La più pittoresca delle zone di Roma ha un'anima poetica e genuina tutta da vivere. Ecco una piccola guida sulle cose da fare nel quartiere Trastevere

tickets banner

Non molto lontano dal Colosseo e dal Vaticano, Trastevere è il più esteso tra quartieri di Roma, frequentato e amato dai turisti, dagli studenti, ma anche dai romani stessi per una passeggiata o una cenetta romantica. La bellezza di questa zona sono i suoi scorci meravigliosi, i suoi vicoli, i palazzi dal sapore decadente e la sua vivacità, grazie alla presenza di ristoranti, osterie tipiche, pizzerie, negozietti e naturalmente localini dove poter bere alcuni dei drink più buoni della Capitale.

Prendi il tram insieme a noi e vieni a scoprire 10 cose da fare nel quartiere Trastevere, nel cuore della Roma popolare. 

Cose da fare nel quartiere Trastevere: cenni storici

Cose da fare nel quartiere Trastevere: cenni storici

Come indicato dal nome, il quartiere Trastevere è attraversato dal fiume Tevere, che in passato rappresentava una sorta di linea divisiva tra le zone più abbienti e le più umili del territorio. Il rione venne incluso ufficialmente nella città all'epoca dell'imperatore Augusto con il nome di Regio Transtiberim (al di là del Tevere) ma solo successivamente, con Aureliano, rientrò all'interno delle mura che circondarono Roma.

Con l'andare dei secoli divenne un luogo di riferimento per mercanti, marinai, pescatori ma anche per gli immigrati dall'oriente, principalmente dalla Siria, e gli ebrei: un luogo pieno di vita e di movimento, che ancora oggi è conosciuto come er core de Roma.

Pur conservando tuttora la sua anima popolare e verace, è diventato un distretto molto ricercato e di richiamo, anche per una certa élite intellettuale. Accanto alle osterie e i bar storici, infatti, sono nati teatri d'avanguardia, jazz club e realtà politicamente impegnate: un'anima duplice che non genere contrasto ma che, anzi, contribuisce ad arricchire questa zona pittoresca e affascinante.

Passeggiando tra i ciottoli dei suoi vicoli, scopriamo 10 cose da fare nel quartiere Trastevere.

Esplora Roma e le sue bellezze

Tra le cose da fare nel quartiere Trastevere, la migliore sarebbe, banalmente, passeggiare. Girando tra i vicoli acciottolati e le piazze non potrai fare a meno di guardarti intorno, ammirando gli edifici dal fascino decadente, le opere di street art, le insegne oldstyle dei bar e dei locali e le edicole votive sparse qua e là.

Inoltrandoti arriverai nella bellissima piazza Trilussa, dedicata all'omonimo poeta satirico (il cui vero nome era Carlo Alberto Salustri). La piazza è capeggiata da un arco monumentale, collocato in cima a una scaletta, che da sempre è luogo di ritrovo e seduta preferita per gustare un gelato o una birra.

A pochi passi troverai ponte Sisto, che collega Trastevere a Campo de' Fiori e che ti permetterà di ammirare uno dei panorami notturni più romantici della Città Eterna. 

Una della caratteristiche peculiari del quartiere Trastevere sono certamente i suoi palazzi. Passeggiando nei suoi vicoli e nelle sue piazze, infatti, ti renderai subito conto della bellezza dei palazzi con mattoni a vista, ricoperti di fiori e piante rampicanti, come una sorta di selvaggio giardino rionale verticale.

Questo ideale e bizzarro connubio tra pietra e vegetazione è la particolarità, nello specifico, dell'Arco di San Calisto, probabilmente uno degli scorci più fotografati nei dintorni. Questo angolino altamente instagrammabile fa da apripista alla casa più piccola della capitale, al numero civico 43, caratterizzata da una scala esterna e un'edicola settecentesca dedicata alla Madonna – una delle circa 20 che che è possibile trovare in giro. 

8. Sedersi alla fontana del Bramante e ammirare la basilica

Cose da fare nel quartiere Trastevere: sedersi alla fontana del Bramante

Oltre alle scalette di piazza Trilussa, la fontana del Bramante è uno dei posti preferiti per sedersi da coloro che girano per Trastevere, per mangiare un supplì comodamente, bere una birra e fare due chiacchiere, magari assistendo a uno spettacolo di un'artista di strada. Si racconta che la fontana di piazza Santa Maria in Trastevere sia la più antica di Roma tra quelle attualmente funzionanti, ma sembra che la forma embrionale di quella che vediamo oggi risalga al Giubileo del 1450; primo progetto fu, per l'appunto, a cura di Donato Bramante, ma fu successivamente restaurata da Gianlorenzo Bernini e da Carlo Fontana.

Proprio di fronte alla fontana si trova la Basilica, fondata probabilmente da papa Calisto I nel III secolo d.C e modificata nei secoli successivi. Sulla facciata esterna e all'interno si possono ammirare degli splendidi mosaici sui toni del dorato che raffigurano la Madonna con il Bambino e alcuni episodi della vita della Vergine.  

7. Mangiare!

Cose da fare nel quartiere Trastevere: mangiare un supplì

Tra le cose da fare nel quartiere Trastevere, mangiare è una delle più importanti. Qui troverai tantissime tipiche pizzerie romane, che ti propongono le deliziose pizze “scrocchiarelle” al taglio (o alla pala, che si pagano al chilo, in base alla farcitura), biscotti e prodotti da forno da sgranocchiare durante il passeggio, e naturalmente tutti i piatti tipici della cucina romana, dalla carbonara alla saltimbocca, immancabili nei menù delle trattorie e delle osterie storiche che si trovano nel rione.

Potrai inoltre gustare ricchi aperitivi a buffet, accompagnati da drink di livello, e completare una serata con gustosi gelati dai gusti particolari (ne hai mai assaggiato uno con noci, miele e basilico?).

Ma soprattutto, sappi che a Trastevere potrai mangiare i migliori supplì della Capitale, nella classica versione “al telefono” con sugo e mozzarella filante, come vuole la tradizione, oppure in altre varianti sfiziose per tutti i gusti. 

Nel bel mezzo del Tevere sorge l'isola Tiberina, unica isola urbana presente sul fiume, una tappa imperdibile tra le cose da fare nel quartiere Trastevere.

Questo piccolo pezzetto di terra, lunga circa 300 metri e larga circa 90, collega le due sponde (da una parte il rione vero e proprio e dall'altra il quartiere ebraico) ed è quindi raggiungibile da entrambe.

Secondo la leggenda, alla base dell'isola ci sarebbe l'immenso deposito di grano diLucio Tarquinio Superbo, l’ultimo re di Roma, che sarebbe stato versato in acqua dal popolo quando il sovranno venne spodestato; un'altra versione sostiene che essa sarebbe sede del tempio del dio della medicina Esculapio, sorto dalle acque per proteggere la città da un'epidemia di peste, grazie a un serpente, animale consacrato alla divinità.

La forma dell'isola ricorda in tutto e per tutto una nave, con tanto di obelisco/albero maestro al centro, e attualmente è sede della chiesa di San Bartolomeo all'isola e dell'ospedale Fatebenefratelli

All'interno dell'orto botanico di Trastevere esiste un luogo magico, un piccolo giardino-serra che ospita innumerevoli varietà di insetti rari, come millepiedi e mantidi, ma soprattutto coloratissime farfalle. Entrando nella loro casa, il Butterfly Eden, vedrai che questi splendidi animaletti sono sempre disponibili a posarsi sulla spalla dei visitatori per lasciarsi ammirare e fotografare. Qui sarai accompagnato da esperti entomologi e potrai saperne di più sul mondo di questi straordinari insetti.

La casa delle farfalle, aperta da marzo a giugno, è gestita da Pandoracasanatura APS, una Associazione di Promozione Sociale che ha lo scopo di fare ricerca e divulgazione scientifica.

Se ti trovi a Roma nel periodo estivo sappi che tra le cose da fare nel quartiere Trastevere c'è sicuramente la partecipazione a una proiezione cinematografica. Sì, perché piazza San Cosimato è sede dal 2014 di un interessante festival cinematografico dall'anima popolare. E non stiamo parlando di un posto a caso, perche proprio qui nacque il leggendario Alberto Sordi.

Il festival Trastevere Rione del Cinema è ormai noto per l'impegno dei ragazzi del Piccolo America, un'associazione che tramite una vivace rassegna cinematografica intende ricreare un'occasione di aggregazione nel cuore del rione. Nel tempo, questo gruppo è divenuto noto anche Oltreoceano e grazie ai fondi raccolti ha potuto riaprire il cinema Troisi, storica sala rionale su cui ormai era calata la saracinesca.

Oltre alle celebrità del jet set nostrano, la manifestazione vanta la presenza di registi, attori e sceneggiatori di livello internazionale, da Darren Aronofsky a Paul Schrader, da Sam Rockwell ad Asghar Farhadi, passando per Fanny Ardant. Una manifestazione lontana dai red carpet, dai flash dei fotografi, dalle conferenze stampa e dai contesti patinati e dove l'atmosfera è molto informale, ci si siede a terra, si ascoltano dibattiti e ci si gode la magia dei film laddove la vita cittadina è protagonista durante il giorno. 

Anche nel quartiere Trastevere esistono contesti ideali per gli amanti dell'arte. Villa Farnesina, ad esempio, è un favoloso esempio di edificio rinascimentale, residenza del nobile Agostini Chigi, protettore e mecenate di artisti, che commissionò la celebre Loggia di Amore e Psiche e l’affresco della ninfa Galatea a Raffaello Sanzio, affreschi che si possono ammirare ancora oggi sul soffitto.

Proprio di fronte, sorge invece Villa Corsini, attualmente sede dell'Accademia dei Lincei e galleria d'arte antica, dove potrai ammirare opere di artisti quali Beato Angelico,Guido Reni, Caravaggio, Rubens e Annibale Carracci.

2. Entrare nel Tempietto del Bramante

Cose da fare nel quartiere Trastevere: entrare nel Tempietto del Bramante

Il Tempietto del Bramante è un altro splendido esempio delle meraviglie in cui è possibile imbattersi girovagando nel quartiere Trastevere. Immortalato anche da Paolo Sorrentino nel suo film La grande bellezza, questo gioiello dell'architettura rinascimentale fa parte del complesso di San Pietro in Montorio, nella parte alta del rione, il Gianicolo, ed è stato realizzato anch'esso da Donato Bramante. Si tratta di un piccolo edificio circolare sormontato da una cupola e circondato da colonnato, ispirato alla struttura degli antichi templi romani, mentre all'interno si trovano le statue degli evangelisti e di San Pietro – il quale, secondo alcune leggende, pare sia stato crocifisso proprio qui.

Lasciamo il Tempietto per godere dell'ultima tappa di questo tour: tra le cose da fare nel quartiere Trastevere, infatti, non puoi perdere un pit stop al Gianicolo per ammirare un panorama unico al mondo.

Il Gianicolo è la zona più alta del rione e secondo la leggenda pare sia stata voluta dal dio Giano, a cui è dedicato il nome; in realtà pare che sia stato l'area designata dal grande Giulio Cesare per ospitare una serie di giardini monumentali (in cui, pare, abbia passeggiato anche Cleopatra).

Ospita una serie di monumenti dedicati a Giuseppe Garibaldi e il celebre “Fontanone”, ovvero la Fontana dell'Acqua Paola, anch'essa presente ne La grande bellezza. Se deciderai di indarci a mezzogiorno, inoltre, potrai assistere allo sparo del cannone, una tradizione attiva fin dall'Ottocento.

Sappi infine che la Terrazza di Roma ti regalerà un panorama speciale, suggestivo di giorno e romantico di notte: davvero imperdibile. 

Il quartiere Trastevere si raggiunge facilmente con il tram numero 8 da piazza Venezia, ai piedi dell'Altare della Patria e del Campidoglio, ma non faresti molta fatica ad arrivarci volessi fare una passeggiata. Se ti trovi a Termini, puoi tranquillamente prendere il bus H e scendere davanti al palazzo del Ministero dell'Istruzione. Dal Vaticano, invece, non esistono autobus diretti e quindi ti consigliamo di goderti una bella passeggiata al sole (sono circa 2 km di distanza), oppure, se vorrai abbreviare il tragitto, di raggiungere il Lungotevere e prendere i numeri 115, 280 o 23.

Se Roma è una delle tue prossime mete avrai quindi capito che questo posto favoloso a pochi passi dal centro è una tappa davvero immancabile. Dopo aver letto la nostra guida siamo certi che adesso non avrai che l'imbarazzo della scelta tra le cose da fare nel quartiere Trastevere: non ti resta arrivarci.

Potrebbe interessarti


Potrebbe interessarti