“È la passione che fa fare bene le cose… io so fare bene pochissime cose nella mia vita, ma quelle poche cose le faccio con passione, con la convinzione di essere il migliore”.

Sono le parole di Luigi, uno dei figli di Michele Condurro, da cui prende il nome l’Antica Pizzeria Da Michele. E a quanto pare di passione ce n’è davvero tanta se la storica pizzeria napoletana è riuscita a conquistare il mondo intero facendosi conoscere come il tempio della sacra pizza. Scopriamo di più sull’evoluzione della storica pizzeria napoletana.

Come nasce l’Antica Pizzeria Da Michele

C’era una volta e c’è ancora a Forcella, nel cuore di Napoli, la Pizzeria Da Michele, una delle più antiche e rinomate al mondo. La storia della pizzeria affonda le sue origini in una tradizione secolare che si rinnova a colpi di posata dal 1870. Allora la sede effettiva era in via Egiziaca a Forcella, a pochi passi da quella attuale in via Cesare Sersale, ed era possibile gustare pizze di ogni tipo.
Con il sopraggiungere della Seconda Guerra Mondiale, per venire incontro alla povertà dei cittadini, fu deciso di proporre unicamente le pizze classiche per eccellenza: la margherita e la marinara. Da allora questo non è mai più cambiato e rappresenta tutt’oggi uno degli elementi caratterizzanti della pizzeria.
Malgrado, o forse proprio grazie alla semplicità del menù, l’Antica Pizzeria Da Michele ha visto un successo senza tempo. Dalla sua apertura, infatti, la pizzeria non ha mai smesso di sfornare e le centinaia di persone che ogni giorno fuori al locale attendono con ansia di poter gustare la pizza più buona del mondo, ne sono la prova.

L’espansione: Michele in the world

Oggi, la pizzeria vanta sedi in ogni angolo del mondo: a partire da Napoli, Roma, Firenze, Verona e Milano, in Italia, sono state aperte delle attività anche a Londra, Barcellona, Tokyo, Fukoka, Los Angeles e Dubai. Ciascuna di queste pizzerie è ispirata dagli stessi valori di 150 anni fa e riceve regolarmente gli insostituibili ingredienti di base che contraddistinguono il sapore inconfondibile della pizza napoletana.
Per venire incontro ai gusti di clientele tanto diverse, Michele in the world (questo è il nome del marchio dal progetto ambizioso) ha anche apportato alcune piccole varianti al menu in base ai vari Paesi. Ad esempio in Giappone è possibile gustare la propria pizza sorseggiando del sakè, mentre a Londra si può scegliere di ordinare anche una bevanda calda come tè o caffè.

Prossime aperture

In occasione dell’ultima e recentissima apertura dell’Antica Pizzeria Da Michele a Bologna, Alessandro Condurro, amministratore delegato di Michele in the World, ha affermato: “Siamo molto soddisfatti per questa apertura a Bologna, che rappresenta la dodicesima pizzeria del gruppo MITW. Un numero destinato ad aumentare: entro il 31 dicembre 2019 arriveremo a quindici sedi”.
Ecco quindi che la diffusione del marchio partenopeo non si arresta, anzi tutt’altro. È già prevista infatti l’apertura di altre due sedi: una nuova (la terza) in Giappone, a Yokohama, annunciata per il 31 Ottobre ed una seconda sede a Londra, nel quartiere Soho, entro fine Novembre.

Diventare ambasciatori della tradizione

Ma non è tutto. Tra le varie aperture di cui vale la pena raccontare ce n’è una che merita particolare attenzione: stavolta non si tratta di una sede bensì del corso di formazione professionalizzante messo a disposizione dell’Antica Pizzeria da Michele in collaborazione con C’è Form, per l’apprendimento ed il perfezionamento dell’arte del pizzaiolo. Il corso prevede 100 ore di formazione d’aula più uno stage finale della durata di tre mesi con possibilità di inserimento nell’organico delle pizzerie Michele in the world. Un’iniziativa veramente molto originale, che può costituire un’ottima opportunità di formazione ed un buon punto di partenza per molti giovani che avranno la possibilità di imparare dai migliori maestri pizzaioli del mondo.
Per richiedere maggiori informazioni sul corso e sulle modalità di partecipazione vi rimandiamo al sito della pizzeria con tutti i riferimenti per mettervi in contatto con la direzione:
Vai al sito di pizzeria Da Michele

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti