Che ne dite di una vacanza in occasione della Giornata Mondiale della Neve? Da nord a sud, le più belle mete sciistiche italiane.

Come ogni anno dal 2012, la Giornata Mondiale della Neve si celebra la terza domenica di gennaio. Patrocinato dalla Federazione Internazionale dello Sci, l’evento ha lo scopo di promuovere lo sci e lo snowboard, negli ultimi anni in declino tra tutti gli sport invernali. L’iniziativa è, dunque, volta ad invertire questa tendenza negativa ed avvicinare le persone alle attività legate alla neve e agli sport invernali. L’obiettivo è quello di riportare tali attività ricreative al primo posto, facendo leva soprattutto sulle nuove generazioni. Proprio i bambini, in futuro non lontanissimo, saranno i responsabili di fabbriche, aziende ed industrie. Dovranno, quindi, imparare fin da ora a prendersi cura dell’ambiente.

La FIS, inoltre, punta sui benefici degli sport invernali praticati sulla neve sul nostro organismo. Oltre all’aria frizzante e pura da respirare a pieni polmoni, il contatto con la neve è un toccasana naturale per il benessere psicofisico. I paesaggi innevati trasmettono la pace e tranquillità di una coltre candida che abbraccia la natura in letargo. Le attività sulla neve, grazie al freddo, aiutano a produrre endorfine e migliorano l’umore oltre ad offrire tutti i vantaggi dello sport in generale. Se a ciò, poi, aggiungiamo delle location spettacolari e panorami mozzafiato, abbiamo ottenuto il mix ideale. L’Italia, col suo immenso patrimonio, vanta dei gioielli unici e incastonati nel cuore delle montagne. Non siete curiosi di scoprire quali?

13. Terminillo, Lazio

20220108182845Terminillo.jpg

Ad un'altitudine compresa tra i 1.506 e i 1.868 metri, il comprensorio sciistico del Terminillo si estende nella provincia di Rieti. Il Monte Terminillo, area sciistica storica, è conosciuto anche come "montagna di Roma" per via della breve distanza dalla capitale. Infatti, trattandosi di appena 100 km, sono molti i romani che optano per questo polo.
La zona, che si sviluppa tra le cime del Terminilluccio e del Terminilletto, offre circa 30 km di piste di cui 10 per lo sci alpino, nonché 4 impianti di trasporto. La storica funivia degli anni Trenta collega il piccolo centro di Pian de' Valli con il Terminilluccio. Da quest'ultimo, grazie ad una seggiovia, gli sciatori possono raggiungere il Terminilletto che vanta le piste più tecniche dell'intero comprensorio. Presso la stazione sciistica di Campo Stella, nel comune di Leonessa, potrete trovare una pista di 5 km e ben 600 metri di dislivello. È la più lunga del centro Italia. Altra località sciistica in provincia di Rieti è Selvarotonda di Cittareale, alle pendici del Monte San Venanzio.

12. Ovindoli, Abruzzo

20220108183635Ovindoli.jpg

Ovindoli è un piccolo comune della provincia dell’Aquila, in Abruzzo. A meno di 2 km dal paese, si trova la principale stazione sciistica di Ovindoli-Monte Magnola (1450-2222 metri di quota). Ovindoli offre molte possibilità di praticare gli sport invernali e, insieme alle stazioni di Campo Felice e Campo Imperatore, costituisce il comprensorio Tre Nevi. Esso è situato nel cuore del Parco Regionale del Sirente-Velino, nel cuore dell’Appennino Abruzzese. Piste da scii a diverse quote e di diversi gradi di difficoltà consentono di praticare l’attività a tutti i livelli. Impianti di risalita, tra cui cabinovie, piste attrezzate e sistemi di innevamento artificiale rendono il comprensorio un punto di riferimento per gli amanti dello sci e degli sport invernali in generale. 

11. Roccaraso, Abruzzo

20220108165918Roccaraso.jpg

Un tempo borgo a vocazione agricolo-pastorale, oggi Roccaraso è il comprensorio sciistico principale dell'Italia centro-meridionale. I monti di Roccaraso, in provincia dell'Aquila, costituiscono un gruppo montuoso dell'Appennino Abruzzese. La località si estende tra il Parco della Maiella ed il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Il patrimonio naturale dell'area è un richiamo perenne, sia in estate che in inverno, per gli amanti della montagna, dello sci e degli sport invernali in generale. I suoi 130 km di piste collegano le località di Rivisondoli, Pescocostanzo e Pescasseroli. Roccaraso non ha nulla da invidiare ai comprensori più attrezzati del Nord Italia. Oltre allo sci alpino, è possibile praticare sci di fondo, snowkite ed eliski

10. Cervinia, Valle d'Aosta

20220108184058Cervinia.jpg

Nota semplicemente come Cervinia, questa storica località sciistica della Valle d’Aosta va indicata con il nome completo di Breuil-Cervinia. Il comprensorio è uno dei più estesi delle Alpi e si estende su tre vallate, a cavallo tra Italia e Svizzera. Le sue piste di varia difficoltà, oscillano tra i 1.524 metri del comune di Val di Valtournenche e i 3.408 metri del Plateau Rosa, arrivando quasi a 4.000 metri con il Piccolo Cervino

Dai percorsi più semplici a quelli più impegnativi, è possibile praticare lo sci alpino a tutti i livelli. Meta ideale per chi ama lo sci di fondo, il divertimento è assicurato. Inoltre, snowboarder e freestyle skier avranno a disposizione un’area di freestyle lunga oltre 400 metri e larga 100. Tra gli sport invernali, da menzionare snow bike, kite surf, motoslitta ed eliski. Con oltre 350 km di piste incorniciati da suggestive montagne, Breuil-Cervinia è tra i comprensori più grandi e spettacolari d'Italia.

9. Alagna Valsesia, Piemonte

20220108191009AlagnaValsesia.jpg

Alagna Valsesia, in provincia di Vercelli, sorge alle pendici del versante sud del Monte Rosa, la seconda vetta più alta delle Alpi. Alagna fa parte di un comprensorio sciistico di un certo livello, ben attrezzato e adatto a qualsiasi esigenza. Gli amanti dello sci alpino hanno a disposizione 9 piste dotate di 7 impianti di risalita. A rendere speciale questa località è il fatto di essere il "regno" dello sci fuori pista. Dal ghiacciaio dell’Indren (a quota 3.260 metri), potrete godere dell'incantevole vista del fiume Sesia e di Gressoney. Quando il tempo lo consente, nelle giornate più limpide, si riescono a scorgere persino i laghi della Pianura Padana e l'interna catena delle Alpi. Il territorio è caratterizzato da una natura tanto aspra e selvaggia quanto suggestiva.

8. Canazei, Trentino-Alto Adige

20220108184744Canazei.jpg

Incantevole località della Val di Fassa, Canazei è un gioiello delle Dolomiti. Offre delle splendide piste da scii e panorami che lasciano senza parole, come del resto l'intera regione del Trentino-Alto Adige. A quota  1.450 metri, è un punto di riferimento per gli sciatori di tutte le età e tutti i livelli. La ski area, articolata in due zone (Col Rodella e il Belvedere) è collegata al comprensorio della Sellaronda. Come si può facilmente intuire, il Belvedere è un punto panoramico senza eguali. Il comune di Canazei ospita stazione sciistica di Alba di Canazei con la sua famosa ski area del Ciampac che è collegata con Buffaure-Pozza di Fassa. Inoltre, la perla della Val di Fassa fa parte del Sellaronda Skimarathon, famosa gara notturna di sci alpino a coppie su un percorso di 42 km. 

7. Ponte di Legno, Lombardia

In Alta Val Camonica, Ponte di Legno è un suggestivo ed antico borgo a 1200 metri di quota in provincia di Brescia. Si tratta di uno dei principali comprensori della Lombardia. Qui, è possibile sciare tra i 1250 ed i 2150 metri di altitudine circondati da rigogliosi boschi di conifere. Il polo è molto moderno e ben attrezzato con seggiovie, tra cui una quadriposto e 2 skilift. Sulla pista in località Valbione, lo sci in notturna è un’esperienza da fare assolutamente. Per i fondisti, lungo il torrente Narcanello, vi è il centro Centro Fondo Valsozzine (sempre a Ponte di Legno). Tre anelli tra essi collegati, offrono rispettivamente 2,5 km per i principianti, 3 km per il livello intermedio e 5 km per gli esperti. Ulteriori 30 km nel Centro Fondo di Vermiglio completano un’offerta molto ampia e variegata per ogni tipo di esigenza. La località di Ponte di Legno è una delle tre località sciistiche del comprensorio Val di Sole-Brenta

6. Ortisei, Trentino-Alto Adige

20220108190710Ortisei.jpg

Il piccolo borgo di Ortisei, in Val Gardena, insieme a Santa Cristina e Selva è una delle perle dell'Alto Adige.  Incastonata nelle montagne, è la meta ideale per gli amanti dello sci e delle escursioni fin dalla seconda metà del XIX secolo, quando esperti alpinisti ne scoprirono il fascino e panorami mozzafiato. A tutt'oggi, Ortisei è il paradiso per gli amanti di tutti gli sport invernali. Vi sono piste di tutte le difficoltà, con la possibilità di praticare sci alpino o sci di fondo, oltre ad una divertentissima pista per slittino adatta sia ad adulti che bambini. 

5. Madonna di Campiglio, Trentino-Alto Adige

20220108181027MadonnaDiCampiglio.jpg

In provincia di Trento, in Trentino-Alto Adige, Madonna di Campiglio è una delle più note località sciistiche del panorama italiano. Meta storica che si contraddistingue per la sua inimitabile eleganza, è sempre in voga e alla moda grazie alla capacità di rinnovarsi e rimanere al passo coi tempi. A 1550 metri di altitudine, è distesa nella conca tra le Dolomiti di Brenta ed i ghiacciai dell'Adamello e della Presanella. Si trova in uno scenario a dir poco spettacolare e rappresenta, senza dubbio, una delle migliori stazioni dell'intero Arco Alpino. Numerose le piste, fino a quota 2600 metri, che per svariati chilometri si adattano a tutti i livelli. 

La Ski Area conta ben 57 impianti di risalita e snoda per 150 km di piste, vantando una capacità di oltre 31.000 persone all'ora. A disposizione degli sciatori,  40 km per lo sci nordico ed un collegamento, sci ai piedi, con le località di Pinzolo e Folgarida-Marilleva. Madonna di Campiglio, tuttavia non è solo mondanità: grazie a una natura spettacolare, consente di immergersi in un suggestivo contesto fatto di valli, laghi, ruscelli, malghe e rifugi. Nulla di meglio per un momento di pace. 

4. Courmayeur, Valle d'Aosta

20220108180535Courmayeur.jpg

Courmayeur è una delle località invernali più famose d’Italia. Si trova tra le pendici della Val Veny e l'altipiano del Chécrouit, ai piedi di quello che è considerato il sovrano delle Alpi: il Monte Bianco. A 1.224 metri di altitudine, è l’ultimo comune italiano della regione Valle d’Aosta prima di arrivare in Francia. Con Chamonix, infatti, confina condividendo proprio il massiccio del Monte Bianco. La discesa della Vallée Blanche offre uno spettacolare itinerario fuoripista. Questo, partendo da Punta Helbronner, si snoda su 20 km attraverso il suggestivo ghiacciaio Mer de Glace per giungere, infine, a Chamonix.

Gli anelli in Val Ferret sono, invece, l’ideale per gli appassionati dello sci di fondo. Courmayeur consente di praticare qualsiasi tipo di sport invernale. Se lo sci viene declinato in ogni forma possibile ed immaginabile, abbiamo un’ampia offerta di attività che non deludono nemmeno i visitatori più esigenti: piacevoli passeggiate con le racchette da neve ai piedi, arrampicate sulle cascate di ghiaccio, sleddog, heliski, pattinaggio, hockey e, dulcis in fundo, golf sulla neve.

3. Livigno, Lombardia

20220108181538Livigno.jpg

Nel cuore delle Alpi, Livigno si estende in Alta Valtellina, in provincia di Sondrio. Si tratta di una delle località sciistiche più importanti del nord e della Lombardia. Gli appassionati dello sci e degli sport invernali vivranno un'esperienza unica ed indimenticabile grazie a tutte le possibilità offerte. Sci alpino, sci di fondo, snowboardfreestyle, piste attrezzate per tutti i livelli, impianti di risalita, oltre a tanta neve e a una valle sempre baciata dal sole. Sport, aria pura e natura sono l'ideale per tutti in un contesto di pace e puro relax. Famiglie con bambini, giovani e meno giovani: nessuna aspettativa verrà delusa.

2. Sestriere, Piemonte

20220108180148Sestriere.jpg

Nell'area che si estende sul vasto colle tra la Val Chisone e della Val Susa, in Piemonte, sorge la località sciistica di Sestriere. La nascita di questo comune, il più alto d'Italia con i suoi 2035 metri, si deve alla famiglia Agnelli che, dal nulla, edificarono un centro di grande mondanità grazie a tutte le strutture ricettive e relativi impianti. Sede delle competizioni di Coppa del Mondo di sci alpino, il polo sciistico di Sestriere vanta un'offerta turistico-ricettiva davvero ampia.

Alle 5 piste nere per un totale di 20 km, se ne aggiungono 10 (42 km) adatte ai principianti. Gli sciatori di livello intermedio hanno a disposizione ben 20 piste per un totale di 102 km. Complessivamente parliamo di 164 km circa sciabili che, sommati alle altre località del comprensorio Vialattea, diventano 400. Questo polo oltre a Sestriere comprende Sansicario, Sauze d'Oulx, Claviere, Cesana Torinese e Pragelato.

Dall'eliski,  allo sci in notturna, avrete infinite possibilità per praticare ciò che più vi piace: escursioni in motoslitta, ciaspole, slitta trainata dai cani e tanto altro. Senza contare, poi, i centri benessere, il campo da golf, cinema, locali e discoteche per una vancanza all'insegna del divertimento a 360°. 

1. Cortina d'Ampezzo, Veneto

20220108180037CortinaDampezzo.jpg

Con la sua storia millenaria e una radicata tradizione turistica, Cortina d'Ampezzo può essere considerata a tutti gli effetti la Regina delle Dolomiti. Situata in provincia di Belluno, in Veneto, la località è stata testimone di numerosi eventi storici tra cui la Prima Guerra Mondiale. Centro turistico d'eccellenza, Cortina è la location scelta per diversi eventi sportivi di respiro internazionale: la Coppa del Mondo di Sci Alpino Femminile, gli appuntamenti di sci nordico, la Coppa del Mondo di Snowboard, la Coppa del Mondo di Freeride e tanto altro. A suggellare il ruolo di prestigio della perla delle Dolomiti, furono i Giochi Olimpici del 1956, trasmessi per la prima volta in TV in Italia.  Su questa scia, nel 2026, a 70 anni di distanza, Cortina ospiterà la XXV edizione dei Giochi Olimpici Invernali

Natura e benessere rappresentano il binomio perfetto per coloro che optano per una rilassante vacanza sulla neve. Scisnowboard, escursioni in ciaspole, sci alpinismo, freeride, pattinaggio, curling e Husky sleddog, sono solo alcune delle attività che è possibile praticare. Qui, nulla è lasciato al caso. Al termine di una impegnativa giornata all'insegna dello sport, non resta che immergersi nella cultura del luogo. Tra mondanità, intrattenimento ed un'enogastronomia a dir poco eccellente, nessuno dei 5 sensi può essere lasciato fuori!

Mi chiedo, la neve ama gli alberi e i campi da baciarli così dolcemente? E poi li copre bene, sai, con una trapunta bianca; e forse dice: «Andate a dormire, cari, finché non torna l’estate».

Lewis Carroll

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti