Finalmente il giorno della partenza è arrivato, il momento tanto atteso d’imbarcarsi per una nuova avventura è giunto! I desideri e le aspettative che ci hanno accompagnato nelle settimane precedenti la partenza iniziano finalmente a prendere forma e l’emozione ci fa brillare gli occhi come piccole stelle. Ed eccolo lì, di fronte a noi, l’aeroporto, quel luogo magico dove i nostri sogni iniziano a

Chi ha provato il volo camminerà guardando il cielo, perché là è stato e là vuole tornare.

Leonardo da Vinci

L’ITALIA IN VOLO

20210904130745christopher-czermak-PamFFHL6fVY-unsplash.jpg

La penisola italiana è costellata di una miriade di aeroporti al punto che quasi ogni capoluogo di provincia ne conta almeno uno o due (con l’eccezione di Milano che ne ha ben tre). Soprattutto durante i mesi estivi quella di volare è una soluzione spesso molto conveniente per chi desidera visitare i luoghi più belli del nostro paese: i prezzi sono solitamente più bassi rispetto ai treni intercity e i tempi di percorrenza incredibilmente più bassi rispetto a quelli su gomma o via mare. Tutte le maggiori compagnie aere hanno collegamenti giornalieri con i principali aeroporti italiani, tanto le compagnie europee come Air France, British Airways, Iberia e Lufthansa, quanto le compagnie internazionali come American Airlines, Turkish Airlines, Emirates e Quatar Airlines (alcune in co-sharing), così come le compagnie aere low-cost quali WizzAir, Ryanair e EasyJet. Con l’arrivo del Covid19 il numero degli aerei che attraversano i nostri cieli si è ridotto drasticamente e questo si può tristemente notare a colpo d’occhio entrando in un qualsiasi aeroporto italiano: alcuni negozi nelle aree shopping non hanno riaperto, le code ai check-in sono decisamente più corte mentre i controlli dei documenti più lenti; nonostante questo sappiamo che il desiderio di scoprire le bellezze del nostro meraviglioso Paese è e sarà sempre vivo nel cuore delle persone e speriamo che presto i cieli torneranno ad accogliere tutti i viaggiatori che desiderano scoprire le meraviglie d’Italia


I fratelli Wright hanno creato la più grande forza culturale dopo l’invenzione della scrittura. L’aereo è diventato il primo World Wide Web, che avvicina persone, linguaggi, idee e valori.

Bill Gates

GLI AEROPORTI ITALIANI NEL 2021

20210904131513airport-2373727_1280.jpg

La International Air Transport Association (IATA), organizzazione internazionale che raggruppa centinaia di compagnie aeree di tutto il mondo, conferma che dopo il crollo del numero di passeggeri del 2020 a causa della pandemia anche nel 2021 la situazione rimarrà critica. Il direttore generale di IATA Willie Walsh prevede, secondo una stima prudente, un ritorno al traffico aereo del 2019 non prima del 2023. Nel mese di maggio di quest’anno si è visto un consistenze incremento del traffico aereo nei principali aeroporti italiani rispetto al 2020 quando l’Italia era appena uscita dalla fase di lockdown: in questa prima fase la maggior parte dei viaggiatori è stata di nazionalità italiana, mentre nei mesi seguenti, con l’apertura delle frontiere europee e grazie alla massiccia campagna vaccinale messa in atto dalla maggior parte dei Paesi, anche i turisti stranieri hanno ricominciato a volare in Italia. Secondo il neopresidente di Assareoporti Carlo Borgomeo, gli aeroporti italiani stanno vivendo «in attesa della ripresa», che non è ancora iniziata e che sarà piuttosto lenta. La situazione infatti è complessa, per diversi motivi: in parte perché gli aeroporti italiani sono stati tra i primi al mondo a chiudere per il rapido incremento di contagi a marzo 2020, in parte perché queste aziende per essere competitive sul mercato, garantire l’occupazione e l’indotto non possono ridurre gl’investimenti nonostante versino in gravi difficoltà economiche. Il trasporto aereo incide per 3,6% sul prodotto interno lordo italiano e da questo dipende direttamente anche tutto il comparto turistico dell’incoming. Secondo le stime dichiarate dall’ENAC, l’ente nazionale di aviazione civile, nel 2020 sono transitati dagli aeroporti italiani 52 milioni e 759mila passeggeri, con un calo del 72,5% rispetto al 2019: tra questi si contano 25 milioni di passeggeri dei voli nazionali (- 61,1%) e circa 27 milioni con voli internazionali che però rappresentano un calo più importante rispetto al 2019 (-78,3%): il dato è simile in tutti i principali aeroporti italiani.

Negli ultimi mesi sono arrivati segnali incoraggianti soprattutto per quanto riguarda i numeri del traffico domestico: per quanto riguarda i turisti stranieri invece gli arrivi sono strettamente vincolati alle misure restrittive stabilite da ciascun governo per i viaggi in Italia. Una prima previsione per il 2021 è stata fatta dall’aeroporto di Bergamo- Orio al Serio, il terzo scalo italiano per numero di passeggeri, che prevede di raggiungere durante questo anno circa la metà dei passeggeri ospitati nel 2019: si tratta purtroppo di una prospettiva da considerarsi ottimistica considerato che Orio al Serio ospita diverse compagnie aere low cost come Ryanair che possono portare in Italia cittadini europei forniti di green pass, mentre altri aeroporti italiani che avevano puntato di più su scali internazionali non riusciranno a raggiungere questi numeri.


In Italia parcheggiare un’auto all’aeroporto costa più del volo! Forse conviene andare in auto e parcheggiare l’aereo.

Maurizio Crozza

I 10 AREOPORTI ITALIANI CON PIU’ TRAFFICO PASSEGGERI NEL 2020

20210904131827plane-513641_1280.jpg

1- Roma Fiumicino (FCO) è il maggiore aeroporto italiano sia per traffico di passeggeri sia per il numero di persone che lo utilizzano come scalo in partenza o in arrivo. È un aeroporto molto ben servito sia per i vettori che vi transitano sia per il numero di destinazioni che raggiunge. Al suo interno troverete numerosi punti di ristoro ed è stato valutato da un sondaggio eseguito dal portale EDreams su 50.000 viaggiatori come uno dei migliori aeroporti per offerta di negozi, comfort, sale d’attesa e servizi. L’aeroporto è collocato a ovest di Roma e raggiungerlo non è difficile: è un ottimo luogo di partenza per visitare oltre al Lazio anche l’Umbria e l’Abruzzo.

2- Milano Malpensa (MXP) è indubbiamente il miglior aeroporto del Nord Italia: un vero e proprio polo logistico del capoluogo lombardo. Al suo interno troverete una vera e propria galleria commerciale di punti vendita con diversi brand famosi, sale riunioni e ristoranti. Milano Malpensa si trova molto vicino al centro di Milano ed è anche la miglior soluzione per chi vuole visitare il lago di Como, Varese, Novara, Lugano o qualche resort sulle Alpi sia in Italia che in Svizzera.

3- Milano Bergamo - Orio al Serio (BGY) nella classifica aeroporti italiani raggiunge il terzo posto per numero di passeggeri trasportati, ma è il numero uno per l’offerta dei voli low cost. Una delle caratteristiche vincenti di questo aeroporto è che offre una fantastica puntualità dei voli. L’aeroporto si trova a 30 minuti circa dalla città di Bergamo a nord di Milano ed è il punto di partenza ideale per visitare il Lago di Garda e in generale tutto l’arco alpino.

4- Aeroporto Fontanarossa di Catania (CTA) l’aeroporto di Catania è uno dei più importanti in Sud Italia per numero di passeggeri e un polo nevralgico per il turismo insulare. È comodamente collocato a circa 20 minuti di macchina dal centro di Catania e nelle vicinanze di Caltanissetta, Siracusa e Messina.

5- Aeroporto Marco Polo di Venezia (VCE) è un aeroporto cresciuto molto negli ultimi anni in termini di traffico aereo ma soprattutto di qualità dei servizi, risulta infatti essere il più amato tra i cittadini italiani e stranieri in transito. La sua posizione a soli 30 minuti d’auto da Venezia lo rende una soluzione molto apprezzata per tutti coloro che sono interessati a visitare la città dei Dogi ma anche per chi vuole spostarsi verso Padova, Vicenza, Treviso o, in generale, verso tutta la costiera Adriatica.

6- Aeroporto Capodichino di Napoli (NAP) Negli ultimi anni le compagnie low cost hanno molto investito sull’aeroporto di Capodichino rendendolo il maggiore per traffico passeggeri di tutto il Centro-Sud Italia. Si trova a soli 4 chilometri dalla stazione centrale di Napoli ed è un’ottima soluzione per visitare la costiera Amalfitana, quella Sorrentina e tutto l’entroterra campano.

7- Aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo-Punta Raisi (PMO) questo aeroporto, dedicato a due giudici eroi uccisi nella lotta contro la mafia, è il terzo aeroporto del Sud Italia per numero di passeggeri, dopo quelli di Catania e Napoli. L’aeroporto si trova a Cinisi, a 30 km a ovest di Palermo e non molto lontano da Alcamo, Mazara del Vallo e altre meravigliose località nell’est della Sicilia

8- Aeroporto Marconi di Bologna (BLQ) prima del Covid19 l’aeroporto di Bologna arrivava a toccare quasi 100 località tra cui 84 internazionali. Da qui ci sono ottime connessioni per il centro città, per Modena, Ravenna, Firenze, Ferrara e Rimini.

9- Milano Linate (LIN) è il vero aeroporto dei milanesi, collocato a soli 7 km da Piazza del Duomo, raggiungibile tramite navetta. Si tratta di un punto di partenza ideale anche per visitare la zona sud di Milano come le città di Pavia, Cremona e Piacenza.

10- Aeroporto di Cagliari-Elmas (CAG) si tratta del principale aeroporto della Sardegna ed è situato a circa 6km a nord ovest della città. L’andamento del traffico passeggeri è stato sempre in aumento prima della pandemia grazie all’aumento dei voli low cost che portano sull’isola passeggeri provenienti da tutta Europa.


Piaciuto l'articolo? Faccelo sapere

Potrebbe interessarti

Unisciti alla Community più Esclusiva di Amanti dell'Italia nel Mondo