Fermo ha mantenuto intatte le sue sembianze antiche. Camminare per le sue stradine in pietra e i suoi edifici rinascimentali trasporta in un’epoca lontana. Il paesaggio, le testimonianze storiche e una gustosa gastronomia rendono Fermo una tappa obbligata del Centro Italia.

Fermo, il borgo tra antico e moderno

20210826184213fermo paesaggio.jpg

Arroccata sulle pendici del monte Sabulo e distante pochi chilometri dalla costa, sorge l’antica città romana di Fermo. Borgo tipicamente medievale incastonato tra il mar Adriatico e i Monti Sibillini, Fermo presenta due volti: la parte storica, appunto, situata sulla sommità del colle Sabulo e rimasta quasi intatta nei secoli, e una parte nuova nella zona sottostante, dove le recenti costruzioni si fondono con quelle storiche, regalando un piacevole mix di antico e moderno. Visitare Fermo è una continua scoperta. Ti porta nei suoi saliscendi di viuzze spesso ripide e strette, per poi aprirsi in grandi e ariosi spiazzali dove gli spettacolari scenari paesaggistici naturali e urbani lasciano senza fiato. Lontana dal turismo di massa, Fermo è spesso meta di viaggi all’insegna dello slow tourism. Vale la pena dedicarle qualche giorno senza sottostare ai ritmi frenetici tipici dei viaggi mordi e fuggi. Vediamo insieme i principali luoghi di interesse di questo gioiello nascosto della regione Marche.


Piazza del Popolo

20210826184350fermo piazza del popolo.jpg

Salendo al centro storico, ci si imbatte immediatamente in Piazza del Popolo, magnifico spiazzale dalla configurazione architettonica quattrocentesca. La Piazza lunga e stretta è cinta da edifici a portici in cotto. A un estremo della piazza incontriamo il Palazzo Apostolico del '500, ora divenuto il Municipio della città; al lato opposto, la Piazza è chiusa sulla sinistra dal barocco Palazzo degli Studi, sede dell’importantissima Biblioteca Spezioli, e sulla destra dal Palazzo dei Priori, al cui interno vi sono i Musei Civici e la famosa Sala del Mappamondo, dove si trova il famoso Globo realizzato nel XVIII secolo completamente a mano e rivestito in carta di Fabriano. Piazza del Popolo è considerata il cuore della città, un vero e proprio salotto all’aria aperta dove gli abitanti e i turisti si riuniscono per godere di un momento di relax tra una chiacchiera e l’altra

Il Duomo

20210826184552Duomodifermotramonto.jpg

Salendo ancora di più, oltre la sommità del colle dove sorge Fermo, si raggiunge il punto più alto della città. Qui vi è il duomo, una maestosa cattedrale dallo stile neoclassico edificata su resti architettonici risalenti all’epoca romana e all’alto medioevo. Il Duomo affaccia su Piazzale del Girfalco dominando tutto l’abitato e regalando una vista panoramica spettacolare.

Le Cisterne Romane

20210826184639cisterne romane.jpg

A pochi passi da Piazza del Popolo, si trovano le cisterne romane, un’antica opera edilizia di sorprendente intelligenza ingegneristica risalente al 40 d.C. Il sistema serviva per procurare approvvigionamento idrico alla città, in modo tale che la distribuzione dell’acqua non ne lasciasse sprovvista nessuna zona. Grazie al suo buon stato di conservazione, il sistema di cunicoli adibiti alla raccolta dell’acqua piovana è tutt’oggi visitabile scendendo sotto il livello della città. Si estendono su oltre 2000 mq e, insieme a quelle di Istanbul in Turchia, sono le cisterne più vaste d’Europa.


Il Teatro dell'Aquila

20210826184841Teatro_dell_aquila.jpg

Sin dal XVI, Le Marche hanno sempre avuto una forte tradizione teatrale. Col tempo, questo legame con il teatro è maturato e, nei due secoli successivi, si è concretizzato nell’edificazione di varie strutture architettoniche che hanno contribuito allo sviluppo di questa magnifica arte nella regione. A Fermo, vale la pena visitare il Teatro dell’Aquila, uno dei più grandi delle Marche. Può contenere fino a 1000 spettatori e vanta di un mastodontico palcoscenico comprendente lo spazio adibito per le compagnie musicali. Costruito nel XVIII secolo, il Teatro ha poi subito diverse ristrutturazioni e il risultato finale è frutto degli ultimi rifacimenti del secolo scorso.


La costa

Fermo non è solo arte, storia e architettura. I suoi dintorni sono bagnati dall’azzurro mar Adriatico. I turisti sono deliziati dalle distese di sabbia dorata di Porto San Giorgio (località Bandiera Blu) che affacciano su splendidi tratti di costa incastonati in una rigogliosa natura circostante. Le strutture balneari accolgono i visitatori in un paesaggio costiero degno delle più rinomate località balneari italiane. Sole, divertimento e relax sono garantiti!


Gastronomia

La cultura gastronomica di Fermo si basa su tradizioni contadine e, quindi, piatti semplici provenienti dalla terra. Dall’Adriatico, poi, proviene il pesce azzurro, base di molti piatti di mare, come il famoso brodetto di pesce di Porto San Giorgio. La terra, invece, regala i prodotti genuini delle coltivazioni e dei pascoli, con i quali si preparano ricette “povere” ma gustose e anche pregiate carni, formaggi e insaccati. Non mancano anche ottimi vini provenienti dalle migliori coltivazioni autoctone di diverse uve. Infine, non possono mancare i dessert! Tra i dolci tipici, vale la pena assaggiare i cremini (crema dolce fritta) e il ciambellone della trebbiatura, tipico “dolce della nonna”, perfetto a colazione.


Comune di Fermo

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Unisciti alla Community più Esclusiva di Amanti dell'Italia nel Mondo