Dal 22 al 28 febbraio avrà luogo la Milano Fashion Week Women’s 2022. Scopriamo la kermesse e come viverla… anche se non sei un addetto al settore!

Si accendono i riflettori su Milano: la Settimana della Moda è alle porte. In questi giorni magici la città si trasforma nella regina incondizionata della moda a livello mondiale, per ospitare le sfilate della Moda Donna Fall Winter 2022-2023.
In un clima di quasi normalità non mancheranno grandi ritorni e talenti emergenti, con sempre più Brand che scelgono le sfilate in presenza (ovviamente nel rispetto delle norme anti Covid), allestendo le loro runway nei posti più belli della città. La Milano Fashion Week Women’s Collection, però, non è “solo” passerelle. È una kermesse ricca di eventi, alcuni su invito e altri aperti al pubblico, è un’atmosfera magica fatta di vip, modelli e modelle che girano per le strade, lusso ed eleganza. È una città che si tinge di colori nuovi per promuovere valori importanti, è la ribalta di un regno che segue solo le proprie regole, dove nulla è eccessivo quando serve a portare alta la bandiera della creatività. Oggi, sempre di più, i temi cardine sono inclusione, unicità e sostenibilità, e così la bellezza diventa una bellezza buona, un’arma potentissima per rendere il nostro mondo migliore.

Ma come si fa a vivere tutto questo? Come la Camera Nazionale della Moda Italiana e i suoi partner hanno ideato la kermesse? Il programma prevede 169 appuntamenti, tra cui 67 sfilate (57 fisiche e 8 digitali), 69 presentazioni (59 fisiche e 10 digitali), 8 presentazioni su appuntamento e 9 eventi. Tuffiamoci insieme in questo universo fatto di riflettori dove i freni non sono proprio previsti.
Ecco le 5 cose da sapere assolutamente su questa edizione della Fashion Week per vivere Milano come non avete mai fatto prima.

5. Tappa obbligatoria: una visita al Quadrilatero della Moda e a Galleria Vittorio Emanuele II

Galleria Vittorio Emanuele II Milano

A Milano esiste un luogo da “Mille e una notte” chiamato Quadrilatero della Moda. È il quartiere dello shopping di lusso, delimitato da via Montenapoleone, via Manzoni, via della Spiga e Corso Venezia, che al suo interno comprende strade molto eleganti come via Santo Spirito, via Gesù, via Sant’Andrea, via Bagutta e via Borgospesso. Gli shopping-addicted vengono qui da tutto il mondo per fare acquisti negli showroom e nelle boutique, ma anche soltanto passeggiare e ammirare le vetrine dei negozi assomiglia a un’esperienza mistica per la cura nel design con cui sono progettate. Anche la vicina Galleria Vittorio Emanuele II, con la sua grande bellezza architettonica, è una galleria commerciale con locali e negozi da togliere il fiato!

Il Quadrilatero della Moda, però, è anche un luogo dove respirare la storia della città tramite esperienze culturali come la visita ad alcuni musei. Fra questi Museo Bagatti Valsecchi, ubicato in via Gesù, è una casa-museo ispirata alle abitazioni del Cinquecento lombardo, e Palazzo Morando, in via Sant’Andrea, è sede del museo della Moda e Costume del Comune di Milano.

Fino al 28 febbraio, inoltre, la scenografia “I colori diversi di una sola luce” dipingerà via della Spiga di tutti i colori dell’arcobaleno per simboleggiare inclusione sociale e valorizzazione delle unicità. Il cuore dell’installazione, l’hub creativo Spiga 26 scelto da alcuni Brand come location delle nuove boutique, verrà completamente illuminato da una luce fucsia.

Un’altra cosa. Lo sapevate che durante la Settimana della Moda è facilissimo incontrare per strada tantissime modelle, modelli e VIP che hanno fatto da testimonial per qualche marchio o che sono amici degli stilisti?

4. Come assistere alle sfilate

sfilata di moda

Purtroppo le sfilate della MFW sono un evento esclusivo, frutto proibito riservato agli addetti al settore, ai VIP, ai clienti più facoltosi o comunque accessibile solo su invito. Se non siamo influencer, fashion blogger, pop star, top model e nemmeno giornalisti o fotografi specializzati di diverse testate moda, però, esistono dei modi anche per noi di restare abbagliati dalle runway.

