La vacanza perfetta all’insegna di arte, cultura e divertimento? Abbiamo la meta ideale. Anche in estate. Scopri cosa fare a Perugia come un local.

Dai un tocco very umbro alla tua vacanza e scopri cosa fare a Perugia come un local.

È una città che incanta. Anche in estate.

Ti ammalia a partire dalla melodia che avverti la prima volta che ci metti piede. No, non parliamo di una qualche street band (di quelle, comunque, ne incontrerai parecchie). È una peculiare sinfonia di odori, sapori e visioni che non travolgono immediatamente ma ti avvolgono a poco a poco, passo dopo passo, piazza dopo piazza, rione dopo rione, senza che nemmeno te ne accorga. 

Perugia ti conquisterà a passo lento col sapore del suo romantico, iconico cioccolato, le note del festival jazz più celebrato e, ovviamente, l’esplosione di arte e bellezza condensate in un centro storico sì piccolo, ma che è — scoprirai presto — un’autentica time machine.  

Solenne come l’antico impianto etrusco che ancora la delinea, delicata come l’eredità del suo folgorante Rinascimento che ne ingentilisce strade, chiese, musei e palazzi, irriverente come la street art che la movimenta con ironia e modernità, Perugia è perfetta tanto per una fuga di poche ore quanto per un weekend con tutta la famiglia

La vita notturna scorre dolce e frizzante tra brindisi, musica e risate e il cibo è una delizia dall’antipasto al dessert. E poi i panorami, che paiono pennellate del Perugino. Non ci credi? Comincia col…

7. …fare un giro per le terrazze panoramiche più belle di Perugia

Le terrazze panoramiche più belle di Perugia

Tra le cosa da fare a Perugia come un local non può mancare un tour super panoramico. I perugini sanno bene che la loro città fa sfoggio di tanti affacci su un paesaggio che incanta da secoli. 

E che sia uno scorcio sui tetti cittadini o una terrazza sulla campagna umbra, lo spettacolo è sempre assicurato. Ancora meglio se con una birra o un profumato panino con il ciauscolo tra le mani. 

Da Porta Sole la vista abbraccia tutta la città, da borgo Sant’Antonio al borgo di Sant’Angelo, con le mura medievali, le antiche porte cittadine, il tempio di Sant’Angelo e i monti sullo sfondo.  

La strada che conduce al centro, via Battisti, è un altro spot privilegiato per foto perfette. Sotto di te troverai l’acquedotto medievale: non badare all’infinità di scale e attraversalo per goderti un’altra prospettiva mozzafiato. 

Spostati nei pressi di Porta Marzia, lungo la cinta muraria etrusca, e lasciati stupire da una sensazionale vista a tutto tondo su Perugia.

Ti abbiamo incuriosito? Allora il nostro articolo dedicato ai punti panoramici di Perugia potrebbe interessarti. Salvalo tra i preferiti e tienili tutti a portata di clic.

6. Guardare un film sotto le stelle

La Basilica di San Pietro è tra gli imperdibili di Perugia. Ci trovi ori, marmi, affreschi, una quantità di opere da far girare la testa, dal Vasari al Perugino, e un bell’orto medievale.

Già che ci sei, ti segnaliamo un posto che è proprio a due passi dall’antica cattedrale, sempre in Borgo XX Giugno, il “Borgo Bello”, e che rappresenta un angolo di verde e storia nel cuore della città. 

Parliamo dei giardini del Frontone, i più antichi di Perugia e senza dubbio tra i più belli e frequentati dai local. 

Teatro fin dal medioevo di giochi, esercitazioni militari e manifestazioni di ogni genere e tipo, nel Settecento furono i poeti della Colonia Arcadica Augusta a prendersi cura di questo luogo dando forma e lustro ai giardini.

Oggi, sono lo sfondo altamente suggestivo di spettacoli, concerti e fiere. Un suggerimento? Il Perugia Flower Show, una grande mostra mercato che si tiene due volte l’anno e in cui potrai ammirare fiori e piante rare.

Tra le cose da fare a Perugia, trova quindi posto per un giro — o magari una corsetta — all’ombra dei lecci e cipressi del parco, con il suo piccolo anfiteatro e l’arco di trionfo del XVIII secolo. 

In estate, poi, i giardini del Frontone diventano la cornice d’eccezione per un amatissimo cinema all’aperto, con i successi cinematografici più recenti proiettati sotto le stelle delle calde serate perugine. 

5. Assistere a un concerto

Ogni mese è un buon mese per visitare Perugia, ma a luglio, quando note, voci e vibes dal sapore internazionale vibrano nel centro storico medievale, è tutta un’altra musica.

Qui, musica è sinonimo dal 1973 di Umbria Jazz, la kermesse jazzistica più importante in Italia. 

I locali, e non solo, stravedono per il trionfo di suoni, colori e libertà che pervadono la città come in una grande festa, quasi un’esuberante Woodstock all’italiana. Non perdertelo, perché avrai la sensazione di essere parte attiva in qualcosa di davvero speciale. 

Per gli amanti del jazz, quello con Perugia e il suo festival più acclamato è un appuntamento fisso che richiama appassionati, curiosi, cultori e profani in egual misura da tutta Europa.

Tanti i concerti gratuiti e le iniziative culturali tra piazze, arene e teatri, con le strade gremite di gente che balla, canta o semplicemente si gode l’atmosfera emozionante, calda e briosa che veste Perugia. 

Perché il successo dell’Umbria Jazz va oltre i grandi nomi che calcano i suoi palchi, ed è fatto di volti, storie, incontri, lingue sconosciute che si intrecciano al suono del linguaggio universale della musica. Imperdibile.

