tickets banner

I vini Veneti sono tanti e tutti di eccellente qualità. Partiamo per un viaggio nella regione con la più ampia produzione vinicola d'Italia

Grande varietà, vitigni internazionali o autoctoni e naturalmente qualità eccellente: il Veneto è una garanzia- e un'eccellenza- quando si parla di vini.

Una fortunata combinazione di clima e terreni molto diversi, unita ad una passione che ha origini antichissime, fanno del Veneto una delle regioni vinicole più produttive d'Italia.

Qui si trovano prodotti di fama internazionale con etichette che esportano in tutto il mondo. Il più celebre è senza dubbio il Prosecco, le cui colline sono addirittura patrimonio UNESCO.

Ma c'è molto di più da gustare e da scoprire.

Partiamo per un viaggio attraverso i vigneti di questa ricca regione.

Incominciamo il nostro viaggio virtuale alla scoperta dei vini veneti nella meravigliosa Verona. È la città dell'Arena e dei suoi concerti, nota anche per la struggente storia d'amore tra Giulietta e Romeo. Già solo in quest'area troviamo otto zone di produzione vinicola D.O.P. con diversi consorzi impegnati nella tutela della qualità dei vini. Tra i più apprezzati il Lugana e il Soave, ottimo vino bianco. Da queste parti si producono anche il Bardolino e il Valpolicella, due rossi che sono autentiche celebrità venete.

Viaggiando verso est arriviamo poi a Vicenza, giustamente famosa per le splendide architetture di Palladio. Quando si parla di vini qui la gloria locale è il Torcolato. Questo vino passito, perfetto per accompagnare il dessert, nasce da un vitigno autoctono, il Vespaiola. Vicenza però è anche nota per i vini rossi, che non hanno nulla da invidiare a quelli del resto della regione.
Spostiamoci ora verso Padova e i Colli Euganei. Siamo in una terra ricca di fascino, luoghi ancora da scoprire bellezze naturali, dove si producono rossi eccellenti. Qui nel 1870 i nobili conti Corinaldi hanno impiantato per primi in Italia i vitigni da cui nascono il Cabernet Sauvignon e il Cabernet Franc. I Colli Euganei sono anche la patria del Moscato Fiori d'Arancio, proveniente da vitigni ben più antichi, originari probabilmente della Mesopotamia.
Un tour alla scoperta dei vini veneti non può non passare anche per Treviso e la sua provincia. È qui che grazie al clima mite e piovoso delle pianure di Conegliano e Valdobbiadene si produce il Prosecco, il più celebre vino italiano. È fresco e frizzante, bianco o rosato, noto in tutto il mondo in particolare come vino da aperitivo o, nella versione spumante, come vino da party. Il Prosecco è inoltre un'ottima base per cocktail di ogni tipo.

I vini di Venezia

Tour dei vini veneti

Non ha certo bisogno di presentazioni la città della Laguna e del Carnevale, di Piazza San Marco e dei dipinti del Canaletto. Forse però non tutti collegano il nome di Venezia al vino. E pure proprio qui, nelle pianure che circondano la città, si produce vino fin dai tempi degli antichi romani.

I rossi sono caratterizzati da un colore intenso e aromi fruttati o speziati che variano a seconda della zona di coltivazione. I bianchi hanno spesso piacevoli note floreali oppure, ancora una volta, di frutta.
È qui che nascono il Vini del Piave, un folto gruppo di vini bianchi e rossi a marchio D.O.C. Tra i più noti e apprezzati c'è il Raboso Veronese che, nonostante il nome, si produce prevalentemente nella provincia di Venezia. È un vino rosso dal colore rubino che si beve principalmente in due varietà, una più corposa dal gusto deciso, un'altra più leggera e frizzante.
Tra i più pregiati vitigni coltivati nell'area di Venezia c'è anche il Lison-Pramaggiore da cui si ottengono diverse varietà di vino, come il Cabernet, il Merlot e lo Chardonnay. Ancora una volta la qualità è garantita dal marchio D.O.C.
Per conoscere meglio le tante cantine che circondano Venezia puoi anche viaggiare lungo una delle tante Strade del Vino che attraversano la regione.  La Strada dei Vini del Piave è quella più vicina a Venezia, ma in tutto il Veneto se ne contano altre 15 ufficialmente riconosciute.

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti