Un po' di storia

Le prime testimonianze dell'esistenza di questo splendido borgo risalgono, addirittura, all'epoca preistorica. Un territorio da sempre ricco di storia, che, come tutto il Nord Italia, ha subito nel corso dei secoli le influenze Romane, Celtiche e Longobarde. Il borgo di Bobbio, però, deve la sua fama a San Colombano che, nel 614, decise di realizzare proprio a Bobbio un monastero. Il santo Irlandese, ricordato per aver fondato numerose abbazie e chiese su tutto il territorio Europeo, rimase affascinato dalla zona in cui sorgeva il borgo stabilendosi qui fino alla sua morte. Attorno al monastero si sviluppò in poco tempo un fiorente  movimento culturale che portò il Borgo ad essere considerato uno dei centri culturali europei più prestigiosi per anni.

Borgo di Bobbio: dove si trova?

Bobbio è un piccolo comune in provincia di Piacenza in Emilia-Romagna. Bagnato dal fiume Trebbia ed immerso negli Appennini, il borgo di Bobbio, ha ottenuto nel 2019 il riconoscimento annuale di borgo più bello d'Italia attribuito dalla trasmissione televisiva "Alle falde del Kilimangiaro".

Come raggiungerlo?

Il mezzo di trasporto più comodo per raggiungere il borgo di Bobbio è l'automobile, Non esiste infatti una stazione dei treni a Bobbio, chi vorrà raggiungere il paese con i mezzi pubblici dovrà quindi arrivare nella vicina stazione di Piacenza per poi da li prendere dei pullman di linea dedicati al collegamento al Borgo. La sua posizione strategica rende il Borgo di Bobbio l'ideale meta di una gita giornaliera anche per chi arriva da Milano.


Quando visitare Bobbio?

Inverno: consigliamo la visita al borgo di Bobbio nei mesi più freddi dell'anno a tutti gli appassionati degli sport invernali. Sarà possibile, infatti, dopo essersi goduti la bellezza del borgo raggiungere il vicino comprensorio sciistico del Monte Penice (1460m), una delle montagne più alte della catena montuosa dell'Appenino Ligure. Qui troverete una pista da sci, uno snowpark ed a pochi chilometri, in località Ceci Le Vallette, un tracciato per lo sci di fondo. La neve artificiale garantisce piste sempre pronte a disposizione degli appassionati.

Estate: suggeriamo, invece, un salto al borgo di Bobbio nei mesi più caldi agli appassionati di Trekking. Tanti i percorsi che, attraversando la Val Trebbia, regalano agli escursionisti paesaggi mozzafiato tra il verde degli Appennini e le magnifiche spiagge del Trebbia. Qui sarà possibile godersi un'atmosfera a tratti marittima, avendo pure la possibilità di fare il bagno nelle acque trasparenti del Fiume.

Cosa vedere?

Il borgo di Bobbio è un borgo ricco di storia che ha molto da offrire a chi decide di intraprendere questo viaggio nel tempo. Iniziamo dal Ponte del Gobbo, costruzione di forma irregolare di origine Romana che, la leggenda narra, abbia costruito il Diavolo in persona dopo un incontro con San Colombano. Tappa obbligatoria per raggiungere il centro storico, il ponte, attraversando il Trebbia introduce i turisti al borgo di Bobbio. Proseguiamo con l'attrazione principale del Borgo, l'Abbazia di San Colombano. Risalente al 614, è stata realizzata per volontà di Colombano attorno ad un'antica chiesa dedicata a San Pietro. La costruzione attuale, risalente al 1500, rappresenta in pieno il periodo di transizione tra lo stile Gotico e il Rinascimento. La navata centrale è opera di Bernardino Lanzani da San Colombano al Lambro. Oltre a conservare la cripta di San Colombano, il Monastero è oggi sede del Museo Cittadino e del Museo dell'abbazia che, con reperti dell'epoca, ripercorre dettagliatamente la vita del santo. Imperdibile, inoltre, al centro della Piazza del Duomo, la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Consacrata nel 1075, di stile Romanico, ha al suo interno un affresco riguardante l'annunciazione risalente al 1400. Per i più interessati all'arte e alla storia consigliamo inoltre di proseguire la scoperta del borgo visitando il Convento di San Francesco, il Castello dei Malaspina e il Palazzo Trecentesco.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Potrebbe interessarti