4. Fare una gita in un borgo da fiaba

Fare una gita vicino Perugia in un borgo da fiaba: Rasiglia

La fuga dalla città dei perugini è al lago Trasimeno o verso uno dei tanti borghi di cui brulica la provincia: Assisi, Norcia, Spello, Montone, Trevi, per citarne alcuni.

Quello che vogliamo proporti si trova a circa mezz’ora d’auto da Perugia e, già dalla reputazione che ha, puoi immaginare il tipo di ambiente che troverai.

Rasiglia è infatti anche noto come “il borgo dei mulini”, un paese da favola a 600 metri d’altezza dove il concetto di tempo è del tutto relativo. 

Scordati il rumore delle auto e le agguerritissime truppe di turisti delle città d’arte: a Rasiglia regnano quiete e lentezza. 

Divenuto noto negli ultimi anni grazie al passaparola sul web, questo piccolo abitato incluso nel comune di Foligno ti sembrerà una sorta di Venezia dell’Umbria, con torrenti, ruscelli, cascate e laghetti che attraversano prati, orti e case di pietra. Decisamente non uno spettacolo che si vede tutti giorni.

Ma cosa si fa a Rasiglia? Si passeggia, un gran piacere in un posto simile, pieno di angoli da cartolina. La Peschiera, il laghetto attorniato da mulini al centro del paese, è uno degli scorci più suggestivi. 

Potrai poi visitare le antiche testimonianza del vecchio centro industriale. Tutta l’acqua che vedi, infatti, un tempo dava energia per mulini, tintorie e lanifici. 

Se te la senti, incamminati verso il castello dei Trinci, ma valuta bene se affrontare il tragitto: la strada è in salita e al tuo arrivo troverai… dei ruderi. Lungo il cammino ti imbatterai anche nella Fonte Capovena, la sorgente che alimenta i canali di Rasiglia.

3. Sgranocchiare una torta al testo

Non un dolce, non una focaccia. E no, non è nemmeno una pizza, anche se gli ingredienti sono pressappoco gli stessi. 

La torta al testo è una specialità umbra, una delizia da provare seduti al tavolo di un ristorante oppure on the road per ricaricarti dalle continue salite che possono essere davvero estenuanti. 

Tra le cose da fare a Perugia come un local non puoi certo sottrarti all’assaggio del suo street food più famoso. Calda e fragrante, ti sarà servita in grossi spicchi, proprio come se fosse una fetta di torta, da divorare in men che non si dica. 

Si prepara con l’impiego — appunto — del testo, la peculiare piastra rotonda a cui deve il nome e che deriva dall’antico testum di epoca Roma, una sorta di padella in laterizio con funzione analoga.  

A Perugia troverai tanti negozi alimentari, bar e norcinerie dove ordinare la tua torta al testo e sbizzarrirti a farcirla con salumi e formaggi rigorosamente umbri. Non perdertela. 

2. Salire sulla torre degli Sciri

Delle tante torri che hanno fatto guadagnare a Perugia il titolo di città turrita (pare che in passato se ne contassero una settantina), quella degli Sciri è l’unica sopravvissuta nella sua interezza. 

Al punto 7 ti abbiamo raccontato dei luoghi panoramici più belli. Ora che ci stiamo avviando verso la conclusione di questo breve excursus su cosa fare a Perugia come un local, abbiamo pensato di suggerirti un altro spot irrinunciabile per svettare come si deve sulla città. 

Per trovarlo devi recarti in via dei Priori, uno degli accessi principali al centro storico. La strada è già un’attrazione di per sé, brulicante com’è di palazzi d’epoca e intersecata da una miriade di viottoli medievali, piazze e salite (inevitabili a Perugia).

La torre degli Sciri è un simbolo della città umbra, che la maggior parte dei turisti si limita ad ammirare solo dall’esterno. Fatti coraggio, entra, prendi fiato e affronta i 288 gradini che ti porteranno in cima. Dall’alto dei suoi 42 metri la vista sullo skyline perugino ha un sapore dolce come i cioccolatini che non smetterai di scartare durante il tuo soggiorno. 

Se riesci, vienici al tramonto: il gioco di luci sui tetti e le pareti dei palazzi renderà il momento più magico che mai. 

1. Passeggiare in via della Viola

Da luogo di degrado a palcoscenico d’arte. Per David Byrne, uno dei posti al mondo in cui (e di cui) essere felici (il leggendario leader dei Talking Heads cura da anni un progetto editoriale, Reasons to Be Cheerful, che raccoglie storie virtuose di recupero urbano). 

Se sei di passaggio a Perugia, metti in conto una deviazione in via della Viola, storica strada a poca distanza dalla centralissima Piazza IV Novembre.

La storia recente del quartiere è una bella favola di riscatto e bellezza i cui protagonisti assoluti sono i residenti, che hanno completamente stravolto aspetto e reputazione di una zona a lungo considerata “da evitare”.

Oggi, via della Viola si presenta come un colorato e vivace laboratorio a cielo aperto di arte e cultura, un centro di aggregazione per giovani di tutte le età che trasuda poesia. 

Murales, graffiti, sculture, motti ironici e irriverenti impressi sulle pareti degli edifici e tante installazioni artistiche la rendono modernissima. 

Con i suoi atelier, le botteghe, la musica dal vivo e i locali pieni di vita, via della Viola ha un respiro internazionale unico, uno spazio in cui anche i local diventano turisti della propria città. 

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti