La Sicilia è la più grande isola del Mar Mediterraneo ed è la regione più meridionale d'Italia. Essa vanta secoli e secoli di storia e numerosi bei paesaggi. Qui una carrellata su 10 luoghi da non perdere in Sicilia grazie ai loro paesaggi mozzafiato, ai siti storici indimenticabili e alle loro gustose specialità culinarie: Catania, Noto, Modica, Agrigento, Selinunte, Marsala, San Vito Lo Capo, Is

10. Catania

20210809135352catania.jpg

Catania si trova lungo la costa orientale della Sicilia, tra il blu del Mar Ionio e il vulcano Etna. Catania è stata inserita nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO del Val di Noto nel 2002 come esempio di architettura barocca. Infatti decine di chiese e palazzi sono fatti di pietra bianca e lavica nera, una caratteristica barocca. Catania ha molti musei, il più importante è il Museo Civico del Castello Ursino. Qui, il tipico scenario siciliano è Il mercato del pesce e non lo si può perdere. È molto vicino a Piazza Duomo. Sentirete i tipici strilli, chiamati "abbanniari", fatti dai pescivendoli per attirare i clienti. Il panino con la carne di cavallo è il cibo di strada più amato della zona. Cosa possiamo dire delle spiagge di Catania: un mare limpido e azzurro che bagna spiagge di sabbia fine e dorata, scogliere e coste vulcaniche.

9. Noto

20210720174613Noto.jpg

Capitale indiscussa del barocco siciliano, Noto è sicuramente una delle principali destinazioni da visitare durante la vostra vacanza al Val di Noto nella Sicilia sud-orientale. La caratteristica pietra calcarea giallo oro fu usata per costruire le chiese e i palazzi della città. Puoi visitare Noto in qualsiasi periodo dell'anno: d'estate Noto è la perfetta combo tra cultura e lo splendido mare della sua costa; d'inverno, puoi goderti un tour del Val di Noto ed esplorare i tuoi sensi grazie all'ottima enogastronomia, assaggiando i piatti e i vini locali della zona. Da non perdere le piccole località vicine a Noto come Marzamemi, Portopalo e la Riserva naturale di Vendicari.


8. Modica

20210809135411modica.jpg

Fa parte del patrimonio dell'UNESCO in Italia. Modica è composta da due centri urbani, "Modica Alta" (Modica superiore) e "Modica Bassa" (Modica inferiore). La parte superiore più antica è arroccata sulla cima rocciosa della collina meridionale degli Iblei, la parte inferiore è costruita sui pendii più bassi e sulla valle sottostante. Gran parte della città fu ricostruita dopo il terremoto del 1693 con imponenti monumenti in stile barocco siciliano. La cattedrale barocca "San Giorgio" è dedicata a San Giorgio ed è stata ricostruita dopo il terremoto del 1693, come molte altre parti della città. . Un'altra chiesa importante è "San Pietro", dedicata a San Pietro, a Modica Bassa. Modica è stata anche la città natale dello scrittore Salvatore Quasimodo, che ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1959.

È famosa non solo per il suo stile barocco e la sua storia, ma anche grazie al suo delizioso cioccolato artigianale. Si ottiene dai semi di cacao lavorati a mano con gli stessi metodi usati dai vecchi artigiani nel 1700.


7. Agrigento

20210720174938Agrigento.jpg

L'antica città di Akragas era immersa in un paesaggio agricolo dominato da ulivi e mandorli. Fu una delle più importanti colonie greche in Sicilia. Agrigento e il suo Parco Archeologico sono uno dei più grandi esempi di straordinario patrimonio monumentale e naturale. Ci racconta una storia di più di 2000 anni. La Valle dei Templi è immersa in un paesaggio agricolo di rara bellezza costituito principalmente da ulivi e mandorli secolari. Con un'estensione di circa 450 ettari, si trova a circa 3 km dal mare sulla cima di due colline. La Valle dei Templi è importante per i suoi templi ben conservati costruiti in onore degli dei greci. La Valle dei Templi consiste nei resti di undici templi, tre santuari, necropoli, opere idrauliche, fortificazioni, parte di un quartiere ellenistico e importanti luoghi di incontro. Vicino Agrigento visita La Scala dei turchi, Eraclea Minoa, Sciacca e Torre Salsa.


6. Selinunte

20210720175116Selinunte view.jpg

Perla greca nella costa occidentale della Sicilia, a Selinunte vivrete la storia, respirerete l'atmosfera leggendaria del Mito, vi immergerete in un mare dalle mille sfumature di smeraldo e turchese, camminerete sulla morbida sabbia dorata contro il vento africano dello Scirocco, vedrete i siti archeologici dominare la scena senza respiro. A Selinunte c'è la più grande area archeologica d'Europa: 270 ettari che raccontano una delle più fiorenti civiltà classiche del Mediterraneo. Da non perdere le specialità di pesce da mangiare nei ristoranti della città e le belle spiagge lungo la costa.


5. Marsala

20210720175231Marsala SAline.jpg

Marsala, è la città più occidentale della Sicilia. Fenici e arabi sono stati tra i protagonisti della sua lunga storia: i primi hanno lasciato una ex colonia su un'isola incantevole, mentre i secondi hanno dato alla città il suo nome: Marsa Allah, il porto di Dio. Si trova lungo la costa che collega Marsala e Trapani, nel tratto che attraversa la Riserva dello Stagnone, di fronte all'isola di Mozia. Qui si può ammirare l'estrazione del sale marino. Un paesaggio magico dove si fondono sono il mare, i mulini, le isole sullo sfondo e il centro storico barocco. Visitate questa città sconosciuta: date un'occhiata agli eleganti edifici del centro storico, sorseggiate un bicchiere di vino delizioso nella sala di degustazione di una cantina storica, passeggiate tra le saline e ammirate il romantico tramonto. Forse lo sai già: Marsala fu il luogo dello storico sbarco di Garibaldi, dove incontrò le 1000 camicie rosse e iniziò la famosa Unità d'Italia. Una volta a Marsala, non mancate di visitare Trapani, Castellammare del Golfo e Mazara del Vallo.

4. San Vito Lo Capo

San Vito lo Capo dista circa 90 km dall'aeroporto di Palermo e 65 km da quello di Trapani. Tra le cose migliori da visitare qui ci sono il vecchio faro, la Tonnara del Secco e la Tonnara di Cofano. Le spiagge sono le vere protagoniste di San Vito lo Capo. La più famosa è quella del Bue Marino, nominata da Legambiente la più bella d'Italia. Tra le aree naturali più importanti, va assolutamente ricordata la Riserva Naturale dello Zingaro, un'area protetta con un'incantevole spiaggia e un villaggio turistico. Da non perdere una visita alle due grotte: quella dei Cavalli e quella dell'Uzzo, con l'omonima tonnara. Il colore cristallino e la costa spettacolare rendono San Vito lo Capo unica al mondo.


3. Isole Egadi

20210720175616Favignana.jpg

Al largo della punta nord-occidentale della Sicilia, le isole Egadi (Levanzo, Favignana e Marittimo) sono in gran parte non sviluppate e naturalmente belle. Il primo, Levanzo è per lo più un parco naturale protetto con un piccolo villaggio, Cala Dogana, nascosto in una baiaLa "Grotta del Genovese", che contiene incisioni paleolitiche di 10.000 anni fa e pitture neo-eneolitiche di 5.000 anni fa. Per visitarla, noleggia una barca e poi cammina da questa baia per circa 45 minuti su per un sentiero per arrivare alla bocca della grotta. Favignana, la seconda isola, è più grande e più sviluppata. Qui la Tonnara di Favignana era il sito della tonnara della famiglia Florio, dove lavorava e inscatolava il tonno. Spiagge e calette mozzafiato decorano Favignana: ricordate Cala Rossa e Cala Azzurra.

Marettimo la più selvaggia e incontaminata delle tre isole. Il mare è così azzurro cobalto che.....ti sembra irreale. E' un azzurro così intenso....che.... chiedersi "siamo ai Caraibi?" non basta.


2. Cefalù

20210720175845Cefalù.jpg

Cefalù, sulla costa nord della Sicilia, a 60 km da Palermo, è una bellissima città che è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 2015. Con un forte carattere arabo-normanno nella sua architettura e nelle sue tradizioni, è conosciuta per la sua cattedrale normanna, il Parco delle Madonie e il bellissimo mare.

1. Palermo

20210720180001Palermo-Quattro-Canti-Piazza-Vigliena-The-Four-Corners.jpg

La magica Palermo è piena di cultura, storia e buon cibo. Così tante nazioni e culture diverse hanno lasciato un segno nella città. La sua posizione strategica ha attirato invasori da tutto il mondo, come i Cartaginesi, i Greci, i Romani, i Normanni, gli Svevi, i Francesi e i Borboni spagnoli, e così via. Ogni invasore ha avuto un impatto sull'architettura, la lingua e l'arte della città. Questo è il motivo per cui Palermo è così varia. Allora vediamo i suoi edifici storici, le sue piazze, il suo famoso teatro Massimo e .... non dimenticare il magico mare e le delizie di cannoli, panelle e arancini. Vicino a Palermo trovi: Segesta, Mondello e Monreale.

20210809135327trinacria.jpg


Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti