Oltre l’Acquario: cinque imperdibili musei di Genova

Tra le città italiane, Genova è sicuramente il simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo della navigazione, dal suo più illustre cittadino Cristoforo Colombo alle grandi compagnie di commerciali che da qui partono e arrivano. Genova è anche una città culturalmente molto vivace, a partire dal numero dei musei presenti, oltre 30, che spaziano dalle classiche opere d’arte fino ai manufatti più esotici. Noi ne abbiamo scelti cinque che accontenteranno i gusti di tutta la famiglia. 


Acquario, Galata-Museo del Mare, Sommergibile S 518 Nazario Sauro

Tra il Porto Antico e il dedalo dei vicoli (o “caruggi”) che contraddistinguono il centro storico la tappa più nota è sicuramente il complesso museale dedicato al mare, composto dal famoso Acquario, il Galata-Museo del Mare e il sommergibile S 518 Nazario Sauro. L’Acquario di Genova è tra i più grandi nel mondo, ospita circa 12mila specie animali, dalle più piccole meduse fino a delfini e le grandi testuggini di mare; offre un vero e proprio tuffo nel mondo marino e dei suoi ecosistemi, dove è possibile osservare pinguini, tartarughe, squali, delfini, piccole specie e invertebrati. Il Galata-Museo del Mare racconta la storia della navigazione in diverse epoche, dai viaggi esplorativi alle rotte commerciali, fino alle traversate oceaniche degli italiani che emigravano in America. In una sala è simulata una tempesta a Capo Horn. A completare questo magnifico viaggio nel mondo marino, accanto al Galata, dal 2009 è ormeggiato il sommergibile S 518 Nazario Sauro, prima nave museo visitabile in Italia in acqua.


Castello d’Albertis - Museo delle Culture del mondo

I Genovesi sono stati grandi navigatori, grazie alle esplorazioni e soprattutto ai commerci marittimi. Uno dei suoi più illustri cittadini fu il capitano Enrico Alberto d’Albertis, vissuto nel XIX sec., Figlio di un facoltoso imprenditore del tessile, da sempre amante del mare, cedette le sue azioni dell’azienda di famiglia per dedicarsi completamente ai viaggi e alle navigazioni, arrivando in paesi lontani e mete allora esotiche, portando con sé oggetti rappresentativi dei posti che visitava. Nel 1886 fece costruire nel quartiere Castelletto un bellissimo castello in stile neogotico, facendo dono alla città della sua immensa collezione, oggi divenuta Museo delle Culture del Mondo. 


Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone

Questo museo rappresenta un must per gli amanti dell’Oriente. Numerose le opere qui esposte provenienti dal Giappone e da altri paesi asiatici, dalle pitture alle armature, ceramiche, costumi, oggetti in bronzo, strumenti musicali e maschere teatrali, dal Medioevo al 1800. Tante anche le interessanti iniziative a tema Japan.


Via del Campo 29: rosso

Per gli amanti della musica questo piccolo spazio situato nel centro storico della città, precisamente nella famosa via del Campo cantata dal cantautore Fabrizio de Andrè, intende omaggiare la cosiddetta “scuola genovese” del cantautorato italiano. Un tempo era un negozio di musica, adesso offre ai visitatori eventi e laboratori di musica e poesia. 


Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti