Dieci luoghi imperdibili da visitare in una giornata per scoprire la vera essenza di Venezia. Scopriamoli assieme!

Solo posando il primo passo fuori dall’entrata della Stazione di Santa Lucia la vista della maestosa cupola verde della Chiesa di San Simeon Piccolo vi lascerà senza fiato. E così è Venezia, una sorpresa, una meraviglia ad ogni passo, dietro ogni suo angolo, che sia la prima o la millesima volta che la si visita. L’atmosfera magica che si respira in questa città, sia in inverno che in estate, è ciò che rende unico ogni soggiorno qui. Per visitare e conoscere ogni suo lato ovviamente un solo giorno non sarà mai abbastanza: Venezia è una città che bisogna saper assaporare a piccoli morsi. Nonostante ciò per una giornata perfetta nella Serenissima ci sono dei luoghi che non possono mancare nel vostro itinerario. Quindi preparate un paio di scarpe comode per questo viaggio “su e giù” per i ponti di Venezia.

10. Ghetto Ebraico

Attraversando il Ponte delle Guglie, a poca distanza dalla stazione ferroviaria, arriverete in una delle zone più belle della città: il Ghetto Ebraico. Situato nel sestiere di Cannaregio, questa zona fu il primo ghetto ebraico della storia, il cui termine è ormai in uso in tutte le lingue. Il cuore del ghetto è senza dubbio il Campo del Ghetto Nuovo, a cui si accede da un magnifico ponte in ghisa attorniato da due simmetriche garitte in mattoni rossi, simbolo e ricordo dell'isolamento forzato e della sorveglianza; infatti, il ghetto doveva essere chiuso al tramonto da pesanti portoni che poi venivano riaperti all'alba poiché durante le ore notturne a nessun ebreo era consentito uscire dalla propria area e circolare liberamente nel resto della città. Oggi l'intera area è un suggestivo luogo di studio e cultura dove sono tutt'oggi presenti cinque sinagoghe, dette Schole.

9. Calle Varisco

Venezia è un dedalo di lunghe e strette vie, chiamate calli, ma una in particolare ha il primato per essere la calle più stretta della città. Stiamo parlando di Calle Varisco, non lontana dal campo San Canzian nel sestiere di Cannaregio. Con i suoi 53 cm massimi di larghezza permette il passaggio di una sola persona alla volta. Una colonna dorica segna l’inizio del restringimento della via, quindi il suo tratto più angusto. Passare fra le sue strette mura sarà sicuramente un’esperienza unica da poter fare solo in questa città!

8. Libreria Acqua Alta

Al confine tra il sestiere di Cannaregio e quello di Castello sorge un luogo incantato, una libreria unica al mondo, non a caso inserita dall'emittente inglese BBC tra le 10 librerie più belle del mondo: Libreria Acqua Alta. Ciò che rende particolare questa libreria è sicuramente la disposizione dei libri, conservati all’interno di gondole, barchette e vasche, in modo da essere protetti in caso di acqua alta, tra le cui pile dolci gattini riposano teneramente. Altra caratteristica del negozio è la scalinata di libri posta all’interno del cortile, dalla cui sommità si può ammirare un suggestivo panorama sui canali di Venezia. Non vi resta che avventurarvi in questa libreria per essere trasportati in un mondo magico.

7. Arsenale

L’Arsenale è un antico complesso di cantieri navali e officine che costituisce una parte molto estesa di Venezia, circa 48 ettari, dove si costruivano le flotte della Serenissima e, per questo, simbolo della potenza economica, politica e militare della città. Per raggiungere questo luogo ricco di storia dovrete avventurarvi per le vie di Castello, il sestiere più orientale della città, che rappresenta una delle zone di Venezia meno visitate dai turisti e per questo anche una delle aree più autentiche. Dal Ponte dell’Arsenal (o del Paradiso) potrete ammirare l’ingresso monumentale dell’Arsenale e le sue due Torri. Dal 1980 l’Arsenale è diventato luogo espositivo della Biennale e al suo interno è presente, inoltre, il Museo storico navale.

6. Ponte dei Sospiri

Tra i posti più intrisi di mistero troviamo il famosissimo Ponte dei Sospiri, a due passi da Piazza San Marco. Costruito interamente in pietra d'Istria e in stile barocco, il ponte fu eretto per collegare, con un doppio passaggio, il Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove. Serviva, quindi, da passaggio per i reclusi dalle suddette prigioni agli uffici degli Inquisitori di Stato. Entrambi i lati del ponte sono visibili e si possono osservare dalla sommità di altri due ponti, il Ponte della Paglia e il Ponte della Canonica. Le due particolarità di questo ponte sono la forma e il nome; leggenda vuole, infatti, che i prigionieri attraversando il ponte sospirassero vedendo, forse per l’ultima volta, il mondo esterno.

5. Palazzo Ducale

Attraversato il Ponte della Paglia, dopo aver ammirato il celebre Ponte dei Sospiri, alla vostra destra troverete l’immensità di Palazzo Ducale. Capolavoro del gotico veneziano e uno dei simboli della città di Venezia, il monumentale Palazzo Ducale è stato la sede del Doge e delle magistrature veneziane dalla sua costruzione fino alla caduta della Repubblica. Il palazzo ospita il Museo civico di Palazzo Ducale al cui interno è possibile ammirare le opere di straordinari artisti veneziani quali Tiziano, Tintoretto, Veronese e tanti altri.

4. Piazza San Marco e i suoi monumenti

A due passi da Palazzo Ducale vi troverete nel cuore pulsante della città: Piazza San Marco, il salotto del mondo, la piazza pubblica più bella e conosciuta di tutta Venezia che fin dai tempi della Serenissima ha ospitato tutti gli avvenimenti più importanti della vita pubblica e mondana della Repubblica. La Piazza ospita la Basilica di San Marco, l’incantevole testimonianza della magnificenza della Repubblica di Venezia e simbolo religioso della città. Sempre da qui svetta quello che è il punto di riferimento e simbolo più riconoscibile di Venezia, il maestoso Campanile di San Marco. Inoltre la piazza è circondata su tre dei suoi lati dalle Procuratie, imponenti edifici tipici dell’ambiente veneziano che oggi ospitano alcuni dei musei più importanti della città, quali il Museo Correr, il Museo Archeologico Nazionale e le Sale Monumentali della Biblioteca Marciana.

MAGGIORI INFO SUL VENICE PASS

3. Ponte dell’Accademia

Il Ponte dell’Accademia è uno dei quattro ponti a Venezia che permettono di attraversare il Canal Grande. Questo ponte fu costruito durante il dominio austriaco e aperto al pubblico nel 1854; fino a quel momento l’unico punto di attraversamento pedonale sul Canal Grande era stato il Ponte di Rialto. Nel corso del tempo ha subito diverse modifiche data la pericolosità e i problemi della struttura di ferro iniziale, tanto che si decise di demolirlo e sostituirlo con uno provvisorio fatto in legno ed acciaio, ponte che poi è rimasto fino ad oggi. Dalla sua sommità si gode di una meravigliosa vista sul Canal Grande e sulla Basilica di Santa Maria della Salute.

2. Punta della Dogana

Situata nel sestiere di Dorsoduro, Punta della Dogana è una sottile punta triangolare che si allunga tra il Canal Grande e il Canale della Giudecca, da cui si ha una vista completa e mozzafiato su Palazzo Ducale, il Campanile di San Marco e la Chiesa di San Giorgio. In quest’area è presente inoltre la chiesa più importante di Venezia, dopo la Basilica di San Marco: la Basilica di Santa Maria della Salute. Vi consigliamo di aspettare da qui il tramonto, per vedere tutto il bacino di San Marco colorarsi d’oro. 

1. Ponte di Rialto

Ultimo ma non per importanza, troviamo il ponte più celebre di Venezia e uno dei ponti più conosciuti al mondo: il Ponte di Rialto. Il primo tra i quattro ponti che attraversano il Canal Grande ad essere stato costruito, il Ponte di Rialto è ad unica arcata e in pietra bianca. È suddiviso in tre rampe di scale, una centrale e due laterali, divise da due file con volta a botte che ospitano 24 botteghe. Come non voler terminare la propria giornata a Venezia con una passeggiata serale lungo le scalinate di Rialto, vedendo le luci della città riflettersi sul Canal Grande.

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti