Un ridente borgo di pescatori

Santo Spirito è un ridente borgo di pescatori, sorto in una baia naturale a Nord della città metropolitana di Bari. In passato è stata la località marina e porto peschereccio di Bitonto, l’annessione al comune di Bari risale al 1928. Il ritrovamento di una nave romana ed alcune anfore sul fondale nei pressi dell’area del porto fa pensare che sin dai tempi antichi questa insenatura fosse usata come punto di attracco per le navi di piccole dimensioni. Secondo alcuni racconti tramandati, Santo Spirito sarebbe stato luogo di sosta di San Francesco di Assisi al ritorno dal suo peregrinaggio in Terra Santa. Con l’espandersi dell’edilizia e delle attività marinare, agricole ed artigianali nella prima metà del 1800, inizia lo sviluppo economico di Santo Spirito che diventa ben presto un luogo ideale per trascorrere le vacanze estive. Santo Spirito attualmente è una località turistica ubicata in un punto strategico a cinque minuti dall’aeroporto di Palese e ben collegata con le Ferrovie alle altre città costiere. Sono presenti inoltre diversi B&B, appartamenti e alberghi a prezzi sensibilmente inferiori rispetto al centro di Bari.

Il porticciolo ed il lungomare

Passeggiando nei pressi del porticciolo durante le giornate ventilate e soleggiate sarete colpiti dall’intenso azzurro del cielo e inebriati dall’odore del mare. Il porticciolo può ospitare oltre cinquecento imbarcazioni, i pescherecci sono ormeggiati sul vecchio molo a destra. Ogni pomeriggio i pescatori portano il loro pescato al mercato ubicato a riva del porticciolo e lo scaricano su appositi banconi posti al di sotto di tettoie. Solitamente la gente viene qui a comprare il pesce fresco.  

Di fronte al mercatino del pesce girando sulla destra verso il centro si trova la piazza di San Francesco dove è presente una bella statua del santo in bronzo. Il porticciolo è il luogo di ritrovo preferito dalle famiglie ma anche da gruppi di persone e giovani. Qui infatti ci sono gelaterie, pub, pizzerie e ristoranti che offrono vari menù soprattutto a base di pesce. Camminando sulle strade strette di fronte al porticciolo sarete avvolti al mattino dal profumo intenso dei cornetti e più tardi dalle focacce appena sfornate. Il lungomare di Santo Spirito è il luogo ideale per passeggiare o andare in bicicletta, per godere della brezza levantina durante le giornate assolate. Il suo tratto di costa offre chilometri di spiagge libere a cui si accede facilmente attraverso delle entrate e scalette. Alla destra del porticciolo si erge la Torre che è il simbolo di questo borgo marinaro. Al tramonto la Torre assume un colore caldo dalle tonalità dorate e il cielo ed il mare vi stupiranno.

Un borgo con ville nobili e palazzotti eleganti

Santo Spirito si distingue per la presenza di eleganti palazzotti e ville costruite dalle famiglie nobili di Bitonto alla fine del’800 che sono sparse dappertutto. Le ville più eleganti sono ubicate in Via Umberto e portano tutte un nome femminile. Passeggiando nei mesi primaverili lungo le stradine del borgo sarete pervasi dall’odore gradevole dei fiori di arancio e di altri agrumi che a volte si mescolano con quello più intenso del glicine. Alcune ville presentano una grande parco, ben curato con vialetti e fontane attrezzate per cerimonie e ricevimenti di ogni tipo, grazie agli eleganti e ampi locali presenti.

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti