La vendemmia è un'arte che fa parte della storia, infatti è conosciuta sin dai tempi degli Antichi Romani, che oltre a piantare la vite ovunque conquistassero terre, conservavano il vino nelle leggendarie Anfore di terracotta, anche per trasportarlo, soprattutto via mare, in tutto l'esteso Impero Romano.

Cosa nasconde un calice di vino?

Dietro la degustiazione di un buon calice di vino, ci sono anni di duro lavoro e sperimentazione, dalla preparazione della terra e dei tralci di vite, dalla loro distanza, dalla quale dipende poi la quantità e soprattutto la qualità dell'uva, alla potatura, la cura e l'attesa, sperando nella clemenza del tempo: sole ma non troppo, pioggia ma non troppo.

Poi gli indispensabili e basilari "umori" della terra, che danno all'uva le caratteristiche principali a seconda se coltivata su un terreno collinare, vulcanico, di tufo, oppure raggiunto dalla aria e dalla brezza sapida del mare.

Si riconoscerà e si denominerà che da quel tipo di vitigno avremo quel determinato vino con quella determinata gradazione, bouquet, e tutti quei sapori che si riconoscono al gusto una volta assaggiato.

La vendemmia è arte

La Vendemmia è arte, perché è anche festa, allegria, convivio, partecipazione e condivisione, ed oggi mi trovo nei Vigneti Regina delle Cantine Pietrasanta a San Colombano al Lambro, alle porte di Milano, dove un Frate di origine irlandese, durante il suo pellegrinaggio verso Roma, si fermò, piantando, coltivando ed insegnando la coltura della Vite.

È proprio raccontando questa storia ai numerosi ospiti, che il coinvolgente anfitrione, Carlo Pietrasanta, proprietario e vignaiuolo, così come ama definirsi, ci accoglie per un'altra "tappa" dell'imperdibile evento di "Vigneti Aperti", organizzato da M.T.V.L. , il Movimento Turismo del Vino Lombardo, conosciuto e affermato su tutto il territorio lombardo, gestito ed organizzato in maniera impeccabile dalla gentilissima Lucilla Ortani, che oltre 20 anni cura, con molta attenzione ai particolari, la regia di eventi, sempre Sold Out, legati ai tantissimi, eccellenti e famosi vini lombardi di qualità!

Dove si trovano i "Vigneti Aperti"

Siamo in collina tra i 45 e i 120 metri s.l.m, in provincia di Milano, con una meravigliosa vista verso Sud sulle colline Piacentine, mentre sotto di noi si intravede il Fiume Po. Veniamo accolti da Beatrice e Sofia, che oltre a darci le cesoie per tagliare i grappoli d'uva, ci misurano giustamente anche la febbre; infatti pure essendo all'aria aperta il M.T.V.L segue scrupolosamente tutte le misure Anti-Covid , e questo rende tutti ancora più felici, anche se, una volta in vigna, ognuno o gruppo avrà un proprio filare e il distanziamento è più che sufficiente per godersi una meravigliosa giornata nella natura. 

Il vino di Milano

Neanche a dirlo i più felici sono i bambini, che con l'aiuto dei genitori tagliano i grappoli d'uva, depositandoli nelle ceste rosse mentre l'eccellente padrone di casa continua lo story-telling, durante la passeggiata che ci separava da uno dei numerosi Vigneti Pietrasanta, un ventennale vigneto sperimentale in collaborazione con l'Università Agraria di Milano di uve di Pinot Nero, Croatina, Barbera, Merlot e la autoctona Verdea.

Queste sono le uve dell'unico Vino di Milano.

Anche gli adulti, e i vari gruppi di amici presenti (alcuni sono venuti per festeggiare un compleanno in Vigna) sono intenti ed attenti in questo fondamentale passaggio della Vendemmia, la raccolta è sempre un momento di gioia, il grappolo d'uva si tocca con delicatezza, ed una volta staccato dalla vite, sapere che quegli acini diventeranno vino è sensazione veramente inspiegabile. 

Pic-nic con degustazione vini delle Cantine Pietrasanta

Le ceste sono piene tra i filari, ed è arrivata l'ora di pranzo, ci spostiamo in una terrazza naturale che affaccia sui vigneti, adibita con tavoli ed ombrelloni. Qualcuno ha portato un telo per sdraiarsi sul prato, il sacchetto da pic-nic, con tre differenti scelte e con prodotti locali ed acqua è già pronto, così come l'angolo per la degustazione dei vini prodotti dalle Cantine Pietrasanta e mentre i bambini sono intrattenuti dall'animazione, i "grandi" muniti di tasca con bicchiere si godono il buon vino di San Colombano e il caldo ed inaspettato sole di Ottobre.

Quant'è bella l'Italia!

Pigiatura dell'uva con i piedi

È arrivato il momento più atteso: la pigiatura dell'uva con i piedi. L'uva raccolta viene riposta in bassi tini di legno e la Vendemmia ha inizio.

Per primi i bambini, con le loro facce incredule e sorridenti e le foto di rito che verranno stampate che faranno da etichetta ad un bottiglia personalizzata, e poi i "bambini" più cresciuti, noi adulti.

Devo dire ch'è stato un momento bellissimo ed indimenticabile, la sensazione di schiacciare l'uva con i piedi, e vedere il tino in legno, riempirsi di "succo" di uva che diventerà vino, ti porta subito indietro nel tempo, forse proprio in quel periodo dove i romani vendemmiavano, come oggi si è fatto nell'imperdibile ed eccellente evento di Vigneti Aperti che il Movimento Turismo del Vino Lombardo ha organizzato presso le Cantine Pietrasanta di San Colombano al Lambro.

Confermando così che la Vendemmia è Arte perché fatta di storia, di allegria, di convivio, di natura e di buon vino!

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti