Tornare a viaggiare è possibile, ricordando che prevenire è meglio che curare. Città della Scienza supporta la campagna vaccinale anticovid con l'iniziativa social "Io mi vaccino perchè" con testimonial del mondo scientifico, sportivo, istituzionale e artistico.

Tornare a viaggiare è possibile

Voglia di viaggiare, tornare alla vita è il sentimento che in tutti è cresciuto in questo ultimo anno che, invece, ha privato l’umanità di questi piaceri a causa della pandemia da covid 19. Un lungo lockdown che non ha permesso di visitare musei o mostre neanche nelle città di appartenenza, che ha visto e vede ancora chiusi cinema e teatri. Un virus che oramai da un anno costringe tutte le popolazioni con mascherina e gel igienizzanti, distanziamento, ma la voglia di serenità, di normalità, di cultura e di conoscenza sono sempre più forti ed è su questa scia di voglia di ritornare alla vita “normale” che il museo di Città della Scienza ha deciso di supportare la campagna vaccinale anticovid con l’iniziativa “Io mi vaccino perché..”.


La Campagna: io mi vaccino perchè...

L’idea è maturata in quanto da sempre Città della Scienza è impegnata in campagne che promuovono corretti stili di vita e oggi per tornare a vivere serenamente mettendo alle spalle la paura, l’ansia, le preoccupazioni per la salute e per l’economia esiste un solo rimedio ed è rappresentato dal vaccino. Purtroppo, però, sono ancora tanti i cittadini dubbiosi sulla necessità di vaccinarsi ed è proprio a loro che si rivolge l’iniziativa social di Città della scienza. Il progetto ideato dal direttore del Science Centre Luigi Amodio e dal professor Alfredo Budillon dell'Istituto Nazionale Tumori IRCCS "Fondazione G. Pascale" con la supervisione dal Presidente di Città della Scienza Riccardo Villari ha trovato la disponibilità di tanti testimonial facenti parte del mondo della scienza, delle istituzioni, dello sport e dell’arte. Oltre ai testimonial coinvolti però, tutti i cittadini potranno inviare il proprio video spiegando perché vaccinarsi e così contribuire a convincere gli scettici e finalmente poter ritornare a programmare viaggi, visite guidate, escursioni ed avventure al mare in montagna o ai laghi.


Uniti andrà tutto bene

Presupposto di partenza è la fiducia nella scienza ed il senso di responsabilità, solo con queste certezze si può pensare di garantire l’uscita dal tunnel di questo virus, ma è necessario che la campagna vaccinale raggiunga almeno più del 70% della popolazione perché sia realmente efficace. Solo così difenderemo noi stessi e chi per patologie non potrà fare il vaccino. Quindi vaccinarsi rappresenta anche un messaggio di amore verso il prossimo. In questo ultimo anno si è cercato di riscoprire nel vicino la forza per andare avanti e superare la paura e l’angoscia che soprattutto a marzo con il primo lockdown hanno sopraffatto tutti. Quindi vaccinarsi per proteggere noi stessi e gli altri, per sconfiggere un virus che ha mietuto e continua a mietere moltissime vittime e quindi consapevoli che anche in passato il vaccino ha rappresentato un valido strumento per arginare gravi malattie come la poliomelite o il vaiolo,può davvero considerarsi l’unica arma di difesa per poter davvero e con il sorriso dire che “Andrà tutto bene”. Ad aderire alla campagna promozionale il professor Andrea Ballabio, direttore del Tigem, Gino Rivieccio, attore e conduttore televisivo, la dottoressa Pina Tommasielli, medico di famiglia, lo scultore e pittore Lello Esposito e tanti altri tutti uniti nella convinzione che il vaccino rappresenta la soluzione alla fine di questa terribile pandemia che sta minacciando l’intera umanità.


Come prenotare la tua visita a Città della Scienza

Per accedere al museo è obbligatoria la prenotazione, visto il numero limitato di visitatori ammessi, ed è suggerito l’acquisto del biglietto online. La prenotazione non comporta costi aggiuntivi ed è obbligatoria anche per chi ha diritto a riduzioni o entrata gratuita.

Per prenotare occorre inviare una mail a contact@cittadellascienza.it indicando:

nome e cognome, numero di telefono, numero delle persone, giorno della visita e fasce orarie.

In seguito, otterrete una mail di risposta che vi darà conferma dell’avvenuta prenotazione.

Le prenotazioni per la visita al museo dovranno pervenire entro le ore 16 del giorno precedente alla visita.

Il costo del biglietto unico ridotto è di 5€; l’ingresso sarà gratuito per il personale sanitario con un accompagnatore e per i residenti di Bagnoli (sempre e solo su prenotazione obbligatoria).

In caso di maggiori informazioni, contatta il Contact Center di Città della Scienza al numero di telefono 081 7352222, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:30. 

PRENOTA QUI LA TUA VISITA

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Unisciti alla Community più Esclusiva di Amanti dell'Italia nel Mondo