Un maxischermo posizionato in piazza San Babila permetterà di assistere all’evento dal cuore del Fashion District milanese, ma non dimentichiamo i canali online.
Sulla piattaforma milanofashionweek.cameramoda.it la Camera Nazionale della Moda Italiana offre agli utenti la possibilità di seguire in live streaming le sfilate digitali e dal vivo. Non solo: qui sarà disponibile anche una sezione in aggiornamento continuo dedicata agli showroom virtuali, con foto e video delle collezioni. Sul Fashion Channel di YouTube gli show saranno visibili anche post evento e non poteva mancare il contributo dei Social Network, dal profilo Instagram di Camera della Moda, a TikTok, Twitter, Facebook e Weibo. Inoltre, Tencent farà da tramite con il pubblico cinese.

Ma se vi dicessi che ci sono anche dei modi per assistere alle sfilate in presenza? Sì… potrete sentire il rumore dei tacchi calcare le passerelle, il profumo del lusso nell’aria e il calore dei riflettori sulla vostra pelle. Durante la settimana della moda, su alcuni portali come CharityStars vengono venduti dei biglietti all’asta. Si tratta di ingressi Vip il cui costo finale potrebbe non essere accessibile a tutti, che sarà poi devoluto in beneficenza. Si può partecipare anche a più di un’asta, ma dovrete essere attenti e veloci ad accaparrarvi i biglietti che, ovviamente, vanno a ruba! In alternativa qualche volta, dopo l’ingresso di tutti coloro che hanno il ticket cartaceo e sono in lista, se la location non è piena, è possibile che un ristretto numero di fortunati sia ammesso agli eventi. Con le normative anti Covid questa è diventata un’opzione piuttosto remota… ma non si sa mai! Quindi l’unica cosa che potete fare è raggiungere la location e munirvi di tanta pazienza.

Nella moda la capacità del design si esercita pienamente. […] ADI, nella sua missione di scoperta dell’innovazione e della qualità, è lieta di ospitare il Fashion Hub all’ADI Design Museum, un luogo dove tecnica e fantasia sono di casa.

Luciano Galimberti, President ADI Associazione per il Disegno Industriale

3. Eventi aperti al pubblico

Se volete vivere tutto quello che Milano durante la sua Fashion Week ha da offrire non potete perdervi gli eventi aperti al pubblico. Tra i più attesi c’è sicuramente “BEYOND THE NORM. White Milano & System Preferences present a hybrid of fashion, lifestyle, exhibition and art performances”, che si terrà presso il Museo MUDEC dal 25 al 27 febbraio dalle 9:30 alle 18:30.

È prevista anche l’inaugurazione di un nuovo Fashion Hub all’interno dell’ADI Design Museum (piazza Compasso d’Oro 1, ingresso via Ceresio 7) che ospiterà vari eventi dal 23 al 28 febbraio. Qui una sala verrà messa a disposizione dei brand presenti in calendario e sarà uno spazio dedicato alla promozione dell’inclusività e della sostenibilità e al supporto dei giovani.

In concomitanza con la Milano Fashion Week, IL PONTE CASA D’ASTE ospiterà, presso le sale di Palazzo Crivelli in via Pontaccio 12, tre giornate espositive aperte al pubblico dedicate agli arredi e al guardaroba della divina attrice Valentina Cortese. “VALENTINA CORTESE | A diva's furniture and wardrobe” è un’iniziativa patrocinata dal Comune di Milano e dalla Camera Nazionale della Moda Italiana, i cui proventi saranno devoluti all’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e al Piccolo Teatro di Milano. La mostra sarà visitabile il 25, 26 e 27 febbraio negli orari 10:00-13:00 e 14:00-18:00.

2. Eventi esclusivi su invito

Ci sono poi anche degli eventi esclusivi extra sfilate a cui si può accedere solo su invito. Fra questi l’Opening del nuovo Fashion Hub, che si terrà giovedì 22 febbraio presso l’ADI Museum, e “BVULGARI B.ZERO1 AVRORA AWARDS | Celebrating women and their talent”, organizzato da Bvlgari e Vogue Italia il 27 febbraio negli spazi dell’Università Bocconi; sempre il 27 febbraio alle 20:30 ci sarà la proiezione speciale del documentario “Elio Fiorucci- Free Spirit” presso la Triennale Milano, nel programma ufficiale dell’ottava edizione del Fashion Film Festival Milano (originariamente schedulato per la Fashion Week di gennaio). 

1. Chi parteciperà alla Fashion Week fra big e talenti emergenti

Arriviamo ora alle vere star della Settimana della Moda: gli stilisti. Sicuramente fra i big spiccano il ritorno in calendario di Gucci, sotto la direzione di Alessandro Michele (dopo due anni di assenza dalle passerelle), e di Bottega Veneta con il suo nuovo direttore creativo Matthieu Blazy. E poi ancora Trussardi che ha appena rinnovato la sua Brand Identity e reinterpretato il suo logo, Diesel, Plein Sport e re Giorgio Armani. Ci saranno anche Fendi, Alberta Ferretti, Roberto Cavalli, Prada, Moschino, Versace, Dolce&Gabbana e, fra i nuovi nomi, secondo gli esperti del settore, c’è molta attesa per le collezioni di Ambush e Palm Angels.

Camera della Moda in questi ultimi anni è sempre più impegnata nella promozione dei talenti emergenti e in questa stagione ha messo in campo una serie di iniziative per dare visibilità ai nuovi stilisti italiani e internazionali. Ad affiancarla la Maison Valentino, che di stagione in stagione ospiterà sul proprio canale IG @maisonvalentino lo show di un brand emergente. Per il debutto di questo progetto è stato scelto Marco Rambaldi, la cui sfilata è in programma mercoledì 23 febbraio alle ore 12:00.

Ecco il calendario ufficiale delle sfilate della MILAN FASHION WEEK F/W 2022/2023:

Mercoledì 23 febbraio

11:00 Calcaterra - via Pergolesi 8
12:00 Marco Rambaldi
13:00 Diesel - via Moncucco 35
14:00 Fendi - via Solari, 35
15:00 Del Core - via Gugliemo Rontgen 1
16:00 AC9 - via Calabiana 6
17:00 Alberta Ferretti
18:00 N21 - via Archimede 26
19:00 AndreAdamo
20:00 Roberto Cavalli

Giovedì 24 febbraio

09:30 MaxMara - piazza Lina Bo Bardi
10:30 Genny
11:30 Sunnei
12:30 Annakiki - via Calabiana 6
13:30 Anteprima (digital)
14:00 Prada - via Lorenzini 14
15:00 MM6 Maison Margiela
16:00 Daniela Gregis - Piazza Sant'Ambrogio 23
17:00 Emporio Armani - via Bergognone
18:00 Blumarine - via Valtellina 25
19:00 Moschino - via Piranesi 14
20:00 GCDS - via Besana 12
21:00 Plein Sport - via Manin 21

Venerdì 25 febbraio

21:30 Tod's - via Palestro 14
10:30 Missoni - piazza Carlo Stuparich 1
11:30 Sportmax - via Senato 10
13:00 Etro - via Conservatorio 12
14:00 Onitsuka Tiger
15:00 Gucci - via Mecenate 7
16:00 ACT N°1
17:00 Elisabetta Franchi - via Turati 34
18:00 Vitelli
19:00 Versace
20:00 Palm Angels - via Da Udine 45
21:00 Philipp Plein - via Manin 21

Sabato 26 febbraio

09:30 Ports 1961 - via Orobia 15
10:30 Ermanno Scervino
11:30 Budapest Select
13:00 Jil Sander
14:00 Dolce&Gabbana - viale Piave 24
15:00 Marni
16:00 Trussardi - piazza della Scala 5
17:00 Philosophy di Lorenzo Serafini - via Piranesi 14
18:00 Tokyo James
19:00 Ambush - via Moncucco 35
20:00 Bottega Veneta

Domenica 27 febbraio

09:30 MSGM - viale Piceno 17
10:30 Ferrari via B. Colleoni
11:30 DSquared2 - via Valtellina 7
12:30 Luisa Spagnoli - via Besana 12
13:30 Laura Bigiotti
14:00 Alexandra Moura
15:00 Giorgio Armani - via Borgonuovo
16:00 Cormio
17:00 Francesca Liberatore
18:00 Hui
19:00 Aniye Records - via San Luca 3
20:00 Han Kjobenhavn

Lunedì 28 febbraio

10:00 Joy Meribe
11:00 Munn (digital)
12:00 Vien (digital)
13:00 Fabio Quaranta (digital)

Il programma è in costante aggiornamento, quindi per restare informati controllate il sito di Camera Nazionale della Moda Italiana.

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti