Il borgo friulano di Venzone sorge sul Tagliamento, vicino Udine, emergendo come una gemma di rara bellezza nel meraviglioso paesaggio alpino.

tickets banner

Immerso nel meraviglioso paesaggio alpino nel nord-est, lungo le sponde del fiume Tagliamento sorge Venzone, uno dei borghi più belli del Friuli-Venezia Giulia e tra i più affascinanti d'Italia per la sua estetica, la sua storia e le sue tradizioni, soprattutto quelle legate ai suoi due simboli: la zucca e la lavanda.

Venzone è un piccolo e antico borgo di poche migliaia di abitanti in provincia di Udine, racchiuso come una gemma di rara bellezza tra le sue fiabesche mura medievali. Non a caso, dal 1965 l'intera cittadina è riconosciuta con il titolo di monumento nazionale per il suo valore storico e artistico. Ma la sua storia, purtroppo, è stata segnata tragicamente dal terribile terremoto che ha devastato la regione nel 1976. Fortunatamente, oggi è ancora possibile visitare il borgo dove e come era grazie al meticoloso lavoro di ricostruzione: un valido motivo in più per partire subito per un viaggetto alla scoperta di questa piccola meraviglia italiana!

Venzone: uno dei borghi più belli del Friuli-Venezia Giulia

Venzone

Il borgo medievale di Venzone sorge a 230 metri sul livello del mare alla confluenza della valle del Tagliamento con il torrente Venzonassa. Con una ricca storia alle spalle, caratterizzata in particolar modo dall'influenza dell'epoca veneziana, nel 1965 il borgo viene dichiarato Monumento Nazionale in quanto unico borgo fortificato trecentesco del Friuli-Venezia Giulia nonché uno dei più straordinari esempi di restauro in campo architettonico ed artistico.

Infatti, in seguito agli eventi sismici del 1976 che misero in ginocchio questa meraviglia del medioevo italiano con gravi danni, nel giro di meno di 20 anni Venzone risorse, letteralmente, attraverso la metodologia di restauro per anastilosi, ovvero una tecnica di ricostruzione di edifici e delle antiche strutture ottenuta mediante la ricomposizione usando solo i pezzi e i materiali originali: esattamente così come era e dove era.

Vuoi scoprirne di più, vero? Allora diamo subito un'occhiata alla storia di Venzone e alle attrazioni e curiosità custodite all'interno delle sue mura!

La storia di Venzone

Storia di Venzone

Fin dal 500 a.C. circa, epoca in cui i Celti abitavano in gran parte della regione alpina, la posizione dell'attuale Venzone rappresentava un luogo chiave ed estremamente strategico per il passaggio verso il nord e l'est attraverso le montagne.

Successivamente, i Romani ne fecero una loro postazione difensiva e di controllo lungo il percorso della via Julia Augusta, che dall'importantissimo sito di Aquileia portava all’attuale Austria centrale. Il primo vero e proprio centro urbano risale però ad un'epoca molto più lontana, cioè al dominio carolingio nel 923 d.C.

Nel 1200 il Patriarca di Aquileia affidò in feudo la Terra di Venzone alla famiglia dei Mels, che ne aumentò il prestigio, e nel 1258 Glizoio di Mels fece fortificare il paese con una doppia cinta muraria, preceduta da un profondo fossato, che ancora oggi è possibile ammirare. Il controllo della cittadella murata passò poi nelle mani di Venezia, alla fine del XIV secolo, rimanendo sotto al dominio della Repubblica fino al 1797, quando venne occupata dalle truppe francesi di Napoleone.

Infine, nel 1866 la cittadina entrò ufficialmente a far parte del Regno d’Italia; e oggi, oltre un secolo e mezzo dopo, siamo certamente felici ed entusiasti di vantare Venzone tra le gemme nascoste più belle in Italia!

Il terremoto del 1976

Terremoto del 1976 in Friuli

Una serie di eventi sismici nel 1976, da maggio a settembre, colpì duramente il Friuli-Venezia Giulia danneggiando gravemente il borgo di Venzone e tutta la regione.

Dopo nemmeno 20 anni, con la forza e la volontà dei suoi abitanti, la cittadina è rinata grazie alla ricostruzione del palazzo comunale nel 1984, del centro storico nel 1988, ma soprattutto con del suo magnifico duomo nel 1995, simbolo da un lato del sisma, della sua distruzione e rovina, ma anche e soprattutto della rinascita o, per meglio dire, della resilienza.

La città fu ricostruita pietra su pietra; circa 9500 pietre furono ricollocate al loro posto esattamente come e dove erano, secondo il metodo dell'anastilosi.

Il duomo di Venzone e il centro storico

Duomo di Venzone

Il centro del borgo è la Piazza del Municipio, caratterizzata dalla presenza di una fontana. Su di essa si affacciano il Palazzo Comunale, in stile gotico-veneziano, e Palazzo Radiussi, una lussuosa residenza nobiliare, entrambi risalenti al 1400.

Il simbolo della cittadina e della sua rinascita post terremoto, però, è il Duomo romano-gotico del 1300, la chiesa di Sant'Andrea Apostolo. Il borgo di Venzone è inoltre circondato da un ampio fossato e da un’affascinante doppia cerchia di mura del XIII secolo, rendendolo così l’unico borgo medievale fortificato del Friuli-Venezia Giulia. Se ami la storia e i castelli, dai un'occhiata qui ai più magici della regione!

Per di più, il bellissimo panorama alpino che circonda Venzone, arricchito dallo scorrere del fiume Tagliamento, conferisce al borgo un'autentica atmosfera fiabesca: una cornice perfetta per una gita fuoriporta in un mix ideale di bellezze plasmate dalla natura e altre, invece, frutto della creatività e dell'opera degli uomini.

Le mummie di Venzone

Mummie di Venzone

Per trovare le mummie non sempre è necessario recarsi in Egitto, al cospetto delle piramidi e dei faraoni. Nel sagrato anteriore del duomo troviamo la cappella di San Michele costruita nel 1200 e attuale sede del museo dedicato alle Mummie di Venzone, appartenenti ad un'epoca compresa tra il XIV ed il XIX secolo.

Queste mummie furono scoperte nel 1647 durante i lavori di ampliamento del Duomo, e sono il risultato di un processo di mummificazione che non è frutto dell'intervento dell'uomo, ma di un fenomeno totalmente naturale dovuto a particolari condizioni ambientali che si sono verificate all’interno delle tombe.

La Festa della Zucca di Venzone

Festa della Zucca di Venzone

La Festa della Zucca di Venzone si tiene il quarto fine settimana di ottobre ed è una delle feste della zucca più importante in Italia. Come per incanto, il centro storico del borgo medievale si anima grazie a musici, giocolieri, mangiafuoco, nobildonne e cavalieri e viene allestito in ogni suo angolo con zucche di ogni tipo.

Alla manifestazione è possibile degustare piatti a base di zucca e partecipare al concorso per la zucca più grande. La prossima edizione è in programma per il 21 e 22 ottobre 2023, un weekend da vivere tra musica, folklore e buon cibo.

La coltivazione della lavanda a Venzone

Lavanda a Venzone

Un altro simbolo di Venzone e del suo territorio è sicuramente la lavanda, il meraviglioso fiore dall’inconfondibile colore viola dal profumo inebriante tra gli ingredienti preferiti per la preparazione di profumi, saponi e altri prodotti cosmetici.

Il borgo friulano celebra ogni anno la fioritura della lavanda, nel mese di agosto, decorandosi di viola e riempendo le proprie strade di fantastiche fragranze, assumendo ancor più del solito le sembianza di un’ambientazione fiabesca, degna della più belle favole o del più bello dei dipinti.

Come arrivare a Venzone

Come arrivare a Venzone

Il modo più semplice per raggiungere Venzone in automobile, partendo dal capoluogo di provincia, consiste nell’imboccare la SP4 a nord di Udine, e successivamente la SS13 a Tavagnacco, proseguendo fino a destinazione.

Se invece parti da Trieste, l’ideale è seguire la RA13 fino a Sistiana, proseguendo poi sull’autostrada A4 fino a Palmanova e sulla A23 fino a Udine. Qui ti suggeriamo di goderti un break da vero local, prima di proseguire la tua strada per Venzone guidando verso nord lungo la SS13, come descritto in precedenza.

In partenza da Venezia, invece? In questo caso, partendo dall’entroterra veneziano bisogna seguire la tangenziale di Mestre fino ad immettersi sull’autostrada A4 fino a Palmanova e poi continuare, come prima, sulla A23 fino a Udine ed infine sulle SP4 e SS13 fino a Venzone. Buon viaggio!

Itinerario di viaggio da Venzone a Venezia con il Venice Pass

Itinerario di viaggio da Venzone a Venezia con il Venice Pass

A proposito di Venezia...abbiamo appena visto come raggiungere Venzone partendo dal capoluogo del Veneto, ma se invece ora ripercorressimo il viaggio al contrario? Già, eccoci in partenza da Venzone, destinazione: Venezia!

La Serenissima non ha certo bisogno di presentazioni ufficiali in quanto a bellezza, maestosità e ricchezza artistica e culturale da scoprire in ogni angolo della città sull’acqua più ammirata al mondo. Hai voglia di visitare la perla più preziosa dell’Adriatico con un esperienza di viaggio top? Scopri il Venice Pass, la city card perfetta per accedere alle migliori attrazioni della città ed esplorarla da protagonista!

Scopri Venezia da protagonista con il Venice Pass

Una chicca finale al ritorno da Venezia

Da Venezia a Cortina d'Ampezzo in pullman

Che spettacolo Venezia, eh? Se ti è piaciuta l’esperienza del Venice Pass – e ne siamo certi! - abbiamo una splendida notizia per te: le sorprese non sono finite!

Dopo essere stati così vicini al mare, tanto da riuscire quasi a camminare letteralmente sull’acqua nella magia di Venezia, forse potrebbe essere interessante provare a toccare il cielo con un dito in alta quota. Di cosa stiamo parlando? Raggiungi il parcheggio dell’aeroporto Marco Polo: ti aspetta il Cortina Express, un comodissimo viaggio in pullman che dalla Serenissima ti porterà alla scoperta di Cortina d’Ampezzo, una delle meraviglie delle Alpi! Scopri di più cliccando il pulsante in basso e goditi il tuo viaggio nel nord-est Italia!

Potrebbe interessarti


Potrebbe interessarti