A partire dal 3 Giugno sarà possibile spostarsi all’interno degli Stati dell’Unione europea senza obbligo di quarantena per chi arriva in Italia. Questo creerà le premesse per una ripresa anche del turismo.

La notizia è ufficiale, a partire dal 3 Giugno l'Italia aprirà i suoi confini ai paesi della Comunità Europea. Questo significa che sarà possibile per gli italiani partire per l'estero ma, soprattutto, che i turisti stranieri potranno venire in Italia senza doversi sottoporre ai 14 giorni di isolamento.

Finalmente si può, dunque, parlare di una vera e propria riapertura del turismo. L'attesa è finita e potremo di nuovo tornare a godere delle bellezze dell'Italia anche se, ovviamente, con delle restirizioni. 

Resteranno in vigore le norme di sicurezza quali quella sull'uso delle mascherine e quella sul distanziamento sociale e i turisti non faranno eccezione, ma cionostante c'è tutta una serie di cose interessanti che si potranno fare. Andiamo a vederle con ordine.

Turismo in Italia: cosa si può fare o non fare a partire dal 3 Giugno

Il turismo, si sa, coinvolge molte attività: passeggiare per un luogo, visitarne le bellezze artistiche e paesaggistiche, scoprirne la cultura e, perché no, conoscerne i sapori tipici, e un turista che viene in Italia si aspetta di poter fare ognuna di queste attività. Beh, dal 3 Giugno sarà possibile farle quasi tutte.

Sarà possibile passeggiare per le città, come già avviene per i cittadini italiani, purché lo si faccia rispettando le norme sul distanziamento sociale, cioè evitando assembramenti di persone, mantenendo una distanza di almeno 1m dalle altre persone e indossando una mascherina.

Sarà possibile visitare i musei anche se non tutti. In Italia i musei stanno riaprendo un po' alla volta già a partire dal 18 Maggio e con essi anche parchi e altre attrazioni. Se da un lato qualche museo resta ancora chiuso perché non è riuscito a disporre tutto al meglio per la riapertura, dall'altro molti musei hanno, al contrario, riaperto al pubblico proponendo anche offerte speciali e prezzi scontati per i visitatori.

Sarà possibile assaggiare la cucina italiana. Lo sappiamo bene, questa è la notizia che molti di voi stavano aspettando. Ebbene, la risposta è sì, chi verrà in Italia a partire dal 3 Giugno potrà gustare un buon piatto di Pasta o una soffice e gustosa pizza, magari sorseggiando un buon calice di vino italiano. I ristoranti (così come le altre attività commerciali) sono aperte già da un po' in Italia ed è possibile frequentare ristoranti e simili, anche se con delle restrizioni sul numero massimo di persone che possono entrare in un locale e sugli orari di apertura.

Sarà possibile pernottare in Italia. Può sembrare scontato eppure in periodi di pandemia globale anche le strutture alberghiere hanno dovuto far fronte al problema. Il problema, però, è risolto almeno in parte. Molte strutture alberghiere sono già aperte dal 18 Maggio.

Insomma, la routine del turista tipo è salva e siamo convinti nel dire che dal 3 Giugno sarà possibile godersi uno stupendo viaggio in Italia.

Certo, ci sono ancora delle incertezze su alcune attività, come per esempio l'opportunità di andare al mare e non è ancora ben chiaro quando sarà possibile prendere parte ad eventi con grande affluenza di persone quali fiere, concerti o party in discoteche e clubs, tuttavia siamo certi che questo non influirà sul vostra permanenza nel Belpaese.

Dunque vi invitiamo a venire in Italia con la speranza che il nostro paese, come tutti gli altri, possa mettersi alle spalle questa brutta storia e che ognuno di noi possa tornare a viaggiare ed essere il benvenuto ovunque.

Per poter ricominciare a visitare l'Italia, l'Italia deve ricominciare.

Caro lettore di Visit Italy, la nostra azienda ha come mission quella di rendere l'Italia la meta n°1 del turismo mondiale. Dopo l'emergenza Covid-19 le cose non saranno le stesse e, per riportare il turismo in Italia ai suoi fasti abbiamo bisogno del tuo aiuto. Se ti sta a cuore la rinascita dell'Italia, puoi partecipare alla nostra campagna donando un piccolo contributo. Grazie di cuore.

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti