Antiche custodi della spiritualità e scrigni ricchi di tesori. Ecco le 10 chiese di Roma che devi assolutamente visitare

tickets banner

Roma ha un patrimonio di oltre 900 chiese, è la città che ha il maggior numero di chiese al mondo. Tra l’infinità di chiese noi abbiamo scelto per te, le 10 che devi assolutamente visitare. Sono le più antiche, le più belle,  custodi di storie meravigliose. Sono edifici maestosi, scrigni di tesori, luoghi che almeno una volta nella vita vanno varcati e scoperti. Le chiese di Roma ti permetteranno di accedere alla sua storia.  

Tra meno di un anno, il 24 dicembre 2024, il Papa aprirà la Porta Santa di San Pietro e darà avvio al Giubileo. Come un effetto domino, dopo la Porta Santa della Basilica di San Pietro verranno aperte le Porte Sante delle 4 Basiliche maggiori di Roma. Il Giubileo, che prenderà il nome Peregrinantes in spem (trad: Pelligrini nella speranza) è un anno molto speciale per la città di Roma, dedicato all’accoglienza dei tanti pellegrini e visitatori che arriveranno nella capitale della cristianità. La sua importanza è riconosciuta e rispettata dalle fedi di tutto il mondo.

Le 10 chiese di Roma da non perdere

Chiese di Roma le 10 che devi assolutamente visitare

In ogni angolo di Roma è possibile sentire echeggiare scampanii lontani o vicini, che rallegrano l’animo e attraggono verso la chiesa. In determinati orari è possibile ascoltare un vero e proprio tripudio di campane che mescolano melodie differenti. Ma da dove iniziare a visitare le numerose chiese di Roma e come sceglierle? Abbiamo pensato per te a un itinerario composto dalle 10 chiese di Roma che devi assolutamente visitare. Sono 10 Basiliche, che quindi hanno ricevuto un riconoscimento ufficiale per via della loro importanza storica, architettonica e religiosa.

Potrai includere le 10 chiese in un unico itinerario, magari spalmato su più giorni, oppure cogliere l’occasione di visitare ogni chiesa singolarmente, per poi approfittare di conoscere il quartiere nella quale è collocata. Ti daremo consigli e suggestioni per strutturare al meglio la tua visita. 7 delle chiese di cui ti parleremo fanno parte del giro delle 7 chiese, pellegrinaggio cristiano praticato fin dal medioevo in occasione dei giubilei. Ti suggeriamo di organizzarti per tempo, per rendere più facile la tua visita a Roma ti consigliamo il Rome Pass, un’unica card che da accesso alle principali attrazioni di Roma, incluso l’accesso illimitato ai mezzi pubblici per muoverti senza spendere molto. Vieni con noi a scoprire le 10 chiese di Roma che devi assolutamente visitare e il loro patrimonio artistico e spirituale.

Esplora Roma con il Visit Rome Pass

10. Basilica di San Pietro in Vaticano

Chiese di Roma, Basilica di San Pietro in Vaticano

Capolavoro dell’arte italiana, oltre a essere uno dei simboli più iconici della città di Roma, la Basilica di San Pietro in Vaticano è la chiesa più grande del mondo e rappresenta il cuore della spiritualità. Per la sua grandiosità e bellezza è considerata uno dei traguardi più importanti della storia dell’architettura ed è inclusa all’interno del Patrimonio dell’umanità UNESCO.

La Basilica sorge sull’antico sito dove la tradizione vuole che San Pietro, il primo degli apostoli di Gesù, fosse stato sepolto. Fu il mecenate dell’arte Papa Giulio II a commissionare i lavori di costruzione nel 1506, chiamando a sé tutte le maestranze dell’epoca. La costruzione vide quindi il contributo dei più grandi artisti e architetti del Rinascimento, il primo progetto è stato a opera di Donato Bramante, il progetto fu proseguito da Raffaello Sanzio, mentre a Michelangelo Buonarroti dobbiamo la grandiosa cupola, presente in tutti gli skyline della città di Roma e la Piazza antistante la chiesa, con l’imponente colonnato e i suoi effetti ottici è a opera di Gian Lorenzo Bernini.

Sia l’esterno che il magnifico interno in stile barocco della Basilica hanno una quantità enorme di spunti di visita, come ad esempio la statua de la pietà di Michelangelo, la statua in bronzo di San Pietro e il ricco baldacchino. Noi ti consigliamo di fare una visita attenta e assolutamente salire sulla cupola, la stessa dove salì Anita Ekberg durante il film la dolce vita di Federico Fellini, la salita alla cupola si può fare sia a piedi che in ascensore, ed è un’esperienza unica.

9. Basilica di San Giovanni in Laterano

Basilica di San Giovanni in Laterano, chiese di Roma

Anche definita la Cattedrale di Roma, la Basilica di San Giovanni in Laterano è la più antica e importante Basilica d’occidente, sede della diocesi di Roma retta attualmente da Papa Francesco. È detta anche arcibasilica perché è la più importante delle 4 Basiliche papali maggiori. È sita nelle vicinanze del colle del celio e oltre alla Basilica comprende un vasto complesso circostante che comprende anche la Pontificia Università Lateranense. Fondata tra il 311 e il 312 d.c. per volere dell’Imperatore Costantino, fresco di conversione.

I lavori di ristrutturazione dell’antica Basilica rimontano al XVII secolo e furono condotti da Borromini. Nel corso dei secoli fu costantemente arricchita di opere d’arte e monumenti, tra cui spiccano il celebre affresco di Giotto, il soffitto a cassettoni di Francesco Ligorio e il chiostro, capolavoro dell’arte cosmatesca di Pietro Vassalletto, membro della celebre famiglia di marmorari romani. Degna di nota nelle immediate vicinanze della Basilica la Scala Santa e la Cappella del Sancta Sanctorum, ambita meta di pellegrinaggio per i cattolici di tutto il mondo. Secondo la tradizione Sant’Elena, la mamma dell’Imperatore Costantino nel suo viaggio in Terra Santa fece smontare la scala, salita da Gesù per entrare al Sinedrio, al cospetto di Ponzio Pilato. I gradini vanno percorsi rigorosamente in ginocchio.

8. Basilica di Santa Croce in Gerusalemme

Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, chiese di Roma

Tra la Basilica di San Giovanni in Laterano e Porta Maggiore, troverai un’altra delle 7 chiese, la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme. Ti trovi nel quartiere Esquilino a ridosso delle mura Aureliane. All’inizio del IV secolo questo complesso fu scelto da Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, come abitazione e fu proprio grazie a lei che fu trasformato in Basilica cristiana. Fu sempre Sant’Elena a decidere di collocare in questo edificio la reliquia di una parte della croce di Cristo, da qui il nome della chiesa. L’attuale aspetto della Basilica risale al Settecento.

L’attuale facciata della chiesa è in stile barocco e l’interno è suddiviso in 12 colossali colonne di granito. Nell’area adiacente la Basilica nel 2004 è stato ricreato l’orto-giardino dell’antico monastero Cistercense. Le aiuole accuratamente coltivate ospitano erbe, alberi da frutta e varie specie di fiori la cui disposizione nasconde significati simbolici e risulta esteticamente gradevole. L’impressione che si riceve varcando il cancello d’ingresso è di straordinario equilibrio, pace e serenità.

7. Basilica di San Paolo fuori le mura

Basilica di San Paolo fuori le mura, chiese di Roma

La Basilica di San paolo fuori le mura sorge sulla via Ostiense nel quartiere di San Paolo. Spicca già da lontano per via dei suoi splendidi mosaici disposti sulla facciata, che a seconda del momento della giornata, riflettono una luce d’orata. La Basilica sorge sulle spoglie dell’apostolo Paolo, è un magnifico rifugio di pace per via del grande giardino con palme, che contorna la Basilica e riproduce idealmente l’Eden biblico. Un percorso botanico-scientifico ma anche teologico, filosofico e letterario. Tra i diversi ambienti si può ammirare l’Orto dei semplici in cui vengono coltivate, secondo la millenaria tradizione benedettina, le piante officinali impiegate nella realizzazione dei rimedi fitoterapici disponibili presso la Spezieria Monastica.

L’interno è maestoso, suddiviso in cinque navate da ottanta colonne monolitiche di granito. La navata centrale, più ampia, presenta alle pareti mosaici con ritratti di papi, che continuano anche nelle navate laterali, e affreschi con storie della vita di San Paolo. Sotto l’altare centrale si trova la tomba dell’apostolo Paolo. L’abside è dominata dal maestoso mosaico dove predomina il color oro, voluto da Innocenzo III (1198-1216) e terminato al tempo di Onorio III. Al centro la figura di Cristo, ai suoi lati i Santi Pietro, Paolo, Andrea e Luca Evangelista.

6. Basilica di Santa Maria Maggiore

Basilica di Santa Maria Maggiore

La Basilica di Santa Maria Maggiore è situata sulla sommità del colle Esquilino, fa parte anche lei delle 7 chiese di Roma. Svetta con il suo alto campanile ed è una chiesa molto speciale, con una storia affascinante alle spalle. La leggenda vuole che un ricco patrizio e sua moglie, non avendo figli, decidessero di dedicare una chiesa alla Vergine Maria, apparsa loro in sogno una notte di agosto del 352 d.c. Nel sogno, la Madonna li informò che un miracolo avrebbe indicato loro il luogo su cui costruire la chiesa. Anche il Papa del tempo fece lo stesso sogno e il giorno seguente recatosi sul colle Esquilino lo trovò pieno di neve, nonostante fosse estate.

Ogni anno, in occasione del 5 agosto viene ricordato il miracolo della neve in una celebrazione, durante la quale dalla sommità della Basilica, vengono liberati in aria dei petali bianchi. La Basilica di Santa Maria Maggiore è una delle chiese di Roma che merita davvero la visita, è un magnifico esempio di arte e architettura paleocristiana, al suo interno ci sono dei preziosi mosaici.

5. Basilica di San Clemente

Basilica di San Clemente, chiese di Roma

La Basilica di San Clemente è una vera chicca che ti vogliamo far scoprire, la Basilica si trova a 5 minuti a piedi dal Colosseo, tra il colle Oppio e il Celio. La chiesa si compone di due chiese sovrapposte, sorte sopra costruzioni romane dell'età repubblicana e sui resti di un tempio dedicato al dio Mitra. Il pavimento è intarsiato di marmi policromi è un esempio molto bello di stile cosmatesco. Nella cappella di Santa Caterina si possono ammirare gli affreschi con storie di vita della santa a opera di Masolino da Panicale.

Tra le chiese di Roma è l’unica che presenta 3 livelli di epoche storiche differenti. L’attuale Basilica è di origine medioevale, la facciata è sobria ed elegante, sul lato sinistro si trova il campanile, realizzato nel XVIII secolo. All’interno nell’abside uno splendido mosaico. Se ti trovi alla Basilica di San Clemente per sperimentare il quartiere è dovuto un salto al Colosseo, che è a poche centinaia di passi.

4. Basilica di San Marco Evangelista

Basilica di San Marco Evangelista, Roma

Centralissima la Basilica di San Marco Evangelista si trova a Piazza Venezia, di fronte al Vittoriano. La chiesa risale al IV secolo e si deve a papa San Marco. Restaurata a più riprese nel corso dei secoli, fu ricostruita nella forma attuale nel 1468 da papa Paolo II, che ne fece la chiesa dei veneziani a Roma. La chiesa è dedicata a San Marco Evangelista perché nei sotterranei dell’antica Basilica sono state rinvenute le ossa di molti martiri, tra cui quelle di San Marco.

Come varie chiese di Roma presenta più stili, la facciata è un raro esempio di eleganza di stile rinascimentale. Mentre il campanile è romanico a trifore, ornato da ceramiche antiche. Anche qui troverai uno splendido mosaico absidale e una tomba del 1796 ad opera di Antonio Canova.

3. Basilica di Santa Cecilia in Trastevere

Basilica di Santa Cecilia in Trastevere, Roma

La Basilica di Santa Cecilia in Trastevere sorge sulla casa nobiliare di Cecilia, una donna martirizzata nel 230 d.c. La povera martire accusata di avere provato a convertire suo marito alla religione cristiana fu martirizzata per 3 giorni; al terzo giorno vedendo che la donna non era ancora morte i suoi aguzzini la decapitarono. Secondo la leggenda la Santa apparve in sogno a Papa Pasquale I, rivelandogli il punto esatto dove era sepolto il suo corpo.

Lo stile con cui è costruita la chiesa è tardo paleocristiano, mentre dopo i vari rifacimenti la facciata e l’interno sono in stile barocco. Stupisce incontrare questa grande chiesa nei vicoli e vie strette del quartiere di Trastevere, dove, come dice lo stesso nome della chiesa, è sita. Il quartiere di Trastevere è molto suggestivo qui è piacevole incamminarsi per una lunga passeggiata alla scoperta di tutti i gioielli che racchiude.

2. Basilica di San Lorenzo fuori le mura

Basilica di San Lorenzo fuori le mura , Roma

La Basilica di San Lorenzo fuori le mura, detta anche, San Lorenzo al Verano, vista l’attiguità con il cimitero monumentale del Verano, è una delle 7 Basiliche di Roma che fa parte dell’antico pellegrinaggio praticato dai fedeli per il Giubileo, fin dal medioevo. Sono le chiese più antiche e importanti della città di Roma.

I lavori furono iniziati nel VI secolo e quello che osserviamo oggi è il risultato della fusione di due distinte chiese, edificate intorno alla tomba di San Lorenzo. La Basilica è antistante un grande piazzale, la facciata è stata ricostruita dopo i bombardamenti del ’43, il portico colonnato d’ingresso, presenta dei capitelli medievali. La semplicità della facciata farà in modo che ti stupirai della grandiosità degli interni. La Basilica si trova nelle adiacenze del cimitero monumentale del Verano.

1. Chiese di Roma ultimo consiglio: Basilica di San Sebastiano fuori le mura

Basilica di San Sebastiano fuori le mura, Roma

Le 10 chiese di Roma che devi assolutamente vedere si chiudono con l’ultima che abbiamo scelto per te, la Basilica di San Sebastiano fuori le mura. L’abbiamo scelta perché la chiesa è immersa in uno dei luoghi più belli e suggestivi di Roma, il parco dell’Appia Antica, una delle antiche vie consolari, usate dagli antichi romani. Anche la Basilica di San Sebastiano fa parte del giro delle 7 chiese.

La chiesa è intitolata a San Sebastiano perché qui riposano le spoglie del martire cristiano. La Basilica costituisce tuttora il fulcro della più ampia e conosciuta area di cimiteri paleocristiani di Roma; infatti, ti trovi nelle vicinanze di diversi accessi alle catacombe. La chiesa come succede presenta diversi stili perché fu iniziata nel IV secolo e rimaneggiata e completata nel XVII secolo. Ti suggeriamo una visita perché potrai completare la giornata camminando o rilassandoti nell’immenso parco verde dell’Appia Antica, se vuoi stancarti di meno ti suggeriamo di noleggiare una bici, sarà piacevole e divertente.

Potrebbe interessarti


Potrebbe interessarti