Firenze è una città unica, che non ha bisogno di presentazioni. Ogni angolo custodisce una sorpresa, ogni scorcio è una cartolina, ma se non hai molto tempo a disposizione oppure non sai scegliere cosa fare o cosa vedere, ecco una top 10 delle attrazioni davvero imperdibili di Firenze, disposte secondo un ideale itinerario da seguire a piedi o in bici.

10 Mercato centrale

Nel cuore di Firenze c'è uno storico mercato coperto, una struttura in ferro e vetro risalente al 1874. L'autore è l'architetto Mengoni, lo stesso che ha progettato la celebre galleria Vittorio Emanuele di Milano. Nel 2014 il mercato ha ripreso vita, al secondo piano dell'edificio. Oggi è un luogo frequentatissimo da turisti e locali, dove è possibile assaggiare o acquistare un'infinità di cibi e bevande a Km 0, per conoscere e apprezzare la ricchissima tradizione culinaria toscana e italiana.

9 Piazza del Duomo

A nemmeno dieci minuti dal Mercato Centrale si trova Piazza del Duomo. Un museo a cielo aperto che racchiude alcuni dei più importanti tesori d'arte del mondo. La chiesa di Santa Maria del Fiore, sormontata dalla celebre cupola di Brunelleschi, è l'elemento più emblematico dello skyline di Firenze. Accanto ad essa c'è l'altrettanto celebre campanile di Giotto, rivestito dai marmi policromi tipici del romanico toscano e arricchito dalle sculture di maestri come Donatello e Luca Della Robbia. Di fronte alla chiesa si trova il battistero, uno dei luoghi di culto più antichi della città, in origine probabilmente un tempio pagano dedicato a Marte. Oggi possiamo ammirare i marmi bicolore, le porte in bronzo progettate da Ghiberti e Pisano e all'interno la splendida cupola dorata rivestita dal mosaico dorato trecentesco che rappresenta il Giudizio Universale. È un'opera a cui hanno lavorato diversi artisti, tra cui Cimabue.

8 Casa di Dante

In via Santa Margherita, nei pressi di Torre della Castagna, in una delle aree più antiche della Firenze medioevale, si trova un suggestivo edificio che ospita il museo della Casa di Dante. L'edificio è una ricostruzione del XX secolo, ma sorge esattamente dove si trovavano le proprietà della famiglia Alighieri e dove nacque Dante, nel 1265. All'interno c'è un piccolo museo di tre piani che ripercorre le tappe della vita e della carriera del sommo poeta fiorentino e dove si può ammirare anche una copia della Divina Commedia del XIV secolo.

7 Santa Croce

Continuando a passeggiare per i vicoli della città antica si arriva a Piazza Santa Croce, dove sorge l'omonima chiesa progettata da Arnolfo di Cambio. È uno dei più prestigiosi esempi del gotico toscano e custodisce al suo interno opere di inestimabile valore, come gli affreschi di Giotto, il bassorilievo dell'Annunciazione di Donatello, sculture di Canova e molto altro. Questa chiesa ha anche un'altra particolarità, è considerata infatti il pantheon degli artisti. Qui riposano personaggi come Michelangelo, Ugo Foscolo, Gioacchino Rossini, Galielo Galilei e vi si trova anche il cenotafio di Dante, che però è sepolto a Ravenna.

6 Piazza della Signoria

Tornando verso l'Arno si incontra Palazzo Vecchio, l'edificio centrale di piazza della Signoria. La sua costruzione risale agli anni a cavallo tra XIII e XIV secolo e grazie alla sua originale forma è diventato il modello per tutti i palazzi pubblici costruiti successivamente in Toscana. La sua torre è alta 95 metri e domina la piazza, dalla sua sommità si gode un bellissimo panorama sulla città. Nella stessa piazza si trova anche la Loggia della Signoria, o Loggia dei Lanzi. In origine era uno spazio dedicato agli oratori che parlavano alla folla nelle occasioni ufficiali, ma dal '500 in poi è stata utilizzata come galleria delle statue all'aperto. Ancora adesso la piazza ospita alcune bellissime sculture di Donatello e Cellini, più una copia del David di Michelangelo, la cui versione originale si trova nella Galleria dell'Accademia.

5 Galleria degli Uffizi

Quasi a ridosso di Piazza della Signoria c'è un'altra meta imperdibile per chi visita Firenze: la Galleria degli Uffizi. Il complesso museale comprendente la Galleria delle Statue e delle Pitture, il Corridoio Vasariano e Palazzo Pitti. È una delle collezioni d'arte più ricche e complete del mondo, con capolavori di Raffaello, Botticelli, Tiziano, Caravaggio e moltissimi altri artisti italiani o stranieri. Anche la collezione di statue è ugualmente importante, con sculture di ogni epoca a partire dall'antichità romana. 

4 Ponte Vecchio

A pochi metri dagli Uffizi c'è il lungarno. Da qui si può ammirare una suggestiva veduta esterna di Ponte Vecchio, un altro dei tanti celebri simboli di Firenze. Il famoso ponte coperto ospita fin dal medioevo le botteghe degli artigiani. Un tempo si trattava di macellai e fruttivendoli, poi sostituiti dagli orafi. Ancora oggi infatti ci sono numerose gioiellerie storiche. Al centro le botteghe lasciano il posto a due terrazze panoramiche, su una delle quali c'è un monumento in bronzo dedicato a Benvenuto Cellini il più grande orafo di Firenze.

3 Giardino di Boboli

Una volta attraversato l'Arno lungo Ponte Vecchio, ci si imbatte in una meravigliosa oasi verde. È qui che i Medici hanno creato il prototipo del giardino all'Italiana, con viali dritti che definiscono spazi regolari. Tutta l'area del Giardino di Boboli è adornata di statue, grotte e fontane a cui nel corso dei secoli si sono aggiunti altri edifici, come per esempio il bel padiglione rococò del Kaffeehaus.

2 Piazzale Michelangelo

Sempre sulla stessa riva dell'Arno c'è una magnifica terrazza panoramica da cui si gode una splendida vista su Firenze e il suo fiume. Piazzale Michelangelo è stato progettato per celebrare il genio del grande artista, infatti comprende anche un edificio che avrebbe dovuto essere un museo. In realtà la piazza non ha mai svolto la sua originaria funzione ma per la sua posizione privilegiata rimane comunque uno dei luoghi più visitati della città. Vi si può arrivare in bus o in auto, in alternativa c'è una piacevole passeggiata che conduce al belvedere da Piazza Poggi, lungo l'ampia scalinata di marmo.

1 San Miniato al Monte

Continuando a risalire la collina oltre Piazzale Michelangelo, lungo Via delle Porte Sante, si può facilmente raggiungere la basilica di San Miniato al Monte, sul punto più alto della città. La sua bella facciata in marmi bianchi e verdi, in puro romanico toscano è visibile quasi da tutta Firenze. L'illuminazione notturna rende lo scorcio dal lungarno particolarmente suggestivo. Il complesso monumentale comprende anche il cimitero dove sono sepolti diversi personaggi illustri, tra cui Carlo Collodi, l'autore di Pinocchio.

Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti