Immaginate di essere nel 1962, in un bar della periferia milanese. Un’osteria con luci fioche dove risuonano trentatré giri fuori moda da un vecchio jukebox. Un bar dove non è ancora arrivato il twist. Un bar dove scorre la vita e si raccontano storie, storie tristi, storie mai successe. Un bar dove scrittori e pittori, che ora si definirebbero “emergenti”, raccontano i loro successi ed esprimono loro idee, a volte bizzarre. Storie bagnate dal vino. 

Queste osterie si chiamavano Trani. Come il nome della città pugliese, 800 km più a Sud, da cui provenivano quei vini. Vini da taglio di buona qualità e forte gradazione, portati a Milano da emigranti del Sud. Giorgio Gaber ha descritto vividamente l’atmosfera tipica di queste taverne nella sua canzone “Trani a gogò”.

La campagna di Trani

Più di cinquant’anni dopo, nelle campagne del Nord barese, si continua a coltivare uva, in tendoni, proprio come negli anni ’60. Passeggiando tra le campagne si possono ancora ammirare i colori della natura, il giallo e il viola dell’uva matura, il rosso dei fichi d’india d’estate, i meravigliosi rossi e gialli delle viti in autunno, i campi fioriti e lucenti in primavera. Dove si lavora con pazienza, dedizione e passione.
In queste campagne si produce il moscato D.O.C. di Trani, giallo dorato con un intenso profumo, sapore dolce e vellutato, ottimo da accompagnare ai dolci con pasta di mandorla tipici della regione.

Trani, la cittadina

Una volta a Trani, come non fermarsi ad ammirare la cattedrale, uno dei pochissimi edifici religiosi, una maestosa cattedrale romanica, a picco sul mare adriatico, dedicata a San Nicola Pellegrino. Lucente e bianca, costruita con pietra locale, la rinomata “pietra di Trani”, che potete facilmente riconoscere in molti monumenti del barese. Oltre alla sua posizione unica (i tramonti sul molo a pochi metri alla cattedrale sono indimenticabili) colpisce anche la sua grandiosità, il campanile infatti è alto ben 59 metri.
La zona del porto, che di mattina è vivace per le numerose barche da pesca ed il porto turistico, di sera diventa lo scenario perfetto per un’intensa vita notturna, con numerosi bar e ristoranti per tutti i gusti.

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti