calette nascoste e meravigliose il cui mare cristallino invita a un tuffo fuori programma? E che dire delle sue viuzze di chianche bianche, ricche di ristoranti, locali e botteghe artigianali? Nota già in epoca medievale, crocevia di viaggi e contatti con l'Oriente all’epoca delle Crociate, Monopoli vanta innumerevoli chiese, il castello di Carlo V, fortificato durante la dominazione spagnola, e, fuori città, il castello di Santo Stefano, in epoca medievale fortificazione del sistema difensivo della città, oggi spettacolare scenografia di matrimoni vip richiestissimo dai wedding planner d’oltreoceano. 

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti