Non è necessario spendere una fortuna per godersi un viaggio in Italia. Seguite i nostri consigli per assicurarvi una vacanza Italiana al miglior prezzo possibile, senza rinunciare alla qualità.

Abbiamo preparato per voi una guida completa per viaggiare in Italia con piccoli budget. Potrai leggere prima 13 imperdibili consigli su come vivere un'esperienza autentica Italiana, spendendo meno possibile. 

Poi a seguire troverai una lista di destinazioni mare, natura e città low budget.

Cosa aspetti? Continua subito a leggere per scoprirli...

13 consigli per viaggiare in Italia spendendo poco

20211119101258Aperitivo-budget.jpg

Grazie alla varietà del nostro territorio e alla ricchezza culturale di cui disponiamo, siamo sicuri che seguendo questi consigli di viaggio potrete esplorare l'Italia spendendo poco.

13. Sfruttare la spiaggia libera

Se potete fare a meno di lettino e ombrellone, utilizzate le spiagge libere per godervi il mare, evitando magari le ore di massimo calore tra le 12 e le 15.

12. Usare le fontanelle per l’acqua e spostarsi a piedi

Camminate il più possibile, prendete i bus ed evitate i taxi: queste sono le basi per un viaggio low cost che si rispetti. In Italia l'acqua è buona quasi ovunque, portatevi una borraccia e riempitela alle fontanelle o ai punti abilitati nelle stazioni: meno plastica nella spazzatura e qualche spiccio in più in tasca.

11. Puntate sulla qualità

Non annacquate il vostro viaggio con una infinita lista di cose da fare. Concentratevi su poche attrazioni, quelle che più si addicono ai vostri gusti, e puntate sulla qualità dei luoghi e delle attività.

10. Studiare il calendario ed evitare le festività locali

Eventi e feste tradizionali sono affascinanti e attirano frotte di turisti, come il Carnevale di Venezia o il Palio di Siena. Durante questi periodi, però, il costo di alloggi e trasporti sale vertiginosamente, quindi se l’obiettivo è spendere poco bisogna aggirare queste date.

9. Evitare le “trappole turistiche”

Cosa hanno in comune un giro in gondola, una foto con un gladiatore romano e una corsa su una carrozza trainata da un cavallo? Semplice, fanno schizzare il budget di viaggio alle stelle. Se il portafogli è già leggero, girate alla larga.

8. Sfruttare l’aperitivo per una cena leggera, ma gustosa

In molti locali, un paio di Spritz (o drink analcolici) durante l’aperitivo serale garantiscono accesso a mini-buffet, o a una serie di stuzzichini che spesso valgono una cena leggera (per circa 5-7 € a drink).

20211126163044street food 1.jpg

7. Mangiare nei mercati locali, o in trattorie non turistiche.

Puntate sullo street food! Ogni città ha il suo mercato alimentare da esplorare: troverete cibo genuino ad un costo decisamente inferiore rispetto ai ristoranti dei centri storici. Se proprio volete un posto a sedere per il pranzo, scegliete ristoranti non turistici e frequentati dai locali (trattorie, rosticcerie o taverne tradizionali), così da garantirvi porzioni generose e prezzi onesti.

6. Dormire in B&B e campeggi lontani dal centro

Le sistemazioni in strutture fuori dai centri città, specialmente quelle a conduzione familiare, sono il metodo perfetto per risparmiare e godersi comunque una soggiorno comodo e tranquillo (e spesso una buona prima colazione). Le località di mare hanno quasi sempre un campeggio ben attrezzato nei paraggi.

5. Sfruttare gli ingressi gratuiti a musei e chiese

Quasi tutti i musei offrono ingressi gratuiti la prima o l’ultima domenica del mese (come i Musei Vaticani o gli Uffizi). Inoltre, molte chiese sono gratuite da visitare, come la Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma e quella di Sant’Ambrogio a Milano.

4. Utilizzare i free walking tours

Nelle città più turistiche ci sono compagnie che offrono “free walking tour” delle attrazioni più importanti. Il costo di questi tour è a discrezione del partecipante, di solito un’offerta alla fine del giro. Questo è un buon modo per evitare trappole turistiche, pagare il giusto prezzo per un servizio (spesso sono sufficienti 10-15€) e comunque godere i benefici di una visita guidata.

3. Uscite dalle classiche rotte turistiche

Visitare una grande città di solito richiede un budget maggiore, specialmente per musei, ristoranti e alberghi, e per muoversi al suo interno in generale. Sfruttate la bellezza e l’unicità dei borghi e delle cittadine di campagna, uscendo dalle rotte turistiche troppo battute (se potete).

2. Prenotare in anticipo e… comparare!

Prenotare alloggi e trasporti in anticipo è fondamentale per viaggiare low cost, in quanto garantisce una scelta maggiore e dà accesso a ottime offerte. Se volete spostarvi in treno, Trenitalia e Italo offrono biglietti con sconti importanti sui treni Alta Velocità, se si prenota con 1-2 mesi di anticipo. Per i voli, viaggiate con compagnie low cost e usate i vari siti di comparazione dei prezzi per ottenere il prezzo migliore.

1. Viaggiare durante la bassa stagione

Il primo passo per risparmiare è evitare i costi dell’alta stagione turistica. Scegliete giugno o settembre per andare al mare. In inverno, cercate di evitare il ponte dell’Immacolata e le festività natalizie. La primavera e l’autunno sono ideali per visitare le città d’arte. Occhio alle offerte per i soggiorni durante i giorni feriali.

Dove andare al mare spendendo poco

20211118224600Levanzo-Porto.jpg

Trapani, Sicilia.

Trapani è la porta d’ingresso prediletta per godersi il mare della costa occidentale della Sicilia. L’aeroporto della città è ben servito da voli low cost e il prezzo per affittare un'auto non è per nulla proibitivo, specialmente prenotando in anticipo. Usate come base Trapani, o i borghi attorno ad essa, e da lì esplorate le spiagge sicule, scegliendo tra quelle di San Vito lo Capo, Bue Marino o la Riserva dello Zingaro. Consigliamo di spingersi fino alle Egadi (il traghetto costa solo 10€) per nuotare nelle incredibili acque cristalline di Favignana e Levanzo. Ombrelloni e lettini hanno di solito un costo contenuto e lo street food siciliano offre un rapporto qualità-prezzo difficilmente battibile. Inoltre, per dare varietà alla vostra vacanza visitate il borgo di Erice, il tempio di Segesta o raggiungete le suggestive saline.

Numana, Marche.

Il turismo di massa non ha ancora scoperto del tutto la Riviera del Conero, per cui il costo di alloggi, ristoranti e attività è ancora ridotto. Oltre ai paesini di Portonovo e Sirolo, il cuore della riviera è la splendida cittadina di Numana, immersa nel verde e dotata di due spiagge principali: quella di Numana Alta detta la “Spiaggiola”, ideale per lo snorkeling, e quella più a sud nella zona di Marcelli, una lunga distesa di sabbia più adatta alle famiglie. Per completare l’esplorazione della riviera, affittate una barca o un kayak per arrivare fino al promontorio del Conero, verso i faraglioni che danno il nome alla spiaggia delle Due Sorelle: acqua verde smeraldo e rocce a picco sul mare. Inoltre, Numana ha un delizioso centro storico per passeggiare e una varietà di ristoranti regionali dove spendere poco. Numana non ha una stazione dei treni, bisogna arrivare ad Ancona in treno o in aereo, e poi prendere un bus.

Maratea, Basilicata.

Affacciata sul golfo di Policastro, la piccola Maratea è una superba destinazione di mare per chi vuole un viaggio a prezzi contenuti. La città lucana è famosa per i suoi fantastici panorami marittimi e una lunghissima costa rocciosa intervallata da grotte e calette di sabbia nera. Ci sono numerose spiagge libere, tra cui segnaliamo la spiaggia di Fiumicello, quella di Santa Teresa e la Spiaggia Nera, tutte facilmente raggiungibili in auto. Il centro del borgo è il cuore della movida serale, ed è pieno di chiese, piazzette, edifici antichi, ma anche di ristoranti e locali. La città è sovrastata dalla statua del Cristo Redentore, costruito sulla vetta del Monte San Biagio. A Maratea troverete B&B e appartamenti privati dove affittare una stanza a partire da circa 45€ a notte. Consigliamo di arrivare in auto, magari affittandola all’aeroporto di Napoli (a 200 km). La locale stazione dei treni è ben connessa a Napoli Centrale. Ecco qui la guida completa a Maratea.

Altre opzioni.

Ci sono tante altre località di mare da visitare senza spendere troppo: considerate una vacanza rigenerante tra natura e mare a Rodi Garganico in Puglia (ben connessa con l'aeroporto di Brindisi) oppure lungo la bellissima Costa Viola in Calabria, un gioiellino di 30 km di costa servita dai voli low cost di Lamezia Terme.

Città da visitare spendendo poco

20211119092036Palazzo-Priori-PErugia.jpg

Perugia, Umbria.

Perugia ha le dimensioni di una città media, l’aspetto di un borgo medievale e una brillante vita notturna, grazie ai tanti giovani che studiano nelle due rinomate università cittadine. Il centro città è un condensato di arte e storia, e ha tanto da offrire per un weekend: il bellissimo Corso Vannucci, la Fontana Maggiore, il pozzo etrusco e la Rocca Paolina. Perugia è nota come la "città del cioccolato" per la presenza dello stabilimento della Perugina, visitabile per soli 9€. La città è piena di trattorie tradizionali dove godersi la cucina umbra senza spendere un patrimonio. Attorno a Perugia potete trovare agriturismi e pensioni con stanze che partono dai 50€ a notte. La città è dotata di un piccolo aeroporto connesso con il sud Italia e il nord Europa, ed è equidistante dagli aeroporti low cost di Roma Ciampino e Pisa. Leggete la nostra guida per scoprire i migliori punti panoramici della città.

Catania, Sicilia.

Catania è perfetta per un weekend di viaggio con occhio al portafogli, esplorando un gioiello del barocco italiano a prezzi modici tutto l’anno (gli alloggi in centro città partono da circa 40-45€ a notte). Palazzi nobiliari, chiese e una cucina semplicemente irresistibile la rendono una meta molto ambita dai turisti (occhio alla guida delle 10 cose da fare in città). Non perdetevi Piazza del Duomo, la Cattedrale di Sant’Agata e il coloratissimo mercato della Pescheria (perfetto per un pranzo di pesce veloce ed economico). Potete anche avvicinarvi all’Etna, o scalarlo: troverete tour di vario tipo e per tutte le tasche. Catania è ben connessa alla penisola e all’estero da un aeroporto con voli low cost. I mesi migliori per visitarla sono la primavera e l’autunno.

Lecce, Puglia.

Un’altra “Signora del Barocco”, Lecce è una città vivace e intensa, con palazzi di pietra calcarea dai colori caldi. Passeggiate nel raffinato centro storico, rilassatevi a Piazza Sant’Oronzo e visitate il famoso castello di Carlo V. Potete anche ammirare gratuitamente due perle della Roma antica nascoste tra le vie strette: il Teatro e l’Anfiteatro. La scena dello street food locale è dominata dalla deliziosa ed economica puccia, una piccola forma di pane riempita con vari ingredienti della tradizione contadina (melanzane, pomodori e formaggio). I prezzi di hotel e B&B partono da 45-50 € rendendo Lecce molto appetibile per un weekend economico. La città salentina è raggiungibile in treno, oppure arrivando all’aeroporto di Brindisi e prendendo una navetta. Date un occhio alla nostra guida per esplorare le migliori chiese barocche di Lecce!

Altre opzioni.

Oltre a queste tre scelte, l’Italia offre tantissime città da visitare con un occhio al budget. Meritano una menzione particolare Bologna, Trieste, Bari e Palermo, tutte località che possono vantare un aeroporto con voli low cost, tante opzioni di alloggio e ristoranti dove poter mangiare a poco prezzo.

Esplorare la natura spendendo poco

20211118225011monti_sibillini.jpg

Gola del Furlo, Marche.

L’ondulato entroterra marchigiano è pieno di luoghi suggestivi ed è spesso considerato una versione più economica della Toscana. Le Marche sono una destinazione ideale per chi cerca una vacanza low cost a contatto con la natura. L’affitto di una stanza nei piccoli borghi medievali parte dai 35-40€ a notte e i costi delle attività all’aria aperta sono piuttosto contenuti. Buona è anche la scelta per i campeggiatori. A poca distanza da Urbino, consigliamo di esplorare la Riserva Naturale della Gola del Furlo, una valle molto suggestiva con pareti di roccia a picco che cadono nel fiume Candigliano. Questo canyon permette ai visitatori di cimentarsi in diverse attività, come il trekking su sentieri di varia difficoltà, l’arrampicata o il kayak. La flora e la fauna locale sono estremamente ricche, si possono infatti incontrare daini, cinghiali e anche rapaci come i falchi pellegrini. Alcune domeniche vengono organizzate escursioni guidate gratuite. Vicino alle gole, lungo il fiume Metauro, si trovano poi le Marmitte dei Giganti, scavate nella roccia dal fiume e visitabili in canoa (escursione di due ore da 35€).

Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Umbria/Marche.

Il massiccio montuoso dei Monti Sibillini si presta a diversi tipi di turismo, con il comune denominatore dell’amore per la natura e del bisogno di tenere basso il budget. L’omonimo Parco Nazionale protegge questa area a cavallo tra Umbria e Marche, pieno di paesaggi montani meravigliosi dove potete scegliere tra sentieri e mulattiere per il trekking e la mountain bike, per staccare completamente dalla vita quotidiana: in questa zona vige la parola d’ordine “turismo lento”, al vostro passo. Fiore all’occhiello del parco è il Grande Anello dei Sibillini, un percorso escursionistico circolare di 120 km che si snoda attorno al parco, percorribile in ambo i sensi a piedi, in bici o a cavallo: grazie ai rifugi e bivacchi per dormire e ai sentieri ben segnalati, questo anello è ideale per apprezzare la bellezza di questo territorio selvaggio. Consigliamo di usare le cittadine di Norcia e Preci come base dove alloggiare (prezzi per notte a partire dai 60-70€) e da li esplorare il parco oppure alloggiare direttamente al suo interno nei rifugi e pensioni tradizionali, dove godersi la particolare enogastronomia dell’Umbria, regina della norcineria italiana. 

Altre opzioni.

Ci sono diversi luoghi in Italia dove godersi la natura e spendere poco, date un occhio alle Langhe in Piemonte, oppure al Trentino, pieno di opzioni per il trekking, lo sci e la mountain bike a un prezzo ragionevole.

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti