Ami l'arte e ti trovi in Italia? Sei fortunato, ecco 10 mostre d'arte da non perdere a giugno. L’inizio dell’estate sarà ricco di cultura e bellezza!

Per tutti coloro che senza arte non possono stare, l'Italia è sicuramente una meta di grande fascino. Giugno inoltre, non è troppo caldo ma le sue giornate di sole illumineranno le tue strade e i tuoi percorsi all’insegna delle mostre e delle arti.

E’ arrivato il momento di partire con le 10 mostre d'arte da non perdere a giugno. Seguici in questo incredibile viaggio!

10. “What a Wonderful World” – Museo MaXXi di Roma

Museo MaXXi di Roma

Il museo delle arti del XX secolo di Roma regala un nuovo allestimento permanente che permetterà di dare ancora più valore e risalto alla collezione. Tante le opere presenti in mostra con artisti del calibro di Micol Assaël, Ed Atkins, Rosa Barba, Rossella Biscotti, Simon Denny, Rä Di Martino, Franklin Evans, Thomas Hirschhorn, Carsten Höller, Liliana Moro, Jon Rafman, Tatiana Trouvé, Paolo Ventura e James Webb.

Una spettacolare visione del nostro mondo, meraviglioso e complesso allo stesso tempo, con l’arte che analizza, indaga, critica e immagina la realtà. Un bel posto da dove iniziare il nostro tour di giugno con le più spettacolari mostre d’arte in Italia.

9. “Elliott Erwitt. 100 fotografie” – Museo Diocesana Carlo Maria Martini, Milano

Elliott Erwitt. 100 fotografie

Una retrospettiva straordinaria dedicata a Elliott Erwitt, uno dei più noti e influenti fotografi del Novecento.

La mostra a cura di Biba Giacchetti, si articola intorno a cento dei suoi scatti più iconici, affiancati a quelli meno conosciuti che lo stesso Erwitt aveva deciso di utilizzare per i suoi lavori editoriali e pubblicitari.

8. “I Marmi Torlonia. Collezionare Capolavori” – Gallerie d’Italia, Milano

Gallerie d’Italia, Milano

La collezione Torlonia è una delle più importanti collezioni private di marmi antichi. E’ così che nella sede milanese di Gallerie d’Italia, in Piazza Scala, potrai trovare un percorso espositivo unico nel panorama italiano.

Un’esposizione che pone l’accento sulla storia del collezionismo, sottolineando l’importanza del Museo Torlonia alla Lungara, nato grazie allo stesso principe Alessandro Torlonia nel 1875. I tanti capolavori tra busti, sculture, sarcofagi, bassorilievi ed altro ti faranno viaggiare in un mondo antico impossibile da dimenticare.

7. “E’ stata la mano di Dio” – Museo Archeologico di Napoli

E’ stata la mano di Dio” – Museo Archeologico di Napoli

L’ultimo capolavoro del regista premio Oscar Paolo Sorrentino in oltre 50 immagini del set. A curare la mostra Maria Savarese, in un percorso che non è la riproposizione delle scene girate né la cronaca del backstage, ma una sorta di viaggio nell’idea estetica e di bellezza del regista Napoletano. Da visitare!

6. “Nel segno di Raffaello. Disegni del Rinascimento italiano” - Biblioteca Reale di Torino

Biblioteca Reale di Torino

Nel mese di Giugno la Biblioteca Reale di Torino realizza una pregevole mostra sul disegno italiano del Cinquecento. Un percorso di 26 disegni realizzati da Raffaello e dalla sua cerchia.

La storia del disegno italiano si incontra a Torino e ci illustra come Raffaello sia un modello per un’intera generazione di artisti, da Giulio Romano a Parmigianino da Baldassarre Peruzzi a Polidoro da Caravaggio passando per Baccio Bandinelli e per tanti altri pittori del Cinquecento che porteranno in Italia e in Europa la lezione del maestro di Urbino.

5. "Aldo Rossi"- Museo del Novecento, Milano

Un percorso eccezionale su un grande artista e architetto italiano di fama mondiale. Primo italiano a vincere il Premio Pritzker, sarà possibile ammirare oltre 300 sue opere, suddivise tra oggetti di design, modelli, dipinti, disegni e studi.

Una mostra che pone l'accento sull'architettura come dialogo tra tutte le arti, in un percorso che approfondisce e celebra la figura di uno dei grandi protagonisti della cultura visiva del secolo scorso.

4. “.RƎ” L’arte contemporanea a Palermo – Palazzo dei Normanni, Palermo

Palazzo dei Normanni, Palermo

Alberto Burri, Saint Clair Cemin, Tony Cragg, Zhang Hong Mei, Anselm Kiefer, Jeff Koons, Sol LeWitt, Emil Lukas, Mimmo Paladino, Claudio Parmiggiani, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Tania Pistone, Andres Serrano, Ai Wewei e Gilberto Zorio.

I protagonisti delle arti visive contemporanee si incontrano così al Palazzo dei Normanni di Palermo, Patrimonio dell’Unesco dal 2015, assieme ad altri siti della Palermo Arabo Normanna. Un percorso espositivo che sottolinea le conquiste visive degli ultimi anni di storia, con lavori che intendono sottolineare soprattutto il dibattito tra forma/contenuto che si è aperto già nella seconda parte del Novecento.

3 . “Bruce Nauman: Contrapposto Studies” – Punta della Dogana, Venezia

Punta della Dogana, Venezia

Venezia durante la sua Biennale d’arte amplifica la propria programmazione sull’arte contemporanea con una mostra dedicata a uno dei protagonisti della performance e della video arte, Bruce Nauman.

L’artista americano già vincitore del Leone D’oro a Venezia nel 2009 torna in città con un percorso espositivo inedito, in cui si affiancheranno alcuni lavori nuovi con quelli degli ultimi anni.

2. “Mattioli/Caravaggio. The Lightful fruit” – Pinacoteca Ambrosiana, Milano

“Mattioli/Caravaggio. The Lightful fruit”

Un dialogo intimo tra un pittore poetico e finissimo come Mattioli con il capolavoro di Caravaggio conservato alla Pinacoteca Ambrosiana, Il Canestro di Frutta. Un confronto audace con un maestro delle arti come Caravaggio e con una delle sue opere più celebri.

Proprio attraverso questa ispirazione Mattioli produsse dipinti e disegni che furono presentati alla Biennale di Venezia del 1968 ma che rimasero visibili solo il giorno dell’apertura, per via delle feroci contestazioni sociali e politiche.

1. Fakes. Da Alceo Dossena ai falsi Modigliani – Palazzo Bonaccorsi, Ferrara

Alceo Dossena

I capolavori del falsario Alceo Dossena, capace di riprodurre fedelmente lo stile dei greci e dei più grandi maestri italiani del Trecento e del Rinascimento.

Una mostra che intende raccontare tutto ciò che c’è dietro la riproduzione fedele di un’opera d’arte e che può far riflettere sulla linea sottile che divide il bello dal falso. Assolutamente da non perdere!

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti