Le più importanti tradizioni sarde raccontate attraverso le principali festività, tra musica, danze e gastronomia.

“La vita in Sardegna è forse la migliore che un uomo possa augurarsi: ventiquattro mila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in un mare miracoloso dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso.”

Fabrizio De Andrè

La Sardegna è una terra antica le cui origini risalgono a molto tempo fa. Le lunghe e varie dominazioni che si sono succedute nell'isola, insieme alla sua posizione geografica, hanno contribuito allo sviluppo di una cultura complessa con tratti originali e, allo stesso tempo, conservatori nella popolazione sarda. 

Oltre alle sue numerose e bellissime spiagge, ognuna diversa dall'altra, dove sabbia bianca e ciottoli si alternano a rocce dalle forme più fantasiose. Oltre alle sue albe e ai suoi tramonti emozionanti, ai suoi paesaggi ondulati e ai villaggi ricchi d'arte, la Sardegna è tradizione all'ennesima potenza.

Il fascino intramontabile delle tradizioni sarde

Tradizioni Sardegna

La Sardegna è un mix irresistibile di arte, storia, musica, artigianato ed enogastronomia, un qualcosa di unico che resiste nei secoli. Anche il dialetto di questa terra è così caratteristico da essere considerato una lingua distinta dall'italiano.

Al centro della cultura sarda c'è un forte senso di identità e di orgoglio per le proprie radici che hanno reso la Sardegna famosa in tutto il mondo. Grazie alla memoria degli anziani, alle usanze tramandate di generazione in generazione e all'impegno di associazioni e attori istituzionali tutto questo immenso patrimonio è arrivato fino a noi. 
Basta partecipare a una festa popolare, come per esempio gli eventi inclusi nel programma Salude & Trigu della Camera di Commercio di Sassari, per rendersi conto di quanto le tradizioni siano profondamente radicate nella società dell'isola. La valorizzazione degli eventi culturali e di tradizione, poi, è anche il modo migliore per promuovere un territorio in maniera autentica.
Vi accorgerete presto di come un fascino intramontabile caratterizzi la maggior parte delle antiche tradizioni sarde: il fascino di un'isola che, oltre alle coste dal mare turchese, ha molto da raccontare. 

SCOPRI DI PIù

Cantu a Tenore: una fra le più importanti tradizioni della Sardegna

Tradizioni Sardegna: Cantu a Tenore

La musica tradizionale sarda, sia cantata che strumentale è molto antica. I tipici gruppi folcloristici dei “Cantadoris” con i loro  costumi d’epoca, ravvivano periodicamente le viuzze dei centri storici. 

I coros si dedicano al canto liturgico e sono di numero variabile, mentre i tenores sono composti da quattro voci maschili e hanno un repertorio di canti secolari. Il Canto a Tenore, ovvero “cantu a tenore”, è uno stile di canto corale sardo di grande importanza nella tradizione locale, sia perché espressione artistica di matrice originale e autoctona, sia perché si è sviluppato nell’ambito della cultura pastorale della Sardegna. È una forma di canto polifonico eseguito da un gruppo di quattro uomini usando quattro diverse voci, chiamate “Bassu”, “Contra”, “Boche” e “Mesu Boche”, che riprendono i versi di animali quali il vitello, la pecora e l’agnello.

In piedi, in circolo, i solisti cantano un pezzo di prosa o poesia, che può anche appartenere a forme di espressioni culturali contemporanee, mentre le altre voci fanno un coro di accompagnamento. La maggior parte dei praticanti di questo canto vivono nella Barbagia e nella Sardegna centrale e si esibiscono spontaneamente nei bar chiamati “su zilleri” ma anche in occasioni formali e cerimonie e durante il carnevale barbaricino.

È ritenuto un'espressione artistica peculiare unica al mondo, infatti nel 2005 è stato inserito dall'UNESCO tra i “Patrimoni orali e immateriali dell'umanità” ed è perciò considerato, per la sua unicità, patrimonio intangibile dell'Umanità.

Il canto nella forma attuale è il risultato dell'incontro con le tradizionali melodie locali e la chitarra, portata in Sardegna dagli spagnoli. Questo canto ha avuto una gran diffusione a partire dal XX secolo grazie alle numerose feste paesane durante le quali si svolgono delle vere e proprie competizioni tra "cantadores", in genere maschi, accompagnati da un chitarrista e spesso anche da un fisarmonicista. Tanti sono gli strumenti tradizionali che accompagnano questi canti, come tamburi, tamburelli, fisarmoniche, chitarre e le “Launeddas”.

Musica: la tradizione sarda incontra l'innovazione

Tradizioni Sardegna: folklore sardo

Sono tante le occasioni in cui poter ascoltare la caratteristica musica sarda ed assistere a rappresentazioni di danze tradizionali sarde come l’evento Cavart-Extrazioni Culturali, organizzato dall’ Associazione Girovagando, “Theatre en vol”, officine culturali, in collaborazione con il Comune di Sennori. 

Questo si svolge nell’ex Cava di Tufo di Sennori che si trasforma in un luogo inedito per la cultura e la sperimentazione con protagonisti alcuni tra i più importanti esponenti della scena musicale isolana.

Eventi in Sardegna: JazzAlguer

Nella bellissima città di Alghero, che offre non solo spiagge incontaminate e natura selvaggia ma anche un centro storico vivo e una lingua arcaica, si svolge una rassegna musicale con proposte diverse: dal 30 aprile al 25 novembre 2022 ritorna JazzAlguér, la rassegna organizzata dall'associazione culturale Bayoun Club Events, che si presenta alla sua quinta edizione con esibizioni dal vivo di nomi illustri del panorama musicale italiano e internazionale.

Faranno da cornice alle serate gli spazi di Lo Quarter, nel cuore storico della cittadina di origine catalana del nord Sardegna, il Teatro Civico, il Nuraghe Palmavera, il Chiostro di San Francesco e la Casa Gioiosa nel Parco di Porto Conte. 

Eventi in Sardegna: Musica sulle bocche

Nel mese di agosto il nord Sardegna ospiterà una serie di concerti in scenari da sogno: la 22° edizione di Musica sulle Bocche, festival che da sempre ha l’obiettivo di unire “Jazz & Green”, ovvero, “Musica & Paesaggio”.

È un progetto che permette l’incontro tra località a rischio di spopolamento e i flussi turistici, ricoprendo il ruolo di “Istituzione Culturale Strategica”, in quanto è precursore del nuovo modello turistico che si è affermato negli ultimi anni definito come Turismo Esperienziale.

Il Programma del Festival integra musica di qualità, innovazione nelle proposte, sostenibilità ambientale e bellezze naturali generando il cosiddetto “Happening”, modello di convivenza degli anni ‘80 , riscoperto e potenziato con la valorizzazione del territorio, generando un’esperienza unica.

Proprio per la sua attenzione al territorio il festival è sostenuto dalla Camera di Commercio di Sassari grazie al progetto “Salude & Trigu”.

Eventi in Sardegna: Isole che parlano

Dal 4 all'11 settembre prosegue la ricerca di innovazione, legata alla fruizione dell’arte in relazione al meraviglioso territorio di Palau che ospita il Festival Internazionale Isole che Parlano.

Fin dalla prima edizione il sistema-festival coniuga con successo e in modo originale il turismo, lo spettacolo, la cultura, l’archeologia, le produzioni del territorio e l’ambiente.

La Sardegna, con le sue radici più profonde, si confronta con la società contemporanea tracciando un ponte ideale con il mondo.

Infine, dal 16 settembre al 2 ottobre si celebra il Festival di Sant Miquel ad Alghero con una festa di in onore di San Michele, patrono della città. Questa celebrazione segna il culmine della stagione estiva ad Alghero, e oggi è diventata un must per i visitatori con i suoi giochi, la musica e molti eventi. 

In ambito musicale, esiste anche un premio creato in onore della più grande e famosa cantautrice sarda: Maria Carta. La cantante, amatissima nell'isola e non solo, è riuscita a portare la musica popolare sarda in manifestazioni a livello nazionale e internazionale.

Il 3 e 4 settembre 2022 a Siligo, nel nord della Sardegna, si terrà il Premio Maria Carta. Nato con l’obiettivo di promuovere e ricordare l’artista scomparsa nel 1994, con il tempo, il premio ha ampliato il suo raggio d’azione. Vuole rivestire un ruolo di riferimento per la salvaguardia e promozione della cultura musicale sarda, nelle sue varie espressioni al di là della tradizione, e per dare visibilità alle eccellenze dell’isola in ambito economico e al contributo delle comunità dei nostri emigrati nel mondo. Tra coloro che negli anni hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento ci sono inoltre Carla Fracci, Ennio Morricone, Alda Merini e Andrea Parodi, indimenticabili protagonisti della cultura degli ultimi decenni.

Feste popolari e tradizioni di Sardegna

Tradizioni in Sardegna: Candelieri

Le feste scandiscono da sempre la vita delle comunità isolane e sono legate al desiderio di riaffermare la propria identità culturale. In Sardegna andare per feste significa immergersi in una cultura antica alla scoperta di suoni e di armonie sconosciute, di balli ritmici con ricchi costumi tradizionali, di gare poetiche fuori dal tempo, di sfrenate corse di cavalli, di sfilate folcloristiche con preziosi e coloratissimi abiti dI altri tempi.

Spesso le feste durano diversi giorni e coinvolgono tutta la comunità. Per l'occasione, vengono preparati dolci speciali e organizzati banchetti con piatti tradizionali a cui tutti possono partecipare.

Un esempio di festa celebrativa del folklore sardo è Primavera in Gallura, organizzata dall’Associazione Stazzi e Cussogghi, tra giugno e settembre.

La Gallura è la zona nel nord-est della Sardegna che ha come centri più importanti Olbia e Tempio. La manifestazione intende rafforzare la vocazione turistica del territorio gallurese, riconosciuto come meta di forte richiamo per il turismo sostenibile e di grande interesse per le  eccellenze gastronomiche locali.

Gli abitanti hanno una lingua propria, “il gallurese”, propri costumi, tradizioni e un carattere abbastanza indipendente. Le usanze  dei galluresi sono diverse dal resto della Sardegna perché diversa è la loro storia, la loro cultura, il loro rapporto con il paesaggio e la natura.

Il progetto “Primavera in Gallura” nasce con l’intento di riappropriarsi delle proprie tradizioni civili, culturali e musicali per rafforzare il senso di appartenenza alla propria comunità. Vuole riscoprire tracce, segni e testimonianze del passato e stimolare nelle giovani generazioni la conoscenza della propria storia.

Questo evento contribuisce, inoltre, a rafforzare la percezione collettiva della cultura come valore primario e a rendere consapevoli le popolazioni locali e i partecipanti delle valenze scientifiche, civili, culturali e turistiche del patrimonio storico e culturale del proprio territorio.

L’evento più atteso dagli abitanti della città di Sassari è la Faradda di li Candareri, un evento che si svolgerà, come sempre, il 14 agosto 2021. Le sue origini risalgono ad un voto che i sassaresi fecero alla Madonna Assunta, chiedendole di liberarli dal flagello della peste del 1652.

La Faradda, o discesa, è una processione danzante che coinvolge i rappresentanti dei vari ceti di mestiere della città, i “gremi” di Sassari. Essi trasportano a spalla dai dei pesanti ceri votivi in giro per la città, percorrendo corso Vittorio Emanuele fino ad arrivare alla chiesa di Santa Maria di Betlem.

È uno degli eventi più prestigiosi in Sardegna e rientra nella Rete delle grandi macchine a spalla italiane, dal 2013 inserito nel Patrimonio orale e immateriale dell’umanità dell’Unesco.

La celebrazione è seguita ogni anno da circa 120.000 persone, con visitatori che giungono a Sassari da ogni parte del mondo.

Tra le principali feste del mese di settembre merita di essere ricordata la Festa della Beata Vergine della Difesa, il tradizionale appuntamento religioso e culturale che si celebra a Stintino nella data della nascita di Maria. Qui la caratteristica processione in mare ricorda la traversata che 45 famiglie fecero nel 1885 dall’Asinara a Stintino con il simulacro della Vergine, per la fondazione di Stintino.

La statua della Madonna della Difesa, protettrice del paese, viene portata in processione su una barca. Ogni anno un comitato ristretto elegge “l’obriere”, cioè priore, che diventa il grande maestro della cerimonia con il compito di organizzare la festa della Santa patrona e di presenziare con un numero minimo di confratelli alle principali manifestazioni religiose. In queste occasioni vestono l'abito tipico composto da gonna lunga e camicia bianca, con una mantellina blu ed un cordone dello stesso colore.

La festa si svolge nell'arco di una settimana e si articola in diverse manifestazioni ed attività, vengono organizzate inoltre manifestazioni sportive, soprattutto per i più piccoli, spettacoli musicali e teatrali e vari intrattenimenti che richiamano migliaia di visitatori.

A Ittiri, nel sassarese, si tiene ogni anno una manifestazione tra le più celebri di tutta la Sardegna, l'Ittiri Folk Festa.

È il Festival Internazionale delle danze provenienti da tutto il mondo. Organizzato dal gruppo Ittiri Cannedu, ospita ogni anno gruppi folkloristici provenienti da ogni parte che attraverso danze, musiche, costumi e colori fanno emozionare tutti gli spettatori.

La manifestazione, che durerà dal 21 al 26 luglio, è dedicata alle musiche e ai balli della tradizione e vede la partecipazione del gruppo folk di Ittiri a cui si uniscono diverse associazioni folkloristiche sarde, ma anche di molte altre parti del mondo. 

Durante i giorni dell'Ittiri Folk Festa, si può assistere a concerti folk tra le vie e le piazze cittadine, a danze tradizionali e a caratteristiche sfilate a cui partecipano le decine di gruppi intervenuti portando allegria con le loro musiche e i loro coloratissimi costumi.

Cibi sardi: profumi e sapori della tradizione

Cucina tradizionale sarda: malloreddus

Parlare delle tradizioni sarde significa, inoltre, parlare dell'enogastronomia e della cucina tipica.

La cucina sarda è basata su ingredienti semplici e originali, derivati dalla tradizione pastorale e contadina e marinara. Varia da zona a zona non solo nel nome delle pietanze ma anche nei componenti utilizzati.

Sono diffusi i prosciutti di cinghiale e di maiale, le salsicce, accompagnati da olive e funghi. Alcuni primi piatti tipici sono i “malloreddus”, una sorta di gnocchetti che vengono conditi con un sugo corposo di salsiccia, cosiddetti “alla campidanese”, oppure col formaggio, chiamati con “casu furriau”.

Tipici sono anche i “culurgiones ogliastrini”, la “fregula”, la “zuppa gallurese” e le “lorighittas”.

Gli arrosti costituiscono una peculiare caratteristico e il porcetto è considerato l'emblema della cucina sarda.

Ovunque è famoso il pane sardo, detto anche “Pane Carasau”, squisiti sono poi i liquori a base di mirto e l’acquavite locale, chiamata in dialetto “Filu ferru”, e il celebre vino rosso “Cannonau”, ottimo con le carni saporite.

Altri prodotti tipici sono i formaggi e il pecorino sardo, apprezzato per la sua stagionatura, nonché dolci dal sapore particolare come le “seadas” o i “papassini”.

Custodi delle tradizioni sarde sono le sagre e le numerose feste popolari, che rappresentano occasioni ideali per degustare le pietanze tipiche dell’isola.

Un esempio è la tradizionale Sagra della Cipolla Dorata di Banari, pese del Meilogu, non distante da Sassari. La manifestazione ha luogo nel mese di luglio ed è un'occasione per gustare piatti tipici a base della prelibata cipolla locale, bere un buon bicchiere di vino e visitare il borgo antico.

Evento caratteristico della zona di Uri è la Sagra del Carciofo che si tiene nel mese di agosto. Si tratta di una manifestazione identitaria che ricorda la storia del paese, cresciuto con la vocazione carciofaia sin dalla metà del settecento e che negli anni ha aumentato in maniera esponenziale il numero di visitatori.

La qualità dell'evento e la giusta commistione tra l'aspetto enogastronomico, il folklore e la tradizione hanno creato una manifestazione attesa non solo dalla comunità urese ma soprattutto dai turisti.

Infatti consente di visitare i luoghi più rappresentativi del paese, quali chiese, antiche abitazione, mostre e laboratori artigianali che ricordando gli antichi mestieri.

I sapori d'autunno delle tradizioni di Sardegna

Tradizioni Sardegna: vino nuovo

A Sassari dal 13 al 16 ottobre tornerà la manifestazione Weekend dei Gusti.

Questa nasce nel 2006 con l’obiettivo di promuovere la cultura del gusto, mostrare le esperienze del cibo di strada tipiche della città di Sassari e valorizzare l'offerta degli esercizi commerciali, contribuendo a promuovere dal punto di vista turistico la città, la sua tradizione enogastronomica e i suoi angoli più suggestivi.

È tra gli eventi più importanti dell'isola dedicati alla valorizzazione della produzione agro-alimentare e della tradizione enogastronomica, in particolare della città di Sassari e del suo territorio.

Il Weekend dei Gusti si svolge da sempre nel cuore della città, fra i vicoli, le botteghe, i ristoranti, i circoli, le trattorie del centro storico cittadino. 

Nell'entroterra pianeggiante della Sardegna Nord-Ovest, nella regione storica del Logudoro e a circa 10 Km da Sassari, si trova Usini. La cittadina è rinomata per la produzione di carciofi come lo Spinoso di Sardegna DOP, di olio extra-vergine d'oliva, per il quale è membro dell'Associazione Nazionale "Città dell'Olio" e il vino, tanto da far parte delle "Città del Vino".

Dedicato proprio al “nettare degli Dei”, tra gli eventi spicca Ajò a Ippuntare, rassegna dedicata al vino nuovo che si svolge tra novembre e dicembre.

"Questa terra non assomiglia ad alcun altro luogo".

David Herbert Lawrence

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti