Pisciotta - un piccolo comune a poca distanza da Palinuro immerso nel contesto della costiera cilentana. Quest’ultima è un tratto di costa meraviglioso tra il golfo di Salerno e quello di Policastro, sfiorato da un mare bandiera blu, da sempre riconosciuto come uno dei più belli della Campania.

20210312031300pisciotta borgo.jpg

Pisciotta - un piccolo comune a poca distanza da Palinuro immerso nel contesto della costiera cilentana. Quest’ultima è un tratto di costa meraviglioso tra il golfo di Salerno e quello di Policastro, sfiorato da un mare bandiera blu, da sempre riconosciuto come uno dei più belli della Campania.

Il paesaggio che si può ammirare nei suoi immediati dintorni è davvero notevole, non a caso stiamo parlando del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, uno dei polmoni della Campania.

Questo rappresenta uno dei complessi biologici e geografici più interessanti d’Italia non solo grazie al tratto costiero ma anche all’entroterra ricco di rilievi, massicci, gole e di una variegata flora e fauna. Le escursioni e le attività all’aperto da queste parti resteranno sempre nella vostra mente.

Pisciotta e Marina di Pisciotta. Il mare, le spiagge e il paesaggio cilentano

20210312031326pisciotta 1.jpg

La maggior parte dei borghi e piccoli paesi di questi territori sorgono nell’entroterra e non direttamente sulla costa. La ragione ha antiche origini, cioè quelle di sfruttare tutti i rilievi montuosi per motivi difensivi, e per avere allo stesso tempo una visione ottimale su tutto il litorale e quindi sul mare.

Ad oggi l’urbanizzazione non è eccessiva ed il paesaggio naturale è prevaricante su quello artificiale, l’aria è buona e passeggiare in queste zone fa bene al cuore e alla mente. Camminare per il borgo di Pisciotta significa attraversare architetture rustiche e affacciarsi da bellissimi panorami a picco sul mare; ma non solo.

Giusto pochi chilometri più giù, verso il mare, sorge la frazione conosciuta come Marina di Pisciotta che ospita il grazioso porto turistico della città, un posto da cui si possono ammirare tramonti spettacolari o da cui il nostro sguardo può perdersi nell’intenso blu dell’orizzonte. Uno spettacolo da non perdere.


I sapori e gli odori del Cilento

20210312031550Pisciotta02.jpg

Una terra gentile il Cilento, non solo gradevole per gli occhi ma fortunatamente anche per lo stomaco. La tradizione gastronomica del sud Italia con tutta la sua cultura si ritaglia uno spazio unico fatto con i prodotti di un territorio speciale, bagnato dal mare e levigato dal vento.

Piatti non estremamente elaborati, al contrario semplici, poveri ma allo stesso tempo diretti, fatti con poche cose ma buone: ottimi vini, formaggi e salumi di alta qualità ma soprattutto prodotti del mare. Proprio il mare ne regala uno davvero particolare: le alici di Menaica. Un’alice che viene catturata al calar del sole con una tipica rete, che seleziona solo gli esemplari più grandi e guizzanti, la Menaica appunto. Il sapore intenso è il risultato di una lavorazione veloce e di una stagionatura in salamoia di almeno 3 mesi.

Passiamo dal mare alla terra con l’Acquasale Cilentana fatta solo con pane biscottato ridotto in briciole, pomodorini e sale. Un piatto fresco e veloce a cui qualcuno (ma non tutti) abbina una buona mozzarella di bufala DOP, prodotta nella vicina Capaccio-Paestum.

Anche la pizza qui ha un sapore diverso: da queste parti utilizzano nella preparazione lo stesso impasto del pane, con farine miste di grano tenero e semola di grano duro. Rispetto alla pizza napoletana è leggermente più sottile e croccante e viene servita in un cestello. Una specialità cilentana da mangiare vicino al mare.

Altro prodotto tipico e straordinario è il fico bianco, già apprezzato in antichità ed oggi utilizzato dagli chef sia in piatti dolci che salati. E’ Dotato di proprietà digestive e diuretiche molto più alte rispetto al fico rosso comune. Inoltre è ricco di zuccheri e fibre ed era amato da eruditi dell’antica Roma come Marco Porcio Catone o Marco Terenzio Varrone.

 L’unica cosa da fare per scoprire questa incredibile cultura è venire di persona: escursioni, trekking, rafting o kayak non importa, qui c’è sempre una nuova avventura da compiere. Le diverse strutture alberghiere e i professionisti del territorio inoltre, vi aiuteranno a non perdervi alcun dettaglio. Ce ne sono di diversi tipi, da quelle più vicine al mare fino alle strutture più rurali situate nell’entroterra.

Noi vi consigliamo Santo Mercurio, un posto dalle origini antiche completamente rimodernato con grande gusto e dotato di un immenso affaccio sul mare. I proprietari saranno sicuramente capaci di coccolarvi con la cucina cilentana e di farvi godere di momenti di intenso relax immersi tra gli ulivi e i castagni.


PRENOTA QUI IL TUO SOGGIORNO A PISCIOTTA
20210312031825santo mercurio.jpg


Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Unisciti alla Community più Esclusiva di Amanti dell'Italia nel Mondo