Il Centro Storico di Firenze con i suoi stretti vicoli, le sue strade acciottolate e le sue costruzioni medievali e rinascimentali è dal 1982 patrimonio mondiale dell’Unesco.

Il Centro storico di Firenze è Patrimonio Unesco per il suo aspetto ambientale rimasto immutato nel corso dei secoli e per la grandiosità delle opere artistiche in esso presenti. Firenze, circondata dalle colline toscane e attraversata dal fiume Arno nacque da un insediamento etrusco poi trasformato in colonia romana con il nome di Florentia, (fondata nel 59 a.C.).Tra il XV e XVI secolo sotto la signoria medicea raggiunse il massimo splendore grazie al fiorente commercio, alla preziosa produzione tessile e alla vivace vita culturale. Santa Maria del Fiore, la Chiesa di Santa Croce, gli Uffizi e Palazzo Pitti sono solo alcune delle opere magnifiche che si possono visitare oltre a ritrovare opere di grandi maestri come Giotto, Brunelleschi, Botticelli, Leonardo Da Vinci, Donatello, Masaccio e Michelangelo. I fiorentini hanno saputo conservare le tecniche costruttive originali con materiali da costruzione tradizionali come la "pietra forte", la "pietra serena", gli intonaci e gli affreschi ed ha rispettato le radici medievali ed identità rinascimentale. L'artigianato fiorentino unico e i negozi tradizionali del centro storico sono una testimonianza concreta del passato locale. 

Da Piazza del Duomo a Piazza della Signoria

L'attuale Centro Storico di Firenze copre 505 ettari ed è delimitato dai resti delle mura trecentesche della città. La sua struttura è tipica della città romana ed il decumano maggiore è rappresentato da via Del Corso che, ieri come oggi, con via dei Calzaiuoli rappresentano il centro della vita economica e commerciale della città. Il centro spirituale di Firenze è in Piazza del Duomo e Piazza San Giovanni dove si collocano la Chiesa di Santa Maria del Fiore e il Battistero di San Giovanni, quasi sicuramente il più  antico edificio religioso della città, impreziosito da diverse opere eccezionali tra cui spiccano le tre porte in  bronzo. Il Duomo lungo 153 m è la quarta chiesa al mondo, capace di contenere fino a 30mila persone. La basilica fu iniziata nel 1296 da Arnolfo di Cambio ma fu completata solo nel  1421 perchè alla sua morte trascorsero più di quarantanni prima che Francesco Talenti propose e realizzò una rielaborazione del progetto originario completandola. La Cupola affidata al Brunelleschi fu completata solo nel 1446. L'area orientale compresa tra piazza Duomo e piazza della Signoria ha invece conservato molti dei caratteri medievali ed in special modo lungo questo itinerario si trovano tra gli altri il Palazzo del Bargello, primo edificio pubblico di Firenze comunale, la Badia fiorentina, complesso monastico benedettino fondato nel 978,  palazzo Gondi, uno dei più rappresentativi palazzi fiorentini del Quattrocento,  Palazzo Pazzi, detto "della Congiura", perchè destinato alla famiglia che ordì il complotto contro i Medici nel 1478. Meta immancabile per ogni turista è  la splendida e famosa  Piazza della Signoria che, nonostante il trascorrere degli anni, ha mantenuto inalterato il suo fascino antico. In questa area scavi archeologici hanno dimostrato la presenza di importanti edifici di epoca romana, mentre nel medioevo vi dominavano le case torri delle famiglie ghibelline. Dal trecento questa zona è diventato il centro politico della città con Palazzo dei Priori (originariamente Palazzo Vecchio) e la Loggia della Signoria a cui si aggiunse poi il palazzo degli Uffizi. I meravigliosi Monumenti scultorei furono introdotti solo nella seconda metà del Cinquecento.  Il duca Cosimo I de’ Medici affidò a Giorgio Vasari la realizzazione del progetto degli Uffizi, maggior capolavoro dell’architettura fiorentina del XVI secolo. La costruzione iniziò nel 1560 e fu completata nel 1565 con il cosiddetto “Corridoio vasariano”, una sicura via di collegamento con palazzo Pitti. Il palazzo nato come sede degli uffici amministrativi del Ducato subito ospitò parte delle raccolte d’arte granducali ed altre importanti raccolte di pittura, nacque così la Galleria degli Uffizi, il più antico museo dell’Europa moderna in cui si susseguono tra gli altri opere dei grandi artisti italiani come Cimabue, Giotto, Masaccio, Perugino, Botticelli, Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Bellini, Tiziano, Giorgione, Tintoretto. Sono presenti poi importanti opere fiamminghe e dipinti del seicento e settecento oltre a reperti archeologici e sculture antiche, carte geografiche, la collezione di arazzi.                                                                                                                                                                                                                                                    

I Ponti sull'Arno

Il fiume Arno attraversa la città da est a ovest e una serie di ponti collega le sue due rive, tra cui Ponte Vecchio e Ponte Santa Trinità. Unico nel suo genere Ponte Vecchio con le sue botteghe orafe affascina e attira migliaia di turisti ogni anno. Venne costruito nel 1345 nel punto più stretto del fiume su tre solide arcate. Sulla mezzeria, uno slargo privo di botteghe una bella vista del fiume è il  posto preferito per una foto in ricordo della visita al particolare ponte. Slanciato e tra i più belli d'Europa a Ponte S.Trinità si sbocca passeggiando su via dei Tornabuoni. A costruirlo Bartolomeo Ammanati con una tecnica costruttiva ardita infatti scavalca l'Arno con tre arcate policentriche alle cui estremità sono poste quattro statue raffiguranti le stagioni. Il ponte fu distrutto dai tedeschi nel 1944, ma fu scrupolosamente ricostruito seguendo il progetto originale e recuperando anche dal fiume le pietre crollate. Ponte alla Carraia collega Piazza Goldoni con Piazza Nazario Sauro, mentre a collegare Lungardo Diaz e Lungarno Torrigiani è il Ponte delle Grazie. 

Patrimonio Unesco: i criteri

Il centro storico di Firenze è Patrimonio Unesco dal 1982 in quanto è stato definito come "una realizzazione artistica unica, un capolavoro, il risultato di un lavoro di creazione continuo nel corso di sei secoli" con una concentrazione di opere d’arte conosciute in tutto il mondo oltre a diversi Musei tra cui l' Archeologico, la galleria degli Uffizi, Palazzo Pitti.  Famosi nel mondo la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Battistero, il Campanile di Giotto, Piazza della Signoria dominata da Palazzo Vecchio e Palazzo degli Uffizi, solo per citarne alcuni. Il Centro storico di Firenze dal Quattrocento ha esercitato "un'influenza predominante sullo sviluppo dell'architettura o delle arti monumentali, prima in Italia e poi in Europa" ,del resto qui si sono affermati geni dell'arte come Michelangelo e Leonardo Da Vinci. Il Centro Storico di Firenze è una testimonianza eccezionale, sia come città mercantile del Medioevo, sia come città rinascimentale, conservando integre strade, logge, piazze, fontane. Firenze  è stata una potenza economica e politica in Europa tra il XIV e XVII secolo e proprio in questi lunghi anni sono stati costruiti prestigiosi edifici segno della magnificenza esistente. Tra questi si ricordano Palazzo Strozzi, Palazzo Medici-Riccardi, Palazzo Pitti, le Cappelle funebri dei Medici. Infine Firenze è la patria dell’Umanesimo moderno ispirato da Poliziano, Pico Della Mirandola, Ficino ed altri.


Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Unisciti alla Community più Esclusiva di Amanti dell'Italia nel Mondo