La cucina umbra è caratterizzata dall’impiego di materie prime povere, a eccezione del tartufo, forse uno degli emblemi della sua tradizione culinaria, molto costoso e pregiato. Essa è caratterizzata da preparazioni a base di carne o di prodotti della terra (spiccano i funghi) e le ricette, realizzate secondo antiche tradizioni, si tramandano di generazione in generazione.
Alle ricette scelte, un primo piatto, un secondo di carne e un dolce tipico della festività dei Defunti, si abbinano tre vini: si attribuisce infatti all’Umbria la definizione “Borgogna d’Italia”, perché patria indiscussa di storici vini e di molti vitigni tipici e autoctoni.

Pasta alla norcina e vino bianco Grechetto

20201013162842penne-norcina.jpg
La salsiccia di maiale è l’ingrediente base della pasta alla norcina che insieme alla ricotta di pecora e all’oro nero dell’Umbria, il tartufo rende questo piatto delizioso e saporito. Il tipo di pasta può variare in base ai gusti e allo stile di chi cucina, generalmente si usa una pasta corta come le mezze maniche o le penne.
Nella ricetta originale, la salsiccia (300gr) è rosolata in un tegame con olio, aglio e cipolla a fuoco vivo finché non risulta dorata; poi aggiungere 200 gr di ricotta di pecora e una spolverata di parmigiano. Quando la pasta è pronta, scolarla ed aggiungerla al sugo, mantecare bene ed eventualmente aggiungere una spolverata di tartufo. Un consiglio dai cuochi di Norcia è quello di cuocere a fiamma lenta il tartufo prima di aggiungerlo alla pasta cosi da sprigionare più intensamente il suo odore e sapore. Si abbina un vino bianco Grechetto, il vino bianco autoctono più rappresentativo dell’Umbria.

Stufato di cinghiale e Sagrantino di Montefalco

202010131630322147-umbria.jpg
Tagliare il cinghiale (circa 1 kg) a pezzetti, lavare e mettere a marinare in vino rosso, bollito per cinque minuti, con i vari odori, per almeno un giorno.
In seguito, sgocciolarlo e soffriggere i pezzi di cinghiale con il lardo, il burro e dell’olio. Aggiungere quindi, l’aglio, la salvia, il rosmarino, il sedano, la cipolla, l’alloro e il pomodoro.
Rosolare il tutto per almeno un quarto d'ora e allungare con la marinata passata al frullatore.
Fare intenerire la carne e servire ben calda.
Il Sagrantino è uno dei vitigni più antichi dell’Umbria. La sua origine è tutt’ora ignota, ma fu quasi sicuramente impiantato ai piedi di Montefalco dai frati francescani nel Medioevo, dopo che ne ebbero bonificato le terre. Questo vino rosso secco è molto corposo ed abbinabile con piatti di carne più grassa.

Fave dei morti e Sagrantino di Montefalco Passito

20201013163318Fave-dei-morti-ver-720x931.jpg
Per realizzare le Fave dei morti, biscottini tipici e facilissimi da preparare, tritare finissime le mandorle con la buccia (100g) insieme allo zucchero (150 g). In una ciotola, unire alla farina di mandorle ottenuta 70 g di farina, un uovo, una busta di vanillina, 50 g di burro, la scorza di un limone e un pizzico di cannella, poi impastare. Si otterrà un panetto omogeneo e un po’ appiccicoso, questo perché le fave devo risultare umide e morbide.
Dividere l’impasto in 20 palline, grandi quanto una noce all’incirca, e adagiarle in una leccarda, rivestita da carta forno. Schiacciare leggermente con un dito le palline. Porre in forno preriscaldato a 150° per venti minuti. Estrarre e lasciarle raffreddare prima di servirle. Si abbina bene un vino dolce come un Sagrantino di Montefalco Passito.

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Unisciti alla Community più Esclusiva di Amanti dell'Italia nel Mondo