Luna Rossa vince la Prada Cup battendo gli inglesi di Ineos nella rada di Auckland. Gli italiani e l'Italia insieme per un sogno, veleggiando verso il Golfo neozelandese di Hauraki.

Siamo italiani

Francesco Bruni

Siamo italiani

20210221104909italy-924043_960_720.jpg

"Siamo italiani", questo è il commento di Francesco Bruni, timoniere del vascello Luna Rossa, dopo il trionfo della Prada Cup contro i britannici di Ineos. Un successo che gonfia di orgoglio il petto dei membri dell'equipaggio di Luna Rossa e non solo, anche quello di tutti gli italiani. Un successo, quello ottenuto da Luna Rossa, che scrive la storia della vela italiana. Si, perché è la terza volta che una barca italiana vince la selezione degli sfidanti, adesso chiamata Prada Cup. La prima fu nel 1992 con il Moro di Venezia di Gardini e Cayard, la seconda nel 2000 con un'altra Luna Rossa, quella di Francesco De Angelis. Adesso al comando c'è lo skipper Max Sirena che nel corso della sua carriera ha già vinto due edizioni dell'America's Cup, una con New Zealand nel 2017 e un'altra con Oracle Usa nel 2010. 
Senza dubbio un evento che ricalca la storia passata, ma che scrive quella recente con uno sguardo al futuro. Non finisce qui, altre emozioni aspettano il "Bel Paese" dietro l'angolo, perché dal 6 al 15 marzo l'equipaggio guidato da Max Sirena sfiderà il Team New Zealand nel Golfo neozelandese di Hauraki, per decidere chi vincerà il trofeo più più antico nello sport internazionale.

America's Cup: il trofeo più antico del mondo

20210221105954lunarossa2.jpg

L’America’s Cup, in italiano Coppa America, è il più famoso e antico trofeo sportivo esistente al mondo per cui si compete tuttora. Ovviamente è il più ambito trofeo per lo sport della vela. Ogni velista sogna di poter alzare l’America’s Cup. Basti pensate che il trofeo nasce nel 1851 in occasione della prima esposizione universale di Londra, quando il Royal Yacht Squadron britannico sfidò con 14 imbarcazioni il New York Yacht Club in un percorso attorno all'Isola di Wight. Si tratta di una serie di regate in stile gara, tra soli due yacht che gareggiano uno contro l'altro. Le due imbarcazioni appartengono a due Yacht Club differenti, uno rappresentante il detentore del trofeo, chiamato defender, l'altro è uno yacht club sfidante, chiamato challenger. Quest'ultimo è a sua volta designato attraverso una serie di regate tra vari contendenti. La Prada Cup è una competizione velica internazionale che ha il compito di individuare lo sfidante (challenger) alla successiva America's Cup. Nell'edizione numero 35, svoltasi nel 2017 nelle Isole Bermuda, lo sfidante Emirates Team New Zealand si aggiudica il trofeo sconfiggendo 7-1 il defender Oracle Team USA. 

Orgoglio italiano

Dopo un anno di lotte e sacrifici, perdite e rinunce, lo sport, regala una gioia immensa al Paese italiano. La Prada Cup, ex Louis Vuitton Cup, è italiana! Il trofeo Challenger che determina la sfidante per l'America's Cup, si veste con il tricolore. Luna Rossa, vascello italiano, dopo aver sconfitto i britannici di Ineos UK, alza al cielo la Prada Cup e mette nel mirino il più ambito trofeo velistico della storia. Contro i Neozelandesi del Team New Zealand, detentori del titolo. Il 6 marzo continua lo spettacolo di Luna Rossa, che torna in America’s Cup 21 anni dopo l’ultima volta. Senza dubbio una grandissima soddisfazione per tutta l'italia, considerando che la Coppa America è un trofeo molto prestigioso e molto difficile da conquistare. Pochi sono i team in grado di partecipare e di poter raggiungere la finale: Nuova Zelanda, Australia, Stati Uniti, Svizzera, Regno Unito e Italia. Una ristretta cerchia di pochi eletti che lancia l'Italia nell'olimpo dei grandi nello sport della vela. Un orgoglio italiano che tinge il cielo di verde, bianco e rosso, su tutta la penisola. 


Